In Eppi e' partita "l'operazione trasparenza" | Periti.info

In Eppi e’ partita “l’operazione trasparenza”

wpid-2516_eppi.jpg
image_pdf

Sono 1.134 i periti industriali che hanno regolarizzato la posizione con l’ente di previdenza, presentando le dichiarazioni mancanti o dichiarando di non esercitare la libera professione.

Un risultato positivo se consideriamo che rappresentano circa il 60% – rispetto ad un totale di 1.952 – dei liberi professionisti incentivati dalla possibilità di mettersi in regola entro il 31 gennaio 2013 senza dover pagare alcuna sanzione per il ritardo.

Si tratta di situazioni molto diverse tra loro e di professionisti di età variabile, che nella maggior parte dei casi (908 su 1.134) hanno semplicemente deciso di sanare la situazione. Un passo in avanti per la loro futura pensione, dato che fino ad adesso i ritardatari avrebbero accantonato solo il minimo annuale.

Ora invece si parla complessivamente di circa 4.520.000 euro di contributi soggettivi che verranno versati nei salvadanai dei singoli iscritti, facendo quasi raddoppiare il livello di contribuzione garantito in precedenza dai soli minimi d’ufficio, con un aumento complessivo di +2.533.000 euro per un flusso di circa 2.390 nuovi documenti.

Copyright © - Riproduzione riservata
In Eppi e’ partita “l’operazione trasparenza” Periti.info