AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 29 Maggio 2007 | Periti.info

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 29 Maggio 2007

AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 29 Maggio 2007 - Determinazione a consuntivo, per l'anno 2006, degli oneri conseguenti allo smantellamento delle centrali elettronucleari dismesse, alla chiusura del ciclo del combustibile e alle attivita' connesse e conseguenti. (Deliberazione n. 121/07). (GU n. 143 del 22-6-2007 )

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 29 Maggio 2007

Determinazione a consuntivo, per l’anno 2006, degli oneri conseguenti
allo smantellamento delle centrali elettronucleari dismesse, alla
chiusura del ciclo del combustibile e alle attivita’ connesse e
conseguenti. (Deliberazione n. 121/07).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 29 maggio 2007;
Visti:
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, in particolare
l’art. 3, comma 11 e l’art. 13, comma 2, lettera e);
il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato, di concerto con il Ministro del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica, 26 gennaio 2000, come
modificato dal decreto del Ministro delle attivita’ produttive, di
concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, 3 aprile 2006
(decreto 26 gennaio 2000);
il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato, di concerto con il Ministro del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica, 17 aprile 2001;
il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14 febbraio
2003;
il decreto legge 18 febbraio 2003, n. 25, convertito, con
modificazioni, dalla legge 17 aprile 2003, n. 83;
l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri 7 marzo
2003, n. 3267;
la legge 24 dicembre 2003, n. 368;
l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 7 maggio
2004, n. 3355;
la legge 23 agosto 2004, n. 239;
il decreto del Ministro delle attivita’ produttive 2 dicembre
2004;
la direttiva del Ministro delle attivita’ produttive n. 5023 del
28 marzo 2006, recante indirizzi strategici e operativi alla societa’
Sogin S.p.a. per il trattamento e riprocessamento all’estero del
combustibile nucleare irraggiato proveniente da centrali nucleari
dismesse;
la deliberazioni dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas
(di seguito: l’Autorita) 23 aprile 2002, n. 71;
la deliberazione dell’Autorita’ 15 luglio 2004, n. 118;
la deliberazione dell’Autorita’ 13 aprile 2005, n. 66;
la deliberazione dell’Autorita’ 25 maggio 2006 n. 103, come
successivamente modificata dalla deliberazione 1° giugno 2006, n.
107;
la deliberazione dell’Autorita’ 31 luglio 2006, n. 174
(deliberazione n. 174/06);
la deliberazione dell’Autorita’ 15 dicembre 2006, n. 290;
la deliberazione dell’Autorita’ 16 maggio 2007, n. 117;
il documento per la consultazione pubblicato dall’Autorita’ il
1° marzo 2006, recante criteri per la valutazione dell’efficienza
economica nello svolgimento delle attivita’ di smantellamento delle
centrali elettronucleari dismesse, di chiusura del ciclo del
combustibile e attivita’ connesse e conseguenti, ai sensi dell’art.
9, comma 2, del decreto interministeriale 26 gennaio 2000 (Atto n.
06/06).
Viste:
la nota 3 maggio 2006, prot. n. 11218 (prot. Autorita’ n. 011594
dell’11 maggio 2006) trasmessa, dalla SO.G.I.N. Societa’ gestione
impianti nucleari S.p.A. (Sogin), contenente l'”Atto di affidamento
in gestione degli impianti ENEA di ricerca del ciclo del combustibile
nucleare”;
la nota 30 marzo 2007, prot. n. 9841 (prot. Autorita’ n. 008626
del 4 aprile 2007) trasmessa, da Sogin all’Autorita’, ai sensi del
comma 1 del decreto 26 gennaio 2000, come modificato dal decreto
3 aprile 2006, contenente i costi a consuntivo per il 2006 e i costi
preventivati per l’anno 2007 (programma 30 marzo 2007);
le note trasmesse da Sogin all’Autorita’ in data 17 aprile 2007,
prot. n. 11452 (prot. Autorita’ n. 010003 del 19 aprile 2007),
16 maggio 2007, (prot. Autorita’ n. 012386 del 21 maggio 2007),
18 maggio 2007, (prot. Autorita’ n. 012385 del 21 maggio 2007),
21 maggio 2007, prot. n. 14876, (prot. Autorita’ n. 012569 del
24 maggio 2007), 24 maggio 2007, (prot. Autorita’ n. 012731 del
25 maggio 2007) e 25 maggio 2007, (prot. Autorita’ n. 012750 del
25 maggio 2007);
il rapporto della commissione di esperti di cui alla
deliberazione n. 118/2004 (commissione) trasmessa dalla Cassa
conguaglio per il settore elettrico all’Autorita’ (prot. CCSE n.
001053 del 23 maggio 2007, prot. Autorita’ n. 012741 del 25 maggio
2007);
la nota della direzione tariffe del 28 maggio 2007, inerente la
proposta di delibera per la determinazione degli oneri nucleari a
consuntivo per l’anno 2006.
Considerato che:
l’art. 9, comma 1, del decreto 26 gennaio 2000 prevede che Sogin
“inoltra, entro il 30 settembre di ogni anno, all’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas un dettagliato programma di tutte le
attivita’ di cui all’art. 8, anche se svolte da altri soggetti, su un
orizzonte anche pluriennale, con il preventivo dei relativi costi”;
l’art. 9, comma 2, del medesimo decreto dispone che “ogni tre
anni l’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas ridetermina gli
oneri di cui all’art. 8 ed aggiorna l’onere annuale, sulla base del
programma di cui al comma 1 e tenendo conto di criteri di efficienza
economica nello svolgimento delle attivita’ previste al medesimo
articolo”;
il decreto 3 aprile 2006 ha modificato l’art. 9, commi 1 e 2, del
decreto interministeriale 26 gennaio, posticipando al 31 marzo di
ogni anno la scadenza della presentazione da parte di Sogin
all’Autorita’ di “un dettagliato programma di tutte le attivita’ di
cui all’art. 8, anche se svolte da altri soggetti, con riferimento ad
un arco temporale possibilmente triennale, con il preventivo dei
relativi costi ed una relazione sulle attivita’ e sui costi a
consuntivo relativi all’anno precedente”, e prevedendo che
l’Autorita’ ridetermini gli oneri nucleari “ogni anno entro il
30 giugno, sulla base del programma e della relazione di cui al
comma 1”;
il decreto 2 dicembre 2004 ha previsto nuovi indirizzi strategici
ed operativi per la messa in sicurezza del combustibile nucleare
irraggiato esistente presso le centrali nucleari e i siti di
stoccaggio nazionali, ivi compresa la valutazione della possibilita’
di esportazione temporanea di detto combustibile ai fini del
riprocessamento, associata alle valutazioni comparative dei costi e
dei tempi, abrogando, tra l’altro, il decreto ministeriale 7 maggio
2001;
con la deliberazione n. 174/2006 l’Autorita’ ha rideterminato gli
oneri nucleari, per l’anno 2006, in misura pari a 145,3 milioni di
euro, di cui 51,0 milioni di euro relativi alle attivita’ commisurate
all’avanzamento, 96,8 milioni di euro relativi alle attivita’ non
commisurate all’avanzamento, comprese imposte stimate pari a 2,6
milioni di euro, e 2,5 milioni di euro da portare in detrazione dai
costi della commessa nucleare quali ricavi da smantellamento. Con la
medesima delibera l’Autorita’ ha disposto altresi’ che Sogin provveda
alla copertura finanziaria dei suddetti oneri ricorrendo alle
disponibilita’ finanziarie di competenza della commessa nucleare,
comprensive dei relativi proventi finanziari;
gli oneri previsti dall’atto di affidamento in gestione degli
impianti Enea a Sogin sono stati valutati a consuntivo, secondo
quanto previsto dalla deliberazione n. 174/2006 (di seguito: oneri
Enea).
Considerato che:
il costo sostenuto nell’anno 2006 per lo svolgimento delle
attivita’ commisurate all’avanzamento relative allo smantellamento
delle centrali, degli impianti nucleari e alla chiusura del ciclo del
combustibile, a fronte di un preventivo autorizzato di 51,0 milioni
di euro, ammonta a 47,7 milioni di euro nel 2006, di cui 0,2 milioni
di euro relativi agli oneri Enea, non inclusi nei preventivi 2006;
i costi a consuntivo delle attivita’ non commisurate
all’avanzamento, al netto delle imposte, sono pari a 95,7 milioni di
euro, di cui 1,1 milioni di euro relativi agli oneri Enea non inclusi
nei preventivi, a fronte di un importo riconosciuto a preventivo, al
netto delle imposte, pari a 94,2 milioni di euro.
Considerato che:
per le attivita’ commisurate all’avanzamento e’ stato stimato un
ritardo pari a circa il 10% rispetto al preventivo a vita intera
rivisto da Sogin nel marzo 2007;
lo scostamento tra costi a consuntivo e a preventivo delle
attivita’ commisurate all’avanzamento e’ stato valutato,
rapportandolo all’avanzamento fisico; gli scostamenti positivi
rilevati non eccedono la quota di imprevisti stimata a preventivo da
Sogin.
Considerato che:
in relazione alle attivita’ non commisurate all’avanzamento:
a) i costi di mantenimento in sicurezza presentano uno
scostamento positivo rispetto al preventivo per un importo pari a 1,6
milioni di euro, in prevalenza riconducibile alle attivita’, non
previste a preventivo, propedeutiche al trasferimento del
combustibile dal sito di Saluggia al sito di Avogadro;
b) i costi di project management come rilevati a consuntivo
presentano uno scostamento positivo rispetto all’importo riconosciuto
con la deliberazione n. 174/2006 pari a 1,4 milioni di euro;
c) i costi di project management sono stati valutati a consuntivo
in termini di congruita’ ed efficienza economica a fronte delle
attivita’ commisurate e non commisurate all’avanzamento svolte dalla
Sogin presso le centrali e gli impianti nel medesimo anno;
d) i costi di project management autorizzati con la deliberazione
n. 174/2006 non comprendono gli oneri relativi agli incentivi
all’esodo peraltro gia’ comunicati da Sogin all’Autorita’ nel primo
semestre dell’anno 20…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 29 Maggio 2007

Periti.info