Nucleare: parere negativo della Conferenza delle Regioni | Periti.info

Nucleare: parere negativo della Conferenza delle Regioni

wpid-4054_nucleare.jpg
image_pdf

Roma, 27 gennaio 10.
Il Governo intende andare avanti sul fronte del nucleare. «Il parere negativo, ma non  vincolante, della Conferenza delle Regioni sul decreto legislativo per il rientro dell’Italia nel nucleare  conferma un atteggiamento pregiudizialmente negativo nel confronto sul futuro energetico del Paese», ha commentato Stefano Saglia, sottosegretario al ministero dello Sviluppo Economico con delega all’energia.

Il sottosegretario ha poi sottolineato come «il testo approvato dal Governo sia del tutto rispettoso delle prerogative delle Regioni, chiamate ad esprimere un’intesa sulle localizzazioni degli impianti,  esattamente come oggi è previsto per tutte le installazioni energetiche di interesse nazionale. Questa previsione potrebbe far venir meno il motivo principale dei ricorsi delle Regioni in Corte  Costituzionale».

Saglia ha rilevato che «il processo decisionale tracciato offre, inoltre, le massime garanzie di trasparenza e partecipazione sulle scelte, coinvolgendo non solo Regioni ed enti locali ma anche le popolazioni  interessate, sul modello dei Paesi più avanzati».

Il sottosegretario ha detto che «sorprende che il parere negativo coinvolga anche gli strumenti proposti per  dare finalmente soluzione al tema dei rifiuti radioattivi, già oggi presenti nel territorio nazionale, con ciò non venendo incontro alle comprensibili esigenze più volte segnalate dai Comuni sedi di impianti e depositi  nucleari».

«L’odierno parere negativo della Conferenza delle Regioni non condiziona il processo di approvazione definitiva delle norme, ora al vaglio delle Commissioni parlamentari», ha concluso il sottosegretario al ministero dello Sviluppo Economico.

Copyright © - Riproduzione riservata
Nucleare: parere negativo della Conferenza delle Regioni Periti.info