Prevenzione incendi negli alberghi: che cosa cambia con la nuova regola tecnica? | Periti.info

Prevenzione incendi negli alberghi: che cosa cambia con la nuova regola tecnica?

Una sintesi dei principali contenuti della nuova regola tecnica per la sicurezza antincendio negli hotel che possono contenere tra i 25 e i 50 posti letto

antincendio_uscita_sicurezza
image_pdf

Il decreto 14 luglio 2015 del ministero dell’Interno, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 170, ha aggiornato le disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere che hanno una dotazione di posti letto tra i 25 e i 50 posti. Di seguito analizziamo in sintesi i principali contenuti della regola tecnica.

1. Ubicazione

Le attività ricettive possono essere ubicate in edifici costruiti per tale specifica destinazione, isolati o tra essi contigui, oppure contigui e separati da altri aventi destinazioni diverse;
oppure nel volume di edifici aventi destinazione mista, prive di attività in cui sono detenute o manipolate sostanze o miscele pericolose, o in cui si effettuano lavorazioni pericolose ai fini dell’incendio o dell’esplosione.

 

 

2. Separazioni – Comunicazioni

Le attività ricettive possono comunicare con:
a) attività ad esse pertinenti, nel rispetto delle specifiche norme tecniche di prevenzione incendi;
b) attività non ad esse pertinenti, tramite filtro a prova di fumo ed a condizione che le rispettive vie di esodo siano indipendenti, salvo quanto previsto per le destinazioni miste.
3. Caratteristiche costruttive

Resistenza al fuoco. Per le strutture portanti e gli elementi di compartimentazione, orizzontali e verticali, deve essere garantita una classe di resistenza al fuoco non inferiore a 30.

Reazione al fuoco. Negli atri, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale, nelle rampe, nei passaggi in genere ed in tutti gli spazi adiacenti e non separati dalle vie di esodo:
• si devono utilizzare prodotti aventi una delle classi di reazione al fuoco distinte in funzione del tipo di impiego previsto;
• è consentito, a precise condizioni, mantenere in opera materiali, ivi compresi arredi non classificati ai fini della reazione al fuoco, fino ad un massimo del 25% della superficie totale dell’ambiente in cui sono collocati. Nel computo dei materiali suddetti sono inclusi i rivestimenti lignei ma esclusi i mobili imbottiti.
In tutti gli ambienti devono essere rispettate le seguenti condizioni:
• i materiali suscettibili di prendere fuoco su entrambe le facce (tendaggi, drappeggi e sipari) devono essere di classe di reazione al fuoco non superiore ad 1;
• i mobili imbottiti posizionati nelle vie d’esodo ed in tutti gli spazi adiacenti e non separati dalle vie di esodo, ed i materassi devono essere di classe 1 IM e di classe 2 IM nei restanti ambienti.

Compartimentazione. L’intera struttura ricettiva, ad eccezione delle aree a rischio specifico, può costituire unico compartimento. Le aree a rischio specifico dovranno essere compartimentate con strutture e serramenti aventi caratteristiche di resistenza al fuoco non inferiori alla classe di resistenza al fuoco.

Piani interrati. Le aree comuni a servizio del pubblico possono essere ubicate non oltre il secondo piano interrato, fino alla quota di -10,00 m. Le predette aree, se ubicate a quota compresa tra -7,50 e -10,00 m, devono essere protette con impianto di spegnimento automatico.

Corridoi. I tramezzi che separano le camere per ospiti dai corridoi devono avere caratteristiche di resistenza al fuoco non inferiori a EI 30. Le porte di tutti i locali (camere per ospiti, ripostigli, sale comuni, servizi, ecc.) in diretta comunicazione con le vie di esodo, o con spazi adiacenti e non separati dalle vie di esodo, devono essere dotate di dispositivo di auto chiusura.

Scale. Ogni vano scala deve avere, in sommità, una superficie netta di aerazione permanente non inferiore a 1 m², a meno che:
a) il vano scala sia di tipo protetto in tutto il suo sviluppo;
b) i materiali in esso impiegati siano di classe 0 o A1 in misura pari almeno al 50% della superficie totale del vano scala (pavimento + pareti + soffitto + proiezioni orizzontali delle rampe) e, per la restante parte, siano conformi.

 

 

4. Misure per l’evacuazione in caso d’incendio

Affollamento – Capacità di deflusso. Il massimo affollamento è fissato in:
• aree destinate alle camere: numero dei posti letto;
• aree comuni a servizio del pubblico:
a) per i locali adibiti a sala da pranzo e colazione: numero dei posti a sedere risultanti da apposita dichiarazione del titolare dell’attività;
b) per gli spazi per riunioni, trattenimenti e simili: numero dei posti a sedere risultanti da apposita dichiarazione del titolare dell’attività o quello che si ottiene considerando una densità di affollamento pari a 0,7 persone/m²;
c) per le altre aree comuni: numero di persone ottenuto considerando una densità di affollamento pari a 0,4 persone/m2;
• aree destinate ai servizi: numero delle persone effettivamente presenti incrementato del 20%.
Per il dimensionamento delle uscite, devono essere considerate capacità di deflusso non superiori ai seguenti valori:
• per il piano terra: 50 persone/modulo;
• per ogni piano diverso dal piano terra: 37,5 persone/modulo.

Sistema di vie di uscita. La larghezza utile delle vie di uscita deve essere misurata deducendo l’ingombro di eventuali elementi sporgenti, con esclusione dei maniglioni antipanico.
Nel sistema di vie di uscita è vietato collocare specchi che possano trarre in inganno sulla direzione da seguire nell’esodo.
Le porte di accesso alle scale e quelle che immettono all’esterno o in luogo sicuro, devono aprirsi nel verso dell’esodo, a semplice spinta.

Larghezza delle vie di uscita. E’ consentito utilizzare, ai fini dell’esodo, scale e passaggi aventi larghezza minima di 0,90 m, da computarsi pari a un modulo nel calcolo del deflusso.

Larghezza totale delle uscite. La larghezza totale delle uscite da ogni piano, espressa in numero di moduli, è determinata dal rapporto tra il massimo affollamento previsto e la capacità di deflusso del piano. Nel computo della larghezza delle uscite sono conteggiate anche le porte d’ingresso, quando queste sono apribili a semplice spinta verso l’esterno.

 

 

5. Aree ed impianti a rischio specifico

Strutture e ventilazione. In:
a) locali di superficie superiore a 12 m² destinati a deposito di materiale combustibile,
b) locali destinati a deposito, di superficie qualsiasi, in diretta comunicazione con il sistema di vie di esodo,
c) lavanderie e stirerie,
• le strutture e le porte di separazione devono possedere caratteristiche di resistenza al fuoco valutate in conformità al decreto del Ministro dell’interno 9 marzo 2007;
• deve essere prevista una ventilazione naturale non inferiore ad 1/40 della superficie in pianta.

Depositi di liquidi infiammabili. All’interno del volume dell’edificio è consentito detenere prodotti liquidi infiammabili strettamente necessari per le esigenze igienico-sanitarie, posti in armadi metallici dotati di bacino di contenimento. Tali armadi devono essere ubicati nei locali deposito.

Impianti elettrici. I sistemi di utenza devono disporre di impianti di sicurezza e avere autonomia minima:
• rivelazione e allarme: 30 minuti;
• illuminazione di sicurezza: 1 ora;
• impianti idrici antincendio (ove previsti): 30 minuti.
L’impianto di illuminazione di sicurezza deve assicurare lungo le vie di uscita un livello di illuminamento non inferiore a 5 lux ad 1 m di altezza dal piano di calpestio.
E’ consentita la presenza di caminetti e di stufe tradizionali esclusivamente nelle aree comuni.

 

 

6. Mezzi e attrezzature di estinzione incendi.

Estintori portatili. Tutte le attività ricettive devono essere dotate di estintori d’incendio portatili, ubicati in posizione facilmente accessibile e visibile ed essere distribuiti in modo uniforme nell’area da proteggere, preferibilmente in prossimità delle uscite di piano; appositi cartelli segnalatori devono facilitarne l’individuazione, anche a distanza.
Gli estintori d’incendio portatili devono:
– avere adeguata capacità estinguente;
– essere posizionati a distanza reciproca non superiore a 30 m;
– essere previsti in ragione di 1 estintore ogni 200 m² di pavimento o frazione, con un minimo di un estintore per piano.

Impianti idrici antincendio. Le attività ricettive ubicate oltre il terzo piano fuori terra devono essere protette da una rete di idranti conforme alle disposizioni di cui al decreto del Ministro dell’interno del 20 dicembre 2012, a meno che non siano installati estintori carrellati a polvere con carica nominale non inferiore a 30 Kg, in ragione di almeno uno per piano, e che sia assicurata la presenza di addetti antincendio addestrati al loro utilizzo.

Impianti di rivelazione e segnalazione allarme incendio. Tutte le attività ricettive devono essere dotate di impianto di rivelazione e segnalazione allarme incendio.

 

 

7. Segnaletica di sicurezza

Le aree dell’attività ricettiva devono essere provviste di segnaletica di sicurezza, espressamente finalizzata alla sicurezza antincendio.

 

 

8. Gestione della sicurezza

Coordinamento. In edifici a destinazione mista dovrà essere assicurato il coordinamento della gestione della sicurezza e delle operazioni di emergenza tra le attività presenti nell’edificio, prevedendo:
• l’installazione di almeno un pulsante manuale di allarme, posizionato nelle parti comuni dell’edificio misto, con cui si attivi una segnalazione d’allarme all’interno dell’attività alberghiera;
• la possibilità di estendere la segnalazione di allarme agli spazi dell’edificio non destinati ad attività alberghiera.

Piano d’emergenza. Il responsabile dell’attività ricettiva è tenuto a predisporre e aggiornare un piano di emergenza con le necessarie misure organizzative e gestionali da attuare in caso incendio.
Nel piano di emergenza devono essere pianificate ed indicate le procedure per l’assistenza a persone con limitate capacità sensoriali e/o motorie, che possono incontrare difficoltà specifiche nelle varie fasi dell’emergenza.
La procedura di chiamata dei Vigili del fuoco, contenuta nel piano di emergenza, deve prevedere, tra le informazioni fondamentali da comunicare al 115, quella relativa all’eventuale presenza della colonna a secco.

Istruzioni di sicurezza. A ciascun piano, lungo le vie di esodo, devono essere esposte planimetrie d’orientamento. In tali planimetrie deve essere adeguatamente segnalata, tra l’altro, la posizione e la funzione di eventuali spazi calmi o di spazi compartimentati, destinati alla sosta in emergenza di eventuali persone con impedite o ridotte capacità sensoriali e/o motorie.
In ciascuna camera, con apposita cartellonistica esposta bene in vista, devono essere fornite precise istruzioni sul comportamento da tenere in caso di incendio. Oltre che in italiano, il testo deve essere redatto in lingue diverse, di maggiore diffusione tra la clientela della struttura ricettiva. Le istruzioni devono essere accompagnate da una planimetria, che indichi schematicamente la posizione della camera rispetto alle vie di evacuazione, alle scale ed alle uscite.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Prevenzione incendi negli alberghi: che cosa cambia con la nuova regola tecnica? Periti.info