Pubblicato il nuovo Codice di Prevenzione Incendi: semplificazioni in arrivo | Periti.info

Pubblicato il nuovo Codice di Prevenzione Incendi: semplificazioni in arrivo

Le semplificazioni del nuovo Codice di Prevenzione Incendi entreranno in vigore a novembre

incendi
image_pdf

Con il Decreto del 3 agosto 2015 il Ministero dell’Interno ha approvato le norme tecniche di prevenzione incendi, illustrandone le modalità applicative. Il provvedimento entrerà in vigore il novantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
Frutto di una lunga elaborazione, il decreto è già noto come “Codice di Prevenzione Incendi” (o Testo Unico di Prevenzione Incendi), perché dovrebbe semplificare e razionalizzare l’attuale corpo normativo. Le nuove disposizioni sono applicabili a molte delle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi (cioè quelle dell’allegato I, D.P.R. 1° agosto 2011, n. 151) e intendono favorire il passaggio da un sistema prescrittivo (più rigido, basato sulle regole) ad un approccio prestazionale, attraverso il quale è possibile raggiungere elevati livelli di sicurezza antincendio con soluzioni tecniche più flessibili e adattabili alle diverse attività.
Le norme tecniche di prevenzione incendi approvate (ai sensi dell’articolo 15 del D.Lgs. 8 marzo 2006, n. 139) sono contenute nell’allegato 1 al decreto. I cinque articoli del provvedimento illustrano norme e modalità applicative, campo di applicazione, impiego dei prodotti per uso antincendio, monitoraggio e disposizioni finali (che illustrano le norme che restano valide).
L’allegato è così composto:
Sezione G Generalità
G.1 Termini, definizioni e simboli grafici
G.2 Progettazione per la sicurezza antincendio
G.3 Determinazione dei profili di rischio delle attività
Sezione S Strategia antincendio
S.1 Reazione al fuoco
S.2 Resistenza al fuoco
S.3 Compartimentazione
S.4 Esodo
S.5 Gestione della sicurezza antincendio
S.6 Controllo dell’incendio
S.7 Rivelazione ed allarme
S.8 Controllo di fumi e calore
S.9 Operatività antincendio
S.10 Sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio
Sezione V Regole tecniche verticali
V.1 Aree a rischio specifico
V.2 Aree a rischio per atmosfere esplosive
V.3 Vani degli ascensori
Sezione M Metodi
M.1 Metodologia per l’ingegneria della sicurezza antincendio
M.2 Scenari di incendio per la progettazione prestazionale
M.3 Salvaguardia della vita con la progettazione prestazionale

Copyright © - Riproduzione riservata
Pubblicato il nuovo Codice di Prevenzione Incendi: semplificazioni in arrivo Periti.info