AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 9 Ottobre 2007 | Periti.info

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI – DELIBERAZIONE 9 Ottobre 2007

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 9 Ottobre 2007 - Approvazione dell'offerta di riferimento di Telecom Italia per l'anno 2007 per il servizio Wholesale Line Rental (WLR). (Deliberazione n. 114/07/CIR). (GU n. 261 del 9-11-2007 )

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

DELIBERAZIONE 9 Ottobre 2007

Approvazione dell’offerta di riferimento di Telecom Italia per l’anno
2007 per il servizio Wholesale Line Rental (WLR). (Deliberazione n.
114/07/CIR).

L’AUTORITA PER LE GARANZIE
NELLE COMUNICAZIONI
Nella riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti
del 3 ottobre 2007, in particolare nella prosecuzione del 9 ottobre
2007;
Vista la legge 14 novembre 1995, n. 481, recante “Norme per la
concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilita’.
Istituzione delle Autorita’ di regolazione dei servizi di pubblica
utilita”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 270 del 18 novembre 1995;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, recante “Istituzione
dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui
sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo”, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 177 del 31 luglio
1997;
Visto il decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, recante
“Codice delle comunicazioni elettroniche”, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 215 del 15 settembre 2003;
Vista la delibera n. 4/00/CIR, recante “Disposizioni sulle
modalita’ relative alla prestazione di carrier preselection (CPS) e
sui contenuti degli accordi di interconnessione”, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale n. 117 del 22 maggio 2000;
Vista la delibera n. 33/06/CONS recante “Mercati al dettaglio
dell’accesso alla rete telefonica pubblica in postazione fissa per
clienti residenziali e per clienti non residenziali (mercati n. 1 e
n. 2 della raccomandazione della commissione europea n. 2003/311/CE):
identificazione ed analisi dei mercati, valutazione di sussistenza di
imprese con significativo potere di mercato ed individuazione degli
obblighi regolamentari”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana del 10 febbraio 2006, n. 34;
Vista la delibera n. 694/06/CONS, recante “Modalita’ di
realizzazione dell’offerta WLR ai sensi della delibera 33/06/CONS”
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 297
del 29 novembre 2006, con cui sono state peraltro definite le linee
guida per la realizzazione del servizio WLR;
Vista la delibera n. 274/07/CONS recante “Modifiche ed integrazioni
alla delibera 4/06/CONS: Modalita’ di attivazione, migrazione e
cessazione nei servizi di accesso” pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 146 del 26 giugno 2007;
Visto il decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, e la relativa legge
di conversione n. 40 del 2 aprile 2007, recante “Misure urgenti per
la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo
sviluppo di attivita’ economiche e la nascita di nuove imprese, la
valorizzazione dell’istruzione tecnico-professionale e la
rottamazione di autoveicoli”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana n. 77 del 2 aprile 2007;
Visto il decreto del Ministro delle comunicazioni del 27 aprile
2006 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.
191 del 18 agosto 2006 con cui il servizio 112, Numero unico europeo
di emergenza, viene individuato, ai sensi dell’art. 127, comma 4,
decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di
protezione dei dati individuali) quale servizio abilitato in base
alla legge a ricevere chiamate d’emergenza provenienti dalle
numerazioni 112, 113, 115, 118;
Considerata l’attivita’ svolta dal il “Gruppo di lavoro per
l’istituzione del Numero unico europeo di emergenza” previsto dal
decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 agosto 2003 e
dalla “Unita’ tecnico-operativa per l’istituzione del Numero unico
europeo di emergenza” prevista dal decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri del 30 giugno 2005, istituiti presso la
Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per
l’innovazione e le tecnologie;
Considerato che successivamente alla scadenza del mandato delle
suddette Commissioni risulta operante un gruppo di lavoro informale
presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per
l’innovazione e le tecnologie, al quale partecipano il Ministero
delle comunicazioni e gli altri Ministeri competenti, finalizzato tra
l’altro alla definizione e realizzazione del progetto del sistema di
gestione unificata delle chiamate di emergenza – numero unico europeo
di emergenza (“NUE”);
Considerato che la delibera 694/06/CONS dispone, per il WLR, che la
gestione delle chiamate ai servizi di emergenza sia a cura di Telecom
Italia;
Considerato l’analogia di trattamento delle chiamate originate da
clienti attestati a linee in WLR e linee in VULL (Virtual Unbundling
Local Loop);
Considerato che Telecom Italia S.p.A. ha reso pubblica la propria
Offerta di Riferimento per il servizio Wholesale Line Rental (WLR)
per l’anno 2007 in data 15 gennaio 2007, ai sensi dell’art. 30 della
delibera n. 694/06/CONS;
Vista la comunicazione, pubblicata sul sito dell’Autorita’ il
16 aprile 2007, con cui e’ stato dato avvio al procedimento di
“Valutazione dell’Offerta di Riferimento 2007 di Telecom Italia
S.p.A. per il servizio Wholesale Line Rental”;
Viste le memorie scritte sull’argomento pervenute all’Autorita’,
nell’ambito del procedimento di valutazione di cui sopra, da parte
dei soggetti interessati;
Vista la lettera di Telecom Italia S.p.A. del 28 maggio 2007, con
cui la suddetta societa’ ha precisato all’Autorita’ alcuni aspetti
inerenti l’Offerta di Riferimento WLR per l’anno 2007;
Visti gli atti del procedimento di valutazione dell’Offerta di
Riferimento 2007 di Telecom Italia S.p.A. per il servizio Wholesale
Line Rental;
Sentite, in data 3 luglio 2007, le societa’ Tele2 Italia S.p.A e
Welcome Italia S.p.A.;
Sentite, in data 4 luglio 2007, le societa’ Wind Telecomunicazioni
S.p.A. e Tiscali Italia S.p.A.;
Sentita, in data 5 luglio 2007, la societa’ BT Italia S.p.A.;
Sentita, in data 24 luglio 2007, la societa’ Telecom Italia S.p.A.;
Considerato quanto segue:
Ambito di applicazione del servizio WLR.
Osservazioni degli operatori.
1. Gli operatori hanno evidenziato che nel paragrafo 3 dell’Offerta
WLR di Telecom Italia (ambito di applicazione e destinatari
dell’offerta) non e’ previsto che il servizio WLR ed i relativi
servizi accessori sia reso disponibile da Telecom Italia anche nel
caso specifico di linee attestate su stadi di linea aperti ai servizi
di accesso disaggregato alla rete locale, sulle quali per cause
tecniche non sia possibile fornire servizi di accesso disaggregato,
in contrasto con quanto previsto invece dalla delibera n. 694/06/CONS
(art. 3 comma 2). Gli operatori chiedono pertanto che l’Offerta WLR
di Telecom Italia includa la possibilita’ di ottenere il servizio WLR
nel suddetto caso specifico.
La societa’ Telecom Italia nel corso del procedimento istruttorio
si e’ peraltro dichiarata disponibile a modificare la propria Offerta
di Riferimento specificando che il servizio WLR sara’ offerto anche
sulle linee degli SL aperti all’ULL per le quali non e’ stato
possibile dare corso ad una richiesta di ULL degli OLO per cause
tecniche. Tale disponibilita’ da considerarsi residuale, secondo
quanto dalla stessa Telecom Italia osservato, potra’ essere fornita a
valle di una richiesta di attivazione di un servizio di accesso
disaggregato non andata a buon fine per cause tecniche.
Considerazioni dell’Autorita’.
2. La delibera n. 694/06/CONS, all’art. 3, comma 2, stabilisce che:
“Le linee installate sul territorio nazionale – sia quelle attestate
su stadi di linea aperti ai servizi di accesso disaggregato alla rete
locale, sia quelle attestate su stadi di linea non aperti ai servizi
di accesso disaggregato alla rete locale – sulle quali, per cause
tecniche, non e’ possibile fornire i servizi di accesso disaggregato,
sono disponibili per la fornitura del servizio WLR e dei relativi
servizi accessori”. L’art. 17, comma 6 della delibera n. 4/06/CONS
prevede che “Fermo restando l’obbligo di fornitura del servizio
sostitutivo di canale numerico, il rifiuto da parte dell’operatore
notificato di fornire servizi di accesso disaggregato alla rete
locale e’ giustificato esclusivamente nei casi in cui:
a) non vi sia disponibilita’ di risorse di rete sufficienti alla
fornitura del servizio;
b) sussistano insormontabili ostacoli tecnici alla fornitura del
servizio”.
Nel paragrafo 3 dell’Offerta di Riferimento di Telecom Italia, e’
indicato che “Telecom Italia fornisce il servizio WLR agli operatori
aventi titolo, esclusivamente con riferimento alle linee telefoniche
attestate agli stadi di linea non aperti ai servizi di accesso
disaggregato alla rete locale di Telecom Italia”. Telecom Italia
pertanto, non prevede la possibilita’ di fornire il servizio WLR su
linee attestate su stadi di linea aperti all’ULL ma con
impossibilita’ tecnica di accesso disaggregato, cosi’ come invece
previsto dalla delibera n. 694/06/CONS.
3. L’obiettivo perseguito dall’Autorita’, nell’includere
nell’Offerta WLR le linee installate sul territorio nazionale sulle
quali, per cause tecniche, non sia possibile fornire i servizi di
accesso disaggregato, risulta, in base a quanto riportato
nell’Allegato A della delibera n. 694/06/CONS (punti 173-178), nella
piena complementarita’ tra servizi ULL e WLR (ed in particolare la
possi…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI – DELIBERAZIONE 9 Ottobre 2007

Periti.info