COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 16 Marzo 2007 | Periti.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 16 Marzo 2007

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 16 Marzo 2007 - Edilizia scolastica (legge n. 431/1996): modifiche ed integrazioni del programma approvato con delibera n. 89 del 26 giugno 1996. (Deliberazione n. 4/2007). (GU n. 129 del 6-6-2007 )

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 16 Marzo 2007

Edilizia scolastica (legge n. 431/1996): modifiche ed integrazioni
del programma approvato con delibera n. 89 del 26 giugno 1996.
(Deliberazione n. 4/2007).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Visto il decreto-legge 23 giugno 1995, n. 244, convertito con
modificazioni dalla legge 8 agosto 1995, n. 341, che, all’art. 4,
comma 1, autorizzava il Ministro del tesoro a contrarre mutui con la
Cassa depositi e prestiti, entro i limiti specificati nella norma
stessa, per il finanziamento di grandi opere infrastrutturali nelle
aree depresse del territorio nazionale;
Visto l’art. 14, comma 6, del decreto-legge 25 maggio 1996, n. 286,
che prevedeva potessero essere utilizzate le somme derivanti dai
mutui di cui sopra, entro l’importo di 103,29 Meuro (200 miliardi di
lire), per il finanziamento di un programma di interventi di edilizia
scolastica;
Visto l’art. 2, comma 4, della legge 8 agosto 1996, n. 431, che ha
riprodotto i contenuti del citato art. 14, comma 6, del decreto-legge
n. 286/1996;
Vista la delibera 26 giugno 1996, n. 89 (Gazzetta Ufficiale n.
204/1996), con la quale questo Comitato, su proposta dell’allora
Ministro della pubblica istruzione, ha approvato il programma di cui
sopra, demandando all’Amministrazione di settore la puntuale
determinazione della quota di mutuo da assegnare a ciascun
intervento, nell’ambito dell’importo indicato in delibera quale
limite massimo all’assegnazione, e prevedendo, tra l’altro,
l’utilizzo delle economie realizzate in fase di aggiudicazione dei
lavori e delle eventuali altre disponibilita’ per il finanziamento di
un programma integrativo predisposto dalla citata Amministrazione,
sentite le Regioni interessate, e da sottoporre all’approvazione di
questo Comitato;
Viste le delibere 18 dicembre 1997, n. 258 (Gazzetta Ufficiale n.
59/1998), 9 giugno 1999, n. 82 (Gazzetta Ufficiale n. 175/1999),
4 agosto 2000, n. 72 (Gazzetta Ufficiale n. 244/2000), 29 novembre
2002, n. 101 (Gazzetta Ufficiale n. 85/2003), 25 luglio 2003, n. 31
(Gazzetta Ufficiale n. 273/2003), e 20 dicembre 2004, n. 72 (Gazzetta
Ufficiale n. 92/2005), con le quali questo Comitato, su proposta del
predetto Ministero, ha approvato variazioni ed integrazioni al
programma di cui sopra;
Vista la nota 14 dicembre 2006, n. 2282, con la quale il Ministero
della pubblica istruzione ha trasmesso proposta di parziale modifica
ed integrazione del programma approvato da questo Comitato con la
citata delibera n. 89/1996 per la parte relativa alla regione
Siciliana;
Prende atto:

che il competente ufficio del comune di Palermo, su conforme
delibera di giunta 4 agosto 2006, n. 318, e con nota 8 settembre
2006, n. 435846, ha richiesto agli enti interessati di poter
utilizzare le economie maturate – per un importo complessivo di euro
894.675,36 su lavori finanziati ai sensi della legge n. 431/1996 e
cosi’ articolate:
euro 306.173,59 rivenienti da “lavori di costruzione di una
scuola elementare e materna nel quart. 14 ex progr. 5” (posiz. mutuo
Cassa depositi e prestiti n. 4306146.00);
euro 564.179,06 rivenienti da “lavori di costruzione di una
scuola media nel quart. 15 ex progr. 26” (posiz. mutuo Cassa depositi
e prestiti n. 4306150.00);
euro 24.322,71 rivenienti da “lavori di completamento
dell’ampliamento della scuola media R. Sanzio, nel quart. 4, ex
progr. 18” (posiz. mutuo Cassa depositi e prestiti n. 4306140.00);
che la richiesta del comune di Palermo e’ quella di destinare
dette economie alla costruzione di una scuola media di n. 15 aule nel
quartiere Tommaso Natale al fine di fronteggiare l’incremento del
costo dell’opera verificatosi in sede di adeguamento del relativo
progetto alle disposizioni della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e
successive modifiche e integrazioni, come recepite dalle leggi
regionali ed in particolare dalla legge 29 novembre 2005, n. 16;
incremento quantificato in euro 894.675,36 rispetto al costo iniziale
di euro 4.383.324,64 per il quale il predetto Comune aveva gia’
acceso un mutuo con la Cassa depositi e prestiti;
che l’ufficio scolastico regionale per la Sicilia del Ministero
della pubblica istruzione, con nota 3 ottobre 2006, n. 20054, ha
ritenuto valido ed attuale, dal punto di vista didattico-funzionale,
l’intervento ora proposto per il cofinanziamento;
che la regione Siciliana, con decreto dirigenziale 4 ottobre
2006, n. 2425/06, si e’ espressa favorevolmente;
Delibera:

1. Le economie rivenienti dai finanziamenti assegnati al comune di
Palermo ai sensi della legge n. 431/1996 – per un importo complessivo
di euro 894.675,36 – e meglio specificate nella “presa d’atto” sono
destinate a integrare il finanziamento dei lavori di costruzione di
una scuola media di n. 15 aule nel quartiere Tommaso Natale –
Palermo, scuola che restera’ di proprieta’ dell’Amministrazione
comunale.
2. L’importo di euro 4.383.324,64, corrispondente al costo
originario dei lavori di detta scuola, resta a carico del bilancio
comunale.
Invita

il Ministro della pubblica istruzione a riferire, ad una delle
prossime sedute di questo Comitato, sullo stato di attuazione del
programma complessivo finanziato a carico delle risorse di cui
all’art. 2, comma 4, della legge n. 431/1996.
Roma, 16 marzo 2007

Il Presidente delegato
Padoa Schioppa

Il segretario del CIPE
Marcucci

Registrata alla Corte dei conti il 7 maggio 2007
Ufficio di controllo atti Ministeri economico-finanziari registro n.
2 Economia e finanze, foglio n. 339

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 16 Marzo 2007

Periti.info