Impianti a fonti rinnovabili: il Report Irex 2015 | Periti.info

Impianti a fonti rinnovabili: il Report Irex 2015

Nonostante il calo degli incentivi, le rinnovabili sono un elemento portante del sistema elettrico italiano e un settore dinamico che investe sui mercati internazionali

wpid-26689_peritiimpiantifotovoltaici.jpg
image_pdf

La crisi del mercato interno e il calo degli incentivi pubblici spinge le aziende del settore delle rinnovabili a intervenire sui mercati internazionali, con 44 operazioni all’estero, soprattutto in America Latina, Stati Uniti e Africa, dove si è registrata una crescita del 75% rispetto agli investimenti del 2013. Globalmente, gli investimenti italiani all’estero per fornitura, ingegneria, costruzione e gestione di impianti di energie rinnovabili nel 2014 hanno raggiunto i 2,5 miliardi di euro.

“Strategie aziendali, competizione globale e politiche nazionali nel settore italiano delle rinnovabili”,  così si intitola l’ultimo Rapporto Annuale Irex, realizzato dagli economisti di Althesys, il think tank italiano di riferimento per l’industria delle energie rinnovabili e l’efficienza energetica, presentato il 24 aprile a Roma. Irex ha censito 205 operazioni, tra nuovi impianti e fusioni, pari a 7 miliardi di euro (-10% rispetto al 2013) e 4.736 megawatt di potenza. La sola produzione fotovoltaica ha ridotto di 896 milioni il prezzo all’ingrosso dell’elettricità.

“Abbiamo osservato un rafforzamento della tendenza alla concentrazione fra imprese, dove quasi la metà delle operazioni sono di acquisizione, con maggiore attenzione per le tecnologie fotovoltaiche ed eoliche”, commenta l’economista Alessandro Marangoni, coordinatore della ricerca e Ceo di Althesys “Gli investimenti per la costruzione di nuovi impianti, sia fotovoltaici sia eolici, sono stati pari a 1.800 megawatt, per un valore di 3,1 miliardi di euro, con un calo drastico degli investimenti in Italia a favore delle iniziative all’estero (circa l’88% della potenza) e un peso crescente degli operatori più grandi. Per l’Italia sono necessarie misure e politiche per sfruttare al meglio le risorse esistenti favorendo il rinnovo degli impianti obsoleti”. 

Nel mondo, sono almeno 138 i paesi le cui politiche energetiche prevedono il ricorso alle rinnovabili. Di questi, i paesi in via di sviluppo sono passati dai 15 del 2005 ai 95 attuali. In molti Paesi, come ad esempio Brasile, Cile, Messico, Usa, Sudafrica, Egitto e Marocco, le rinnovabili sono ormai competitive o addirittura più economiche delle fonti tradizionali.

VISITA LO SPECIALE “RINNOVABILI IN EDILIZIA

L’autore


Giorgio Tacconi

Nato a Milano nel 1956, laureato in giurisprudenza, svolge come libero professionista attività di comunicazione, informazione e consulenza tecnico-giuridica in tema di sicurezza negli ambienti di lavoro, tutela dell’ambiente e sostenibilità, responsabilità sociale d’impresa. Ha collaborato come autore di testi, siti e banche dati con Cedis, McGrawHill, Eco-comm, De Agostini, Rcs, Conde Nast, LifeGate, Sistemi Editoriali, Giappichelli.

Copyright © - Riproduzione riservata
Impianti a fonti rinnovabili: il Report Irex 2015 Periti.info