Car sharing a flusso libero, la 'svolta' di Milano | Periti.info

Car sharing a flusso libero, la ‘svolta’ di Milano

wpid-18130_cargomilano.jpg
image_pdf

Una flotta di auto ecologiche (modello Smart Fortwo) con prestazioni da 98 grammi di Co2/km, per coprire un’area di oltre 120 kmq, pari a quasi tutta la città: è Car2Go, il pionieristico progetto di car sharing sostenibile e “a flusso libero” avviato a Milano nei giorni scorsi e che già a settembre triplicherà i suoi numeri, passando da 150 vetture a 450. Non concorrenziale al servizio comunale GuidaMi, Car2Go propone una ‘piccola rivoluzione’: iscrivendosi, infatti, si può lasciare l’auto noleggiata in qualsiasi posto, utilizzando gli spazi delimitati dalle strisce gialle riservati a residenti e senza dover pagare su quelle blu.

L’iniziativa ha ricevuto il supporto di Legambiente, che fin dal 2001 aveva puntato sul capoluogo lombardo per il primo servizio italiano di car sharing. L’associazione ha assegnato a Car2Go il Premio Innovazione Amica dell’Ambiente 2012, per essere il primo servizio mondiale di car-sharing a flusso libero già attivo in alcune grandi città europee e americane. Secondo le stime, Car2Go potrà ridurre drasticamente il numero di auto proprie nei grandi centri abitati, andando a integrarsi con il sistema di trasporto pubblico e consentendo l’accesso all’utilizzo delle autovetture a costi contenuti.

Come spiega Legambiente, “la rete di trasporto pubblico della città di Milano ed il progetto car2go si completeranno a vicenda”, intendendo car2go come “la soluzione di trasporto alternativa per i pendolari in grado di ridurre il traffico ed al tempo stesso l’inquinamento in città”. La vettura Car2Go può essere prenotata fino a 30 minuti prima dell’utilizzo, utilizzando il sito web apposito, tramite Google Maps oppure con l’ App car2go. Si pagano solo i minuti di viaggio, mentre carburante e parcheggi sono inclusi.  

Copyright © - Riproduzione riservata
Car sharing a flusso libero, la ‘svolta’ di Milano Periti.info