Dichiarazione di rispondenza degli impianti: dal CNPI la guida alla compilazione | Periti.info

Dichiarazione di rispondenza degli impianti: dal CNPI la guida alla compilazione

Alla redazione della dichiarazione di rispondenza degli impianti è spesso legata una serie di difficoltà di compilazione e di responsabilità del professionista che se ne occupa. Vediamo i chiarimenti del CNPI

dichiarazione di rispondenza
image_pdf

Approvata dal Consiglio nazionale dei Periti industriali e dei Periti industriali laureati a febbraio 2016, la guida alla redazione della dichiarazione di rispondenza degli impianti ha lo scopo di fornire indirizzi di carattere generale per favorire la diffusione di “buone prassi” in assenza di modelli che sono invece previsti per la Dichiarazione di conformità.

Pur non potendola considerare esaustiva, per la grande specificità dei singoli impianti per i quali dovrà essere rilasciata, la Dichiarazione di Rispondenza fornita del CNPI rimane comunque un valido punto di partenza. Infatti, qualora quanto indicato nelle procedure contenute non fosse applicabile il professionista è invitato ad adottare criteri alternativi. È possibile che, localmente, gli uffici degli enti preposti a valutare la documentazione tecnica possano seguire prassi diverse e/o richiedere integrazioni rispetto agli standard normativi previsti, quindi viene suggerito sempre di interagire con gli enti di riferimento territoriali e di prendere preventivamente tutte le informazioni necessarie.

La Dichiarazione di Rispondenza, introdotta dal D.M. n. 37/2008, è un documento sostitutivo della Dichiarazione di Conformità prevista dalla Legge n. 46/1990 e regolamentata dal D.P.R. n. 447/1991 con lo scopo di andare a sanare dal punto di vista documentale quegli impianti in cui la Dichiarazione di Conformità non fosse presente o reperibile. Risulta quindi fondamentale la definizione dell’ambito temporale su cui può agire la Dichiarazione di Rispondenza, che riguarda i soli impianti realizzati tra la data dell’entrata in vigore del D.P.R. n. 447/1991 (e contestuale nascita della Dichiarazione di Conformità) ed il 27 marzo 2008 (data dell’entrata in vigore del D.M. n. 37/2008 con l’introduzione della Dichiarazione di Rispondenza).

Il documento è costituito da un articolato e da diversi allegati, in modo particolare tra questi ultimi segnaliamo le schede procedurali, un modello di dichiarazione di rispondenza, uno schema di relazione tecnica descrittiva ed il facsimile delle schede dei controlli tecnici e strumentali da effettuare per giungere al rilascio della dichiarazione. Negli allegati proposti a corredo delle linee guida, si è fatto riferimento agli impianti in BT in quanto di prevalente diffusione.

Copyright © - Riproduzione riservata
Dichiarazione di rispondenza degli impianti: dal CNPI la guida alla compilazione Periti.info