Industria manifatturiera: missione Kazakistan guardando a Expo 2017 | Periti.info

Industria manifatturiera: missione Kazakistan guardando a Expo 2017

Il 21 settembre una missione in Kazakistan, Paese che ospiterà Expo 2017, per dare nuovi sbocchi all'industria manifatturiera italiana

kazakistac_COVER
image_pdf

Negli ultimi sei anni, l’Italia ha esportato verso il Kazakistan milioni di prodotti dell’industria meccanica. Solo nel 2010 si parlava di 193 milioni di euro di merci, un dato momentaneamente messo in ombra l’anno successivo per poi riprendere quota nel 2012 e nel 2013 sono stati due anni molto favorevoli per i rapporto commerciali tra i due paesi.

Ora il trend degli scambi è in diminuzione, fino a raggiungere nel 2015 125 milioni di euro di export della meccanica italiana a causa del perdurare della crisi del basso costo del petrolio, motivo per cui ancora sono congelati investimenti per 12mld di dollari destinati al comparto Oil&gas e legati allo strumento del giacimento di Kashagan.

Il dato sull’export meccanico italiano in Kazakistan è stato pubblicato da Federazione Anima, la Federazione delle Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica Varia ed Affine, in occasione della missione del 21 settembre, in cui le aziende della manifattura italiana incontrano i rappresentanti del paese kazako, con il quale durante Expo 2015 sono stati firmati due importanti memorandum d’intenti per sviluppare i rapporti economici e commerciali tra i due Paesi in relazione al settore della meccanica.

Per Anima il Kazakistan è un’opportunità perché “è il sesto paese più rilevante al mondo per risorse minerarie, il nono per estensione territoriale”. Non a caso nel 2017 ospiterà Expo sul tema Future energy e l’Italia sarà uno degli ospiti più attesi.

Copyright © - Riproduzione riservata
Industria manifatturiera: missione Kazakistan guardando a Expo 2017 Periti.info