Polistirene espanso sinterizzato: il mercato italiano nel 2011 | Periti.info

Polistirene espanso sinterizzato: il mercato italiano nel 2011

wpid-11449_eps.jpg
image_pdf

Aipe, l’ Associazione italiana polistirene espanso, ha elaborato l’annuale indagine statistica sull’andamento del mercato italiano del polistirene espanso sinterizzato (EPS) per l’anno 2011.

L’indagine è basata sui dati dichiarati dai soci produttori di materia prima e fornisce una foto concreta e aggiornata del business italiano dell’EPS, suddiviso nelle 3 tecnologie produttive (blocco, preformati e perle sfuse) per l’edilizia e l’imballaggio, i due principali settori applicativi, e per gli altri utilizzi finali.

Con 90.000 tonnellate l’edilizia si conferma ancora il principale settore applicativo, pur evidenziando una flessione di circa il 4% rispetto al 2010 legata alla crisi delle nuove costruzioni solo parzialmente compensata dagli incentivi fiscali per l’efficienza energetica, che hanno premiato nelle ristrutturazioni le eccellenti proprietà isolanti dell’EPS.

Discorso inverso per l’imballaggio che, con un consumo di 48.000 tonnellate, cresce di circa il 4% sul 2010 soprattutto grazie ai preformati che passano da 27.000 a 32.000 tonnellate.

Dal 1998 al 2004 il mercato dell’EPS è costantemente cresciuto, in media del 5,6%. Un lungo trend positivo interrotto nel biennio 2005 – 2006 da una lieve riduzione media di circa l’1%.

Nel 2007 i consumi totali di EPS hanno registrato un nuovo deciso incremento di oltre il 6%, dato confermato anche nel 2008.

Andamento oscillante negli ultimi 3 anni: nel 2009 si è assistito ad un calo di circa il 3% cui è seguita l’anno successivo una positiva ricrescita (+2,1%) e nel 2011, con 141.000 tonnellate, una flessione molto contenuta (-1,4%) anche considerando il periodo di forte crisi economica globale.

Scarica la tabella dei consumi

C.C.

Copyright © - Riproduzione riservata
Polistirene espanso sinterizzato: il mercato italiano nel 2011 Periti.info