Svolta 'bio' per i bus di Londra, viaggeranno anche a 'olio di frittura' | Periti.info

Svolta ‘bio’ per i bus di Londra, viaggeranno anche a ‘olio di frittura’

wpid-19655_barkingbus.jpg
image_pdf

Rivoluzione ‘bio’ per il sistema di trasporto pubblico a Londra: la Stagecoach London, compagnia titolare delle vetture, in accordo con Transport for London, ha annunciato l’avvio di una sperimentazione che prevede l’uso di olio di frittura e altri scarti alimentari per l’alimentazione dei pullman della flotta.

Secondo il piano elaborato, tutti i 120 bus che operano dal deposito di Barking su dieci tratte interessate, saranno alimentati per l’80% via diesel tradizionale e per il restante 20% con biodiesel ecologico. Con questa misura la compagnia ha annunciato di essere in grado di ridurre il suo impatto ambientale in termini di emissioni di Co2 del 15%. Per garantire l’operatività del piano, nel deposito è stato installato un serbatoio da 50 mila litri: così facendo la miscela potrà avvenire direttamente sul sito, riducendo anche i costi.

Pur trattandosi di una percentuale inferiore rispetto alle notevoli cifre complessive – 8.700 bus totali nella flotta, 250 milioni di litri di carburante impiegato ogni anno, di cui solo 3,7 milioni da Barking – l’iniziativa rappresenta un punto cruciale nella strategia ambientale della metropoli. Come ha confermato il consigliere del Sindaco per energia ed ambiente, Matthew Pencharz, l’episodio pilota potrà essere un precedente importante per dimostrare le potenzialità economiche per l’industria del biodiesel nel Regno Unito. L’obiettivo è ambizioso: attrarre investimenti per la costruzione di una grande raffineria di biodiesel cittadina, un risultato che potrebbe fare ‘scuola’, considerate le dimensioni notevoli della flotta complessiva di bus operanti a Londra, tra le più grandi al mondo.

Copyright © - Riproduzione riservata
Svolta ‘bio’ per i bus di Londra, viaggeranno anche a ‘olio di frittura’ Periti.info