La Regione Marche punta sulla casa intelligente | Periti.info

La Regione Marche punta sulla casa intelligente

wpid-2670_wsdhouse00x00.jpg
image_pdf

Il progetto è stato illustrato la scorsa settimana  a Roma dal Presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca, accompagnato tra gli altri dal Rettore del Politecnico delle Marche Marco Pacetti, al Ministro dell’Universita’ e della Ricerca Mariastella Gelmini. Obiettivo, la definizione dei presupposti di fattibilita’ e la sottoscrizione di un Accordo di programma quadro. ”Presentiamo un progetto innovativo dal punto di vista tecnologico e con forte propensione alla ricerca – ha spiegato il presidente – che fa leva sulla connotazione del tessuto produttivo marchigiano che vanta molteplici eccellenze nel settore degli elettrodomestici e della meccanica. Si partira’ dalla ”casa intelligente” basata sull’integrazione degli impianti tecnologici presenti in un’abitazione allo scopo di migliorarne il comfort in modo particolare per anziani e disabili, la sicurezza ed ottimizzare i consumi di energia, per poi ampliare il settore a tutte le opportunita’ che sapremo individuare. Attualmente – ha aggiunto – siamo l’unica regione italiana a non avere un accordo di programma con il Ministero istruzione universita’ e ricerca in materia di distretti tecnologici.

La crisi produttiva in atto impone invece un’accelerazione all’attuazione di questo progetto, pronto e solo da attuare, per riorientare in chiave innovativa le aziende interessate, consentendo il loro rilancio e salvaguardando posti di lavoro”. ”Verranno favorite le capacita’ regionali di ricerca, stimolata l’innovazione soprattutto nelle piccole e medie imprese, promossa l’imprenditorialita’. Si creera’ – ha detto ancora Spacca – un sistema di finanza innovativa, si favorira’ la competitivita’ e si potenziera’ la formazione.

Le imprese inoltre avranno la possibilita’ di accedere ai bandi per il sostegno dell’innovazione e di ottenere dotazioni strumentali per i laboratori di ricerca”. Il Ministro Gelmini, affiancata dal neodirettore del Dipartimento di Innovazione tecnologica Antonio Agostini, ha assicurato la massima attenzione e una rapida attivazione dei Servizi per l’approfondimento del progetto, fissando un secondo incontro tra venti giorni. Gelmini ha sottolineato in particolar modo la volonta’ di legare il progetto marchigiano alla Riforma universitaria in dirittura di arrivo che prevede il trasferimento di conoscenze per il sostegno e lo sviluppo dell’imprenditorialita’ giovanile. Lo studio di fattibilita’ prevede come copertura finanziaria del progetto 50 mln di euro, di cui il 50% a carico del Ministero e il 50% a carico della Regione.

Fonte: Asca

Copyright © - Riproduzione riservata
La Regione Marche punta sulla casa intelligente Periti.info