COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 22 Dicembre 2006 | Periti.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 22 Dicembre 2006

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 22 Dicembre 2006 - Assegnazione di risorse premiali per il progetto di monitoraggio degli accordi di programma quadro, delibera CIPE n. 17/2003 (Punto 1.2.4.a). (Deliberazione n. 181/2006). (GU n. 129 del 6-6-2007 )

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 22 Dicembre 2006

Assegnazione di risorse premiali per il progetto di monitoraggio
degli accordi di programma quadro, delibera CIPE n. 17/2003 (Punto
1.2.4.a). (Deliberazione n. 181/2006).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Visto il decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito nella
legge 19 dicembre 1992, n. 488, concernente modifiche alla legge
1° marzo 1986, n. 64, recante la disciplina dell’intervento
straordinario nel Mezzogiorno;
Visto il decreto legislativo 3 aprile 1993, n. 96, concernente la
cessazione dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno ed in
particolare l’art. 19, comma 5, che istituisce un Fondo cui
affluiscono le disponibilita’ di bilancio per il finanziamento delle
iniziative nelle aree depresse del Paese;
Visto il decreto-legge 8 febbraio 1995, n. 32, convertito nella
legge 7 aprile 1995, n. 104, recante norme per l’avvio
dell’intervento ordinario nelle aree depresse del territorio
nazionale;
Visti il decreto-legge 23 febbraio 1995, n. 41 convertito nella
legge 22 marzo 1995, n. 85, il decreto-legge 23 giugno 1995, n. 244,
convertito nella legge 8 agosto 1995, n. 341, il decreto-legge
23 ottobre 1996, n. 548, convertito nella legge 20 dicembre 1996, n.
641, il decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67, convertito nella legge 23
maggio 1997, n. 135 e la legge 30 giugno 1998, n. 208, provvedimenti
tutti intesi a finanziare la realizzazione di iniziative dirette a
favorire lo sviluppo sociale ed economico delle aree depresse del
Paese;
Viste inoltre le leggi 23 dicembre 1998, n. 449 (finanziaria 1999),
23 dicembre 1999, n. 488 (finanziaria 2000), 23 dicembre 2000, n. 388
(finanziaria 2001), 28 dicembre 2001, n. 448 (finanziaria 2002) e
27 dicembre 2002, n. 289 (finanziaria 2003) che recano fra l’altro
autorizzazioni di spesa volte ad assicurare il rifinanziamento della
predetta legge n. 208/1998 per la prosecuzione degli interventi nelle
aree depresse;
Visto, in particolare, l’art. 73 della citata legge finanziaria
2002 che stabilisce criteri e modalita’ di assegnazione delle risorse
aggiuntive disponibili per interventi nelle aree depresse, a titolo
di rifinanziamento della legge n. 208/1998, volti a promuovere lo
sviluppo economico e la coesione e a superare gli squilibri economici
e sociali presenti nel Paese, criteri che privilegiano gli obiettivi
dell’avanzamento progettuale, della coerenza programmatica – con
particolare riferimento ai principi comunitari – e della premialita’;
Viste le proprie delibere 6 agosto 1999, n. 139 (Gazzetta Ufficiale
n. 254/1999), 15 febbraio 2000, n.14 (Gazzetta Ufficiale n. 96/2000),
4 agosto 2000, n. 84 (Gazzetta Ufficiale n. 268/2000), 21 dicembre
2000 n. 138 (Gazzetta Ufficiale n. 34/2001), 4 aprile 2001, n. 48
(Gazzetta Ufficiale n. 142/2001), 3 maggio 2002, n. 36 (Gazzetta
Ufficiale n. 167/2002), 6 giugno 2002 n. 39 (Gazzetta Ufficiale n.
222/2002), 9 maggio 2003, n. 16 (Gazzetta Ufficiale n. 156/2003),
9 maggio 2003, n. 17 (Gazzetta Ufficiale n. 155/2003), 13 novembre
2003, n. 83 (Gazzetta Ufficiale n. 48/2004), 29 settembre 2004, n. 19
(Gazzetta Ufficiale n. 254/2004) e n. 20 (Gazzetta Ufficiale n.
265/2004), 18 marzo 2005, n. 19 (Gazzetta Ufficiale n. 225/2005),
27 maggio 2005, n 34 (Gazzetta Ufficiale n. 235/2005) e n. 35
(Gazzetta Ufficiale n. 237/2005), 20 dicembre 2004, n. 81 (Gazzetta
Ufficiale n. 93/2005), 18 marzo 2005, n. 14 (Gazzetta Ufficiale n.
203/2005), 29 luglio 2005, n. 99 (Gazzetta Ufficiale n. 145/2005),
22 marzo 2006, n. 1 (Gazzetta Ufficiale n. 142/2006), n. 2 (Gazzetta
Ufficiale n. 193/2006) e n. 3 (Gazzetta Ufficiale n. 144/2006);
Considerato che la citata delibera n. 17/2003, al fine di
rafforzare i sistemi di monitoraggio degli interventi inseriti negli
Accordi di programma quadro e dei programmi cofinanziati con i fondi
strutturali europei 2000-2006, nonche’ l’interconnessione tra i due
sistemi, ha destinato al Progetto monitoraggio risorse pari a 100
milioni di euro, prevedendo al punto 1.2.4 un accantonamento premiale
di 60 milioni di euro a favore delle Regioni e delle province
autonome (di cui, 30 milioni di euro per il monitoraggio degli APQ e
30 milioni di euro per il monitoraggio dei programmi cofinanziati con
i Fondi strutturali europei 2000-2006), da assegnare loro secondo la
chiave di riparto di cui all’allegato 1 della stessa delibera;
Considerato che il citato punto 1.2.4 ha inoltre individuato
criteri e pesi di massima per la successiva attribuzione delle
risorse (prevedendo che una quota del 50% sia attribuita alle
amministrazioni che, con riferimento al sistema di monitoraggio degli
APQ, assicurino che i valori oggetto di riprogrammazione non superino
una quota massima del 30% del costo complessivo degli interventi
inseriti negli APQ da stipulare) e ne ha demandato ad apposita
circolare del Ministero dell’economia e delle finanze la puntuale
definizione, prevedendo di effettuare le relative verifiche, ai fini
dell’assegnazione premiale, sulla base della situazione risultante al
31 dicembre 2005;
Considerato che tale chiave di riparto e’ stata modificata dalla
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le
Province autonome nella seduta del 15 dicembre 2005;
Vista la circolare del Ministero dell’economia e delle finanze n.
11349 del 13 aprile 2006, che ha stabilito i criteri da utilizzare
per l’assegnazione delle risorse premiali relative al monitoraggio
degli APQ;
Vista la nota n. 16843 dell’11 dicembre 2006 con la quale il
Ministero dello sviluppo economico, sulla base dell’istruttoria
condotta dal Comitato di gestione del Progetto monitoraggio, propone
di assegnare la quota premiale relativa al Progetto di monitoraggio
degli APQ (30 milioni di euro), innalzando al 60% la soglia minima
riportata al punto 1.2.4 della delibera n. 17/2003, relativa ai
valori oggetto di riprogrammazione;
Considerato che la proposta di innalzamento della soglia al 60% e’
determinata dalle riscontrate difficolta’ delle Regioni nel definire
i profili di spesa degli interventi di loro competenza, trattandosi
di applicare un criterio premiale innovativo che, peraltro, pone
maggiore attenzione agli aspetti relativi all’accelerazione della
spesa stessa, piuttosto che a quelli relativi all’efficienza del
monitoraggio e considerato pertanto che il criterio inizialmente
individuato si e’ dimostrato penalizzante per alcune amministrazioni
che pure hanno intrapreso un percorso virtuoso nel monitoraggio degli
APQ;
Considerato infine che – sempre nell’ambito della riserva premiale
di 30 milioni di euro destinata al monitoraggio degli APQ – la citata
nota propone anche di utilizzare una quota pari a 3 milioni di euro a
carico delle risorse premiali residue non assegnate con la presente
delibera per finanziare le attivita’ del Progetto monitoraggio
previste al punto 1.2.2.a della delibera n. 17/2003 (valutazione del
funzionamento degli attuali sistemi di monitoraggio degli Accordi di
programma quadro e dei programmi cofinanziati con i Fondi strutturali
europei per il periodo 2000-2006), stante la necessita’ di integrare
il pari ammontare di risorse destinate a tali finalita’ che ha
costituito, nel 2004, economia di bilancio;
Su proposta del Ministro dello sviluppo economico;
Delibera:

1. Assegnazione delle risorse premiali.
A fronte della riserva premiale relativa al Progetto monitoraggio
di cui alla delibera di questo Comitato n. 17/2003, pari a 30 milioni
di euro, e’ assegnato alle regioni e province autonome, sulla base
dei criteri indicati in premessa, l’importo complessivo di 24.484.190
euro. Tale importo e’ ripartito tra le predette amministrazioni come
indicato nella tabella allegata che forma parte integrante della
presente delibera.
2. Riprogrammazione delle risorse.
2.1. A valere sull’importo residuo di cui al punto 1, pari
5.515.810 euro, una quota pari a 3 milioni di euro e’ destinata, per
le motivazioni richiamate in premessa, al finanziamento delle
attivita’ del Progetto monitoraggio previste al punto 1.2.2.a della
delibera n. 17/2003, concernenti la valutazione del funzionamento
degli attuali sistemi di monitoraggio degli Accordi di programma
quadro e dei programmi cofinanziati con i Fondi strutturali europei
per il periodo 2000-2006.
2.2. Ai sensi del punto 1.2.4., ultimo capoverso, della citata
delibera n. 17/2003, il residuo importo di 2.515.810 euro sara’
riprogrammato da questo Comitato.
Roma, 22 dicembre 2006

Il Presidente delegato
Padoa Schioppa

Il segretario del CIPE
Gobbo

Registrata alla Corte dei conti il 16 maggio 2007
Ufficio di controllo atti Ministeri economico-finanziari, registro n.
3 Economia e finanze, foglio n. 204

Allegato

—-> Vedere Allegato a pag. 21 in formato zip/pdf

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 22 Dicembre 2006

Periti.info