COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 24 Aprile 2007 | Periti.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 24 Aprile 2007

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 24 Aprile 2007 - Articolo 128 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163. Programma triennale di edilizia statale 2006-2008: verifica di compatibilita' con i documenti programmatori vigenti. (Deliberazione n. 18/07). (GU n. 141 del 20-6-2007 )

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 24 Aprile 2007

Articolo 128 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163.
Programma triennale di edilizia statale 2006-2008: verifica di
compatibilita’ con i documenti programmatori vigenti. (Deliberazione
n. 18/07).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
Vista la legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed
integrazioni, intitolata “Legge quadro in materia di lavori
pubblici”, che, all’art. 14 come modificato dalla legge 1° agosto
2002, n. 166, ed ora trasfuso nell’art. 128 del decreto legislativo
12 aprile 2006, n. 163, pone a carico dei soggetti indicati all’art.
2, comma 2, della stessa legge, con esclusione degli enti ed
amministrazioni locali e loro associazioni e consorzi, l’obbligo di
trasmettere a questo Comitato i programmitriennali dei lavori e gli
aggiornamenti annuali per la verifica della loro compatibilita’ con i
documenti programmatori vigenti;
Visto il decreto del Ministro dei lavori pubblici 21 giugno 2000,
recante modalita’ e schemi-tipo per la redazione dei programmi
triennali, degli aggiornamenti annuali e dell’elenco annuale dei
lavori pubblici, e visto il decreto dello stesso Ministro 4 agosto
2000, recante interpretazione autentica del decreto inizialmente
adottato;
Visti i decreti del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti
22 giugno 2004 e 9 giugno 2005, che modificano le disposizioni di cui
al precedente decreto;
Vista la delibera 29 novembre 2002, n. 106 (Gazzetta Ufficiale n.
17/2003), con la quale questo Comitato ha formulato il giudizio di
compatibilita’ sul Programma di edilizia statale per il triennio
2002-2004 ex citato art. 14 della legge n. 109/1994;
Vista la delibera 2 dicembre 2005, n. 131, con la quale questo
Comitato ha formulato analogo parere di compatibilita’ con
riferimento al programma di edilizia statale 2005-2007;
Vista la nota 25 ottobre 2006, n. B3/2/2819, con la quale il
Ministero delle infrastrutture – Dipartimento per le infrastrutture
statali, l’edilizia e la regolazione dei lavori pubblici ha trasmesso
a questo Comitato i programmi di edilizia statale relativi al
triennio 2006-2008 e gli elenchi annuali dei lavori per il 2006;
Vista la nota 19 febbraio 2007, n. B/3/2/504, con la quale il
Ministro delle infrastrutture ha ufficializzato la richiesta di
sottoposizione dei citati programmi a questo Comitato;
Vista la nota 16 aprile 2007, n. 5789, con la quale il Dipartimento
per le infrastrutture statali, l’edilizia e la regolazione dei lavori
pubblici del Ministero delle infrastrutture ha fornito talune
precisazioni in ordine ai contenuti di un decreto ministeriale
incluso nella documentazione di cui sopra;
Vista la nota 16 aprile 2007, n. 5792, con la quale il predetto
Dipartimento ha trasmesso, ad integrazione dei programmi in
precedenza inoltrati, il programma triennale 2006-2008 e l’elenco
annuale dei lavori per l’anno 2006 a carico dei capitoli di bilancio
7341 e 7344 relativi al S.I.I.T. Lombardia-Liguria;
Ritenuto, in linea generale, che i documenti programmatori di
riferimento per la verifica di compatibilita’ prevista dall’art. 128
del decreto legislativo n. 163/2006 siano da individuare nei
documenti di programmazione economico-finanziaria, nelle disposizioni
per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato e
nelle leggi pluriennali di spesa, nonche’ negli eventuali programmi
comunitari e nazionali relativi allo specifico settore;
Considerato che i recenti documenti di programmazione
economico-finanziaria presuppongono quale obiettivo generale per il
settore delle opere pubbliche, un ricorso piu’ incisivo alla tecnica
del project financing;
Considerato che il documento di programmazione
economico-finanziaria 2006-2009 prevede altresi che il 30% delle
risorse ordinarie destinate agli investimenti venga riservato al
Mezzogiorno al fine di conferire effettivo carattere di aggiuntivita’
agli specifici fondi, nazionali e comunitari, finalizzati allo
sviluppo di tale macro-area;
Rilevata l’opportunita’ di formulare indicazioni in vista degli
aggiornamenti del programma in oggetto;
Prende atto:
che il programma triennale di edilizia statale 2006- 2008, che
rappresenta l’aggiornamento annuale del precedente programma relativo
al triennio 2005-2007, e’ costituito da nove programmi triennali
concernenti il settore infrastrutture, corredati dagli elenchi dei
lavori previsti per il 2006, redatti dai Servizi integrati
infrastrutture e trasporti (S.I.I.T., ex provveditorati regionali
alle opere pubbliche); programmi che sono stati approvati dal
Ministero delle infrastrutture con distinti decreti concernenti i
vari Servizi sopra indicati ed i capitoli di bilancio interessati
(1783-7340-7341 e 7344);
che, per quanto attiene alla regione Sardegna, il Ministero delle
infrastrutture ha trasmesso i decreti approvativi dei programmi
predisposti per il triennio considerato dall’assessorato regionale ai
LL.PP. (attesa la perdurante competenza regionale in questa materia)
e concernenti le assegnazioni a copertura del costo degli interventi
inclusi nell’elenco annuale relativo al 2006;
che i predetti programmi, come da direttiva del Ministro delle
infrastrutture in data 12 ottobre 2006, riguardano principalmente
interventi di manutenzione straordinaria e prioritariamente quelli di
adeguamento alle norme di sicurezza e di adeguamento ambientale,
interventi di recupero per assicurare maggiore funzionalita’ agli
immobili, completamenti e ampliamenti o ristrutturazioni, interventi
dotati di progettazione esecutiva da effettuare sugli immobili
statali o su immobili privati destinati a sede di uffici statali, la
cui spesa risulta imputata alle risorse assegnate a ciascun S.I.I.T.
a carico degli ordinari stanziamenti di bilancio del menzionato
Ministero;
che i programmi stessi, tenuto conto del loro carattere
prevalentemente manutentorio, riflettono le priorita’ indicate
dall’art. 128 del decreto legislativo n. 163/ 2006 e non prevedono,
quantomeno esplicitamente, la partecipazione di capitali privati;
che gli elenchi annuali dei lavori 2006, incluso quello relativo
alla regione Sardegna, recano un costo complessivo di 169.899.695,24
euro e che le assegnazioni per detto anno, a carico dei citati
capitoli di bilancio, presentano la seguente articolazione: nord
32,65%, centro 40,71%, sud 26,64%;
che la distribuzione territoriale delle assegnazioni e’ conseguente
al rilevato carattere prevalentemente manutentorio degli interventi
previsti, che interessano in modo rilevante il centro in relazione
alla piu’ incisiva insistenza di edifici istituzionali nella
Capitale, e che anche il mancato ricorso al project financing e’
coerente con la destinazione degli edifici interessati dalle opere,
destinati esclusivamente a sede di uffici pubblici e categorie
affini;
che la prima annualita’ dei programmi all’esame e gli elenchi
lavori relativi al 2006 esprimono un fabbisogno complessivo coerente
con gli stanziamenti di bilancio e che non sono rilevabili elementi
di incompatibilita’ con gli altri documenti programmatori vigenti;
che per le annualita’ successive e in particolare per il 2007 i
programmi in esame prevedono interventi di importo complessivamente
superiore agli stanziamenti per l’anno in corso, in quanto approvati
prima della legge finanziaria 2007;
Esprime parere favorevole
in relazione a quanto sopra e ai sensi dell’art. 128 del decreto
legislativo n. 163/2006 sul programma triennale di edilizia statale
2006-2008 limitatamente alla prima annualita’;
Invita
il Ministro delle infrastrutture:
a presentare, non appena possibile, il previsto aggiornamento
annuale, nell’ambito della programmazione 2007-2009, in coerenza con
le effettive disponibilita’ di bilancio;
a corredare detto aggiornamento annuale con una relazione
organica che illustri lo stato di attuazione complessiva degli
investimenti effettuati per l’annualita’ 2006, le linee essenziali
dell’aggiornamento stesso, i criteri adottati per il riparto delle
risorse tra i vari Servizi interessati e la percentuale riservata al
Mezzogiorno;
a raccomandare a detti Servizi di valutare la possibilita’ di
ricorso a forme di coinvolgimento del capitale privato per il
finanziamento dei lavori di loro competenza, compatibilmente con la
natura prevalentemente manutentoria dei lavori stessi.
Roma, 24 aprile 2007
Il Presidente: Prodi
Il segretario del CIPE: Gobbo

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 24 Aprile 2007

Periti.info