Bioshopper falsi, arriva l'inchiesta | Periti.info

Bioshopper falsi, arriva l’inchiesta

wpid-24684_bioshopper.jpg
image_pdf

Il pm di Torino Raffaelle Guariniello ha aperto un fascicolo per frode in commercio in merito all’immissione sul mercato di ‘falsi sacchetti bio‘, ovvero sacchetti con la dicitura “biodegradabile” ma in realtà non conformi alla legge. L’apertura dell’indagine fa seguito alla denuncia fatta da Assobioplastiche.

Come rivela l’Ansa, i primi risultati dell’indagine svolta insieme ai Nas hanno confermato i sospetti dell’associazione. I responsabili delle aziende produttrici e distributrici saranno ora identificati e indagati.

In occasione dell’apertura dell’inchiesta, Assobioplastiche ha riepilogato gli obblighi normativi in tema di bioshopper derivati dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge di conversione (n. 116/2014) del decreto legge Competitività (n. 91/2014), che ha ribadito il divieto di commercializzazione degli shopper monouso non biodegradabili e compostabili.

All’interno della legge di conversione c’è una norma (art. 11, comma 2-bis) che fa scattare dallo scorso 21 agosto le sanzioni pecuniarie previste per la commercializzazione di sacchetti per la spesa in plastica, ad eccezione di quelli monouso biodegradabili e compostabili secondo la norma Uni En 13432:2002 e, ovviamente, di quelli riutilizzabili secondo precisi requisiti di spessore.

La sanzione per chi commercializza prodotti non conformi – anche gratuitamente – parte da 2.500 euro per arrivare a 25mila euro, aumentata fino a 100mila euro se la violazione riguarda quantità ingenti di sacchetti, oppure un valore della merce superiore al 20% del fatturato del trasgressore.

Per quanto riguarda i sacchi non biodegradabili e compostabili, gli spessori che questi debbono possedere per essere considerati riutilizzabili, e dunque commercializzabili, sono: 200 micron per i sacchi con maniglia esterna destinati all’uso alimentare; 100 micron per i sacchi con maniglia esterna non destinati all’uso alimentare; per i sacchi cosiddetti a fagiolo, cioè senza manici esterni, 100 micron se destinati all’uso alimentare, 60 micron se non destinati all’uso alimentare.

Copyright © - Riproduzione riservata
Bioshopper falsi, arriva l’inchiesta Periti.info