La tecnologia di consumo recupera lo 0,3% | Periti.info

La tecnologia di consumo recupera lo 0,3%

wpid-12194_smartphone.jpg
image_pdf

Modesti segnali di ripresa per il mercato della tecnologia di consumo in Italia. Invertendo un trend che proseguiva dal 2010, il mercato del settore nel secondo trimestre riacquista un segno positivo (+0,3%), per un giro d’affari che si aggira intorno ai 4,1 miliardi di euro (8,2 complessivi da gennaio). È quanto emerge nella ricerca realizzata da GfK Temax Italy sul mercato dei Tcg (Technical Consumer Goods) in Italia.

A trainare il comparto è la telefonia (+19,2%), seguita dalle incoraggianti performance di Informatica (+1,4%) ed Elettronica di Consumo (+0,9%). Restano negativi invece i settori dei Piccoli elettrodomestici e Home comfort (-3,9%), Fotografia (-6,7%), Grandi elettrodomestici (-8,5%) ed Office equipment (-10,0%).

Già rilevata nel primo trimestre 2012, la crescita del settore della telefonia raggiunge il +19,2% rispetto allo stesso periodo del 2011, con un fatturato superiore agli 830 milioni di euro. A spiegare tale fenomeno lo “storico sorpasso” degli smartphone sui cellulari tradizionali, in particolare con la diffusione di prodotti della fascia “entry level”, che influenza anche la vendita di accessori.

Cresce anche l’informatica trainata dai nuovi dispositivi hardware per la fruizione della rete, nello specifico i Tablet multimediali, che triplicano il loro fatturato. Significativo anche il successo degli e-Reader Wifi, favoriti anche dalla sempre maggiore diffusione di titoli in italiano. Buona anche la performance dei router con modem, che realizzano la necessità di un miglioramento di velocità e qualità di connessione negli standard wireless di trasmissione dati.

Il modesto segnale positivo dell’elettronica di consumo (+0,9%, 910 milioni di fatturato) si deve in gran parte alle Tv e Set-Top-Box che hanno beneficiato del passaggio al digitale terrestre delle regioni del Sud Italia, decretando pertanto la fine dell’effetto “switch off” che ha contrassegnato il comparto negli ultimi 3 anni.

Continua invece la crisi sul fronte dei piccoli elettrodomestici, dove si salvano solo gli epilatori con tecnologia a luce pulsata (Ipl), i Robot aspirapolvere e le Kitchen Machines (macchine impastatrici). Crisi nera anche per la fotografia (un fatturato da soli 146 milioni) che però registra l’aumento del prezzo medio di vendita, mentre nel settore dei grandi elettrodomestici la flessione si riduce ma rimane consistente. Da registrare, infine, il crollo dell’Office Equipment, da spiegarsi con il decremento di un oggetto come la stampante, sia laser che inkjet.

 

V.R.

Copyright © - Riproduzione riservata
La tecnologia di consumo recupera lo 0,3% Periti.info