Big data e business analytics: verso nuove competenze professionali | Periti.info

Big data e business analytics: verso nuove competenze professionali

wpid-17182_BigData.jpg
image_pdf

Politecnico di Milano e Ibm hanno annunciato la creazione di un nuovo Centro per l’innovazione, primo nel suo genere in Europa, dedicato ai big data e alla business analytics il cui obiettivo, secondo un modello di aperta collaborazione esteso nel tempo, è il riconoscimento della loro rilevanza, sia in ambito accademico sia nel business, attraverso specifici programmi di formazione delle competenze.

I big data, insieme all’area della business analytics, individuano oggi uno dei fenomeni a più elevato tasso di sviluppo in tutto il mondo, con ripercussioni attese su ogni tipo di organizzazione in termini di sfide e opportunità.

Le stime di Idc, secondo cui il valore dei servizi tecnologici correlati passerà dai 3,2 miliardi di dollari di tre anni fa ai 16,9 miliardi del 2015, equivalgono – come ricorda il Mit – a un incremento del 5% nella produttività aziendale.  Entro il medesimo orizzonte temporale, Gartner prevede la creazione di 1,9 milioni di posti di lavoro per il solo mercato statunitense mentre un’indagine condotta da Insead, Empirica e Idc Europe indica che i trend di crescita di big data e analytics genereranno, secondo i due scenari più probabili, un volume di nuovi ‘digital job’ compreso tra le 372.000 e le 864.000 unità.  Il 70% di tale domanda dovrebbe coprire le esigenze espresse dalle piccole e medie aziende.

Il nuovo Centro per l’Innovazione nasce proprio per stimolare la preparazione universitaria e le potenzialità di nuovo business su percorsi di sviluppo convergente, agevolando la comprensione dei fenomeni e aprendo la strada a percorsi di carriera specializzati. In sintesi, la visione di Ibm e Politecnico di Milano per il prossimo quinquennio prevede di focalizzare gli sforzi su cinque specifici programmi che vanno dalla laurea Magistrale al PhD, dai corsi post-graduate della School of Management agli ambiti delle start-up e degli spin-off, fino al coinvolgimento delle imprese.

Formazione di nuove competenze professionali, creazione di una cultura che riconosca il valore strategico della gestione dei dati – e il processo decisionale a esso legato – a sostegno dell’imprenditorialità e delle stesse organizzazioni già posizionate sul mercato sono le finalità ultime dell’iniziativa il cui comune denominatore resta una costante attività di ricerca.

“La business data analytics è un’area di ricerca che riteniamo strategica ed estremamente promettente – ha affermato il rettore del Politecnico, Giovanni Azzone -. Sviluppare questo progetto con un partner come Ibm pone il nostro nuovo Centro in una posizione di avanguardia accademica e consentirà al contempo a questa grande azienda di poter collaborare con un gruppo di ricerca estremamente qualificato. Sono sicuro che i risultati di questa partnership porteranno grandi soddisfazioni ad entrambi”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Big data e business analytics: verso nuove competenze professionali Periti.info