L'impianto che separa i metalli dalle ceneri dei rifiuti | Periti.info

L’impianto che separa i metalli dalle ceneri dei rifiuti

wpid-12630_kezohinwilinceneritore.jpg
image_pdf

È stato realizzato in Svizzera il primo sistema al mondo in grado di recuperare dalle ceneri secche i metalli ferrosi e non ferrosi. Il sistema, chiamato Ecobelt Wa e realizzato dall’italiana Magaldi, è stato installato nell’inceneritore “Waste to Energy” di Kezo a Hinwil nel Cantone di Zurigo.

Questa tecnologia utilizza aria, e non acqua, per raffreddare le ceneri pesanti dei rifiuti, permettendo in questo modo di separare dalle ceneri i metalli anche nelle frazioni microscopiche dalle sostanze inerti. Il recupero dei metalli dai rifiuti è un sistema virtuoso dal punto di vista ambientale ed economico, poiché ne consente il riciclo infinite volte, riducendo il ricorso alle risorse naturali.

I metalli recuperati (rame, alluminio, zinco, piombo, palladio, metalli rari e anche l’oro e l’argento) vengono ceduti alle fonderie che li trasformano in lingotti e li restituiscono al mercato per il riutilizzo. Recuperati i metalli, resta la frazione inerte delle ceneri, che viene riutilizzata nelle opere civili, contribuendo a ridurre il continuo ricorso alle risorse naturali per produrre materiali da costruzione. 

In Svizzera sono operativi 27 inceneritori “Waste to Energy”, in grado di generare dai rifiuti elettricità sufficiente per 250.000 economie domestiche. Se si considera che ogni giorno ciascun abitante della Terra produce in media 2 kg di rifiuti, si riesce ad avere un’idea del notevole potenziale di generazione elettrica che questa tecnologia permetterebbe. Secondo gli esperti del settore, nei prossimi anni la maggior parte dei termovalorizzatori in Europa saranno equipaggiati con il nuovo innovativo sistema di recupero dei metalli.

 

V.R.

Copyright © - Riproduzione riservata
L’impianto che separa i metalli dalle ceneri dei rifiuti Periti.info