Finstral: risparmio energetico per gli stabilimenti grazie allo standard Uni En Iso 50001 | Periti.info

Finstral: risparmio energetico per gli stabilimenti grazie allo standard Uni En Iso 50001

wpid-4396_FINSTRALOppeano.jpg
image_pdf

La sede principale Finstral a Auna di Sotto (Bolzano)

Finstral, lo storico brand specializzato in verande, finestre e infissi, ha avviato una strategia essenziale per ridurre il consumo energetico, di abbassare i costi e di proteggere l’ambiente. Una scelta che appare coerente con le linee generali del marchio, visto che una delle principali caratteristiche dei suoi prodotti è proprio l’ottimo isolamento termico e la conseguente riduzione del consumo energetico. Un’attenzione che, tra l’altro, si traduce in diminuzione dei costi, miglioramento del comfort abitativo e maggiore rispetto per l’ambiente.

LEGGI ANCHE: Finestre in alluminio e pareti vetrate ad alte performance termiche

Per conseguire l’obiettivo fissato con risultati più sostenibili, Finstral ha optato per l’adozione di un sistema di gestione dell’energia certificato secondo lo standard internazionale Uni En Iso 50001.

Nel mese di giugno 2013 è stato condotto il primo audit preliminare con il noto organismo di certificazione tedesco Skz e sono state elaborate di comune accordo le strategie che consentiranno di raggiungere l’obiettivo principale, ossia la riduzione del consumo energetico del 25% entro la fine del 2015.

Lo stabilimento Finstral di Weber im Moos (Bolzano)

Un aspetto fondamentale di questa strategia è il passaggio graduale alle energie rinnovabili. I primi passi in questa direzione sono già stati compiuti: i due stabilimenti produttivi di Scurelle (Trento) e quello di Verona sono ad esempio dotati di impianti fotovoltaici, con una capacità di produzione complessiva pari a 750 kW. La sede centrale di Auna di Sotto è collegata ad un impianto di teleriscaldamento privato alimentato con soli scarti di legno. L’utilizzo di sistemi di riscaldamento ad olio combustibile viene sistematicamente ridotto mentre si potenzia gradualmente il recupero di calore da macchinari ed impianti.

LEGGI ANCHE: Inaugurato il nuovo Centro esposizione e formazione di Finstral

Anche la riduzione dei chilometri percorsi dai mezzi pesanti e dalle autovetture rientra nella strategia globale ed è in fase di attuazione sistematica e graduale.

La sezione dedicata alla produzione del vetro dello stabilimento Finstral di Scurelle (Trento)

Grazie all’impegno dei dipendenti e dei responsabili ambientali in seno all’azienda, Finstra soddisfa ora i criteri stabiliti dallo standard internazionale Uni En Iso 50001: il 20 maggio 2014 ha ottenuto la certificazione per la gestione dell’energia per la sede centrale di Auna di Sotto e per gli stabilimenti di Weber im Moos (Bolzano), Scurelle (Trento) e Mazzantica di Oppeano (Verona). La certificazione attesta che Finstral attua un efficiente sistema di gestione dell’energia, che consente di ridurre i consumi e protegge l’ambiente.

Gli altri stabilimenti produttivi dovrebbero ottenere la certificazione nel mese di ottobre 2014.

Il rilascio della certificazione in tempi tanto brevi conferma che Finstral attribuisce grande importanza alle questioni energetiche e alla sostenibilità dell’attività economica e che ha già compiuto notevoli investimenti nell’ottimizzazione dei processi.

La sede Finstral di Scurelle vista dall’alto (Trento)

Copyright © - Riproduzione riservata
Finstral: risparmio energetico per gli stabilimenti grazie allo standard Uni En Iso 50001 Periti.info