Il Rapporto statistico sul fotovoltaico in Italia del Gse | Periti.info

Il Rapporto statistico sul fotovoltaico in Italia del Gse

wpid-15313_fotovoltaico.jpg
image_pdf

In Italia alla fine del 2012 gli impianti fotovoltaici installati sono 478.33, per 16.420 MW installati ed 18.862 GWh prodotti. Solo nel 2012 sono stati installati oltre 148.000 impianti per una potenza addizionale di 3.646 MW, una cifra che è pressappoco pari alla dotazione complessiva disponibile alla fine del 2010. L’ormai data diffusione del fotovoltaico è confermata dal fatto che nel 97% dei comuni italiani è presente almeno un impianto (nel 2006 la percentuale era l’11%). Il 96% degli impianti esistenti, inoltre, è collegato in bassa tensione con una taglia media di 11 kW.

È quanto emerge dal nuovo “Rapporto statistico sul solare fotovoltaico 2012”, pubblicato nei giorni scorsi dal Gestore servizi energetici, mentre a Milano è in corso la nuova edizione di Solarexpo, tradizionale appuntamento annuale dedicato alla tecnologia solare e fotovoltaica. Un quadro articolato che copre ogni aspetto della fonte energetica in Italia, dalla tecnologia ai dati regionali sugli impianti, fino all’aggiornamento sui sistemi di incentivazione.

Come è noto, Italia e Germania sono i Paesi che a livello mondiale hanno maggiormente investito sulla fonte fotovoltaica, sebbene la potenza installata tedesca risulti, alla fine del 2012, circa il doppio di quella italiana, superando i 32 GW.

Il parco nazionale degli impianti fotovoltaici è costituito principalmente da impianti incentivati con il Conto Energia e da altri impianti, installati prima dell’avvento di tale incentivo, che nella maggior parte dei casi godono dei Certificati Verdi o di altri incentivi. La crescita nel 2012 è pari al +45% rispetto agli impianti esistenti a fine 2011, ed è tre volte il numero degli impianti presenti a fine 2010 sul territorio nazionale. In termini di potenza, l’incremento maggiore si è verificato per gli impianti tra 3 e 20 kW (+47%), contribuendo sensibilmente così ad abbassare la taglia media degli impianti (da 38,7 kW del 2011 a 34,3 kW del 2012). Il fenomeno è legato alla riduzione nell’installazione dei grandi impianti determinata dal D.Lgs 1/2012 che ha posto delle limitazioni agli impianti a terra.

Su base mensile, giugno e agosto sono stati i mesi più interessati da nuove installazioni. A giugno sono entrati in esercizio oltre 1.337 MW, circa il 37% dell’installato nell’anno, mentre ad agosto il 24%, un flusso temporale spiegabile verosimilmente con le tempistiche definite dalle modalità di accesso agli incentivi. Oltre all’entrata in vigore dal 27/08/2012 del Quinto Conto Energia, agosto è stato l’ultimo mese nel quale gli impianti hanno potuto richiedere l’accesso al Quarto Conto Energia e alle sue tariffe incentivanti.

Lo sviluppo delle rinnovabili e in particolare degli impianti fotovoltaici ha trasformato radicalmente il sistema di generazione di energia elettrica in Italia. In pochi anni si è passati, da un sistema che faceva affidamento su un numero limitato di impianti di dimensioni medio-grandi, ad un sistema di generazione distribuita costituito soprattutto da piccoli e medi impianti rinnovabili. Secondo il rapporto il 96% degli impianti installati in Italia (458.265 su 478.331) sono collegati alla rete in bassa tensione, e circa 20.000 impianti sono connessi alla media tensione e rappresentano il 63% della potenza installata sull’intero territorio nazionale.

A livello regionale le differenze sono significative: il numero più elevato di impianti si riscontra al Nord, in particolare in Lombardia e in Veneto (rispettivamente con 68.434 e 64.941 impianti).La Puglia che detiene il primato sia in termini di potenza con 2.449 MW installati.

 Scarica il rapporto in versione integrale – fonte: Gse

Copyright © - Riproduzione riservata
Il Rapporto statistico sul fotovoltaico in Italia del Gse Periti.info