Primo trimestre critico per l'elettronica | Periti.info

Primo trimestre critico per l'elettronica

wpid-2679_anie.jpg
image_pdf

I dati dell’Istat confermano un primo trimestre 2009 “particolarmente critico per l’industria italiana dell’elettrotecnica e dell’elettronica, che continua ad avvertire con profonda intensità gli effetti della crisi sul mercato interno e sulle principali aree di sbocco”.
E’ il commento di Confindustria Anie ai dati pubblicati oggi dall’Istat su fatturato e ordinativi dell’industria. “La debolezza diffusa della domanda estera e interna – ha dichiarato Guidalberto Guidi, presidente di Confindustria Anie -penalizza la performance settoriale, fotografata dagli ultimi dati diffusi dall’Istat. Nel mese di maggio, a distanza di due mesi dal periodo di riferimento della rilevazione Istat, avvertiamo in alcuni comparti timidi barlumi di ripresa. Il sentiment comune agli imprenditori è che i primi segnali anticipatori di decelerazione della crisi originino più dal fronte estero che dal canale domestico”.
Le dinamiche recessive, si legge nella nota Anie, “indeboliscono” il manifatturiero nella sua totalità e non fa eccezione l’industria italiana delle tecnologie, elettronica ed elettrotecnica, i due comparti rappresentati da Confindustria Anie, i cui dati di fatturato nei primi tre mesi del 2009 intercettano “un diffuso indebolimento della domanda per l’elettronica e per l’elettrotecnica. L’export “perde la forza propulsiva consolidata in anni recenti”. Desta “preoccupazione” osservare come nel primo trimestre dell’anno il calo tendenziale sia maggiore proprio per i comparti dell’elettrotecnica (-20,3%).
In forte arretramento, in particolare, la domanda proveniente dai Paesi Ue (-20,6% per l’elettrotecnica, -23,0% per l’elettronica).

Fonte: Apcom

Copyright © - Riproduzione riservata
Primo trimestre critico per l'elettronica Periti.info