Storie di ingegneria - Robert Maillart e l'emancipazione del cemento armato | Periti.info

Storie di ingegneria – Robert Maillart e l’emancipazione del cemento armato

Storie di ingegneria – Robert Maillart e l’emancipazione del cemento armato

Storie di ingegneria – Robert Maillart e l’emancipazione del cemento armato

Nato nel 1872 e scomparso nel 1940, Robert Maillart è stata una figura centrale nella storia dell’ingegneria strutturale. Svizzero, Maillart ha rivoluzionato l’uso del calcestuzzo rinforzato nelle strutture e per alcune scelte che hanno rimesso in discussione alcuni ‘dogmi’ dell’ingegneria strutturale.

Le sue innovazioni sono ravvisabili in particolare nei molti ponti da lui ingegnerizzati, tra i quali meritano di essere segnalati in particolare il Salginatobel Bridge e il Schwandbach Bridge.

Maillart è anche ricordato per il suo coraggio nel ‘non allinearsi’ (tecnicamente, ma anche politicamente) agli stardard imposti dall’autorità, e questo elemento è sicuramente ancora una fonte di influenza importante sull’attività di alcuni professionisti contemporanei, senza contare ovviamente l’influenza diretta delle sue innovazioni sull’opera di architetti e ingegneri (basti pensare a Santiago Calatrava).

Categoria
Autore Fausto Giovannardi
Sito Web http://www.giovannardierontini.it

Scarica il file



Potrebbero interessarti
Storie di ingegneria – Robert Maillart e l’emancipazione del cemento armato

Periti.info