L'Airi premia la Tekne-Fluff del Csm per l'innovazione industriale | Periti.info

L’Airi premia la Tekne-Fluff del Csm per l’innovazione industriale

wpid-23285_airi.jpg
image_pdf

E’ andato al Centro sviluppo materiali, Csm, il Premio Oscar Masi 2013, attribuito nel corso della dodicesima edizione della Giornata Airi per l’innovazione industriale, tenutasi lo scorso 26 maggio a Roma presso gli Horti Sallustiani. L’occasione ha visto anche la celebrazione dei 40 anni dell’Associazione italiana per la ricerca industriale.

Durante la cerimonia di consegna del Premio Oscar Masi 2013, giunto oggi alla sua 30ᵃ edizione, dedicato al Professor Oscar Masi, uno dei fondatori dell’Airi, la giuria composta da rappresentanti del Miur  e del Mise, dell’Airi e da tre esperti del settore di chiara fama, ha riconosciuto i meriti del Centro sviluppo materiali (Csm) per la tecnologia Tekne-Fluff – Tecnologia innovativa ad alta efficienza energetica ed a basso impatto ambientale per la produzione di energia elettrica e termica da fluff. L’innovazione Tekne-Fluff consente la valorizzazione ai fini energetici del car-fluff, costituito dal residuo principalmente polimerico prodotto dopo la demolizione e la frantumazione dei veicoli a fine vita ed i successivi trattamenti di separazione e recupero dei metalli.

Il car-fluff costituisce un problema aperto per l’intera filiera dell’automobile perché possa raggiungere gli obiettivi fissati dalle direttive Ue che impongono di recuperare dal 2015 il 95% del peso dei veicoli fuori uso, in termini di metalli e materiali plastici per l’85% e di energia per il 10%. Allo sviluppo di questo programma, coordinato dal Csm, hanno partecipato enti pubblici come Enea, Cnr-Istituto di ricerca sulla combustione di Napoli e l’Università di Napoli Federico II (Dipartimento di ingegneria chimica), in collaborazione con il Gruppo Arvedi, promotore industriale del progetto per conto della Rete di imprese Tekne.

La principale innovazione introdotta dalla tecnologia Tekne-Fluff si riscontra nel processo di gassificazione della fase polimerica, nell’impiantistica compatta ed efficiente e nel trattamento ad alta efficienza del gas di sintesi ottenuto per permettere il suo eventuale sfruttamento industriale e non solo quello energetico. Il progetto risulta quindi significativo sia per il recupero energetico del fluff sia per la riduzione dell’uso delle discariche. Questa metodologia risulta quindi in linea con un tema oggi molto rilevante in Europa quale quello dell’innovazione sostenibile.

A ricevere il premio dalla mani di Daniela A. R. Carosi, della direzione generale per la Politica industriale, la competitività e le pmi – Ministero dello sviluppo economico, Mauro Pontremoli, ad del Csm e i ricercatori del centro di ricerca coinvolti nello sviluppo dell’innovazione in collaborazione con le acciaierie Arvedi.

“Mai come in questo periodo il nostro Paese sembra essere percorso da propositi e ci auguriamo fatti che hanno nel rinnovamento e nel cambiamento la cifra distintiva. Parti consistenti della politica e delle istituzioni sembrano sposare queste tesi. Osservo però, non senza rammarico, che la ricerca, ed in particolare la ricerca industriale e lo sviluppo tecnologico che sono il motore principe dell’innovazione, in grado di rilanciare concretamente le nostre imprese, non godono ancora della dovuta attenzione e rilevanza”, ha sottolineato il presidente di Airi Renato Ugo. Ha partecipato alla giornata anche Daniela A. R. Carosi, della direzione generale per la Politica industriale, la competitività e le pmi del Ministero dello sviluppo economico.

Copyright © - Riproduzione riservata
L’Airi premia la Tekne-Fluff del Csm per l’innovazione industriale Periti.info