COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 28 Giugno 2007 | Periti.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 28 Giugno 2007

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 28 Giugno 2007 - Assorbimento dei tagli e degli accantonamenti apportati dalla legge finanziaria 2007 al Fondo aree sottoutilizzate ex articolo 61, legge finanziaria 2003. Riassegnazione parziale revoche ex delibera n. 179/2006 e nuove assegnazioni. (Deliberazione n. 50/2007). (GU n. 253 del 30-10-2007 )

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 28 Giugno 2007

Assorbimento dei tagli e degli accantonamenti apportati dalla legge
finanziaria 2007 al Fondo aree sottoutilizzate ex articolo 61, legge
finanziaria 2003. Riassegnazione parziale revoche ex delibera n.
179/2006 e nuove assegnazioni. (Deliberazione n. 50/2007).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Vista la legge 1° marzo 1986, n. 64, e successive modificazioni,
recante la disciplina l’intervento straordinario nel Mezzogiorno;
Visto il decreto legislativo 3 aprile 1993, n. 96, concernente la
cessazione dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno ed in
particolare l’art. 19, comma 5, che istituisce un Fondo cui
affluiscono le disponibilita’ di bilancio per il finanziamento delle
iniziative nelle aree depresse del Paese;
Visto il decreto-legge 8 febbraio 1995, n. 32, convertito nella
legge 7 aprile 1995, n. 104, recante norme per l’avvio
dell’intervento ordinario nelle aree depresse del territorio
nazionale;
Visti il decreto-legge 23 febbraio 1995, n. 41 convertito nella
legge 22 marzo 1995, n. 85, il decreto-legge 23 giugno 1995, n. 244,
convertito nella legge 8 agosto 1995, n. 341, il decreto-legge
23 ottobre 1996, n. 548, convertito nella legge 20 dicembre 1996, n.
641, il decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67, convertito nella legge
23 maggio 1997, n. 135 e la legge 30 giugno 1998, n. 208,
provvedimenti tutti intesi a finanziare la realizzazione di
iniziative dirette a favorire lo sviluppo sociale ed economico delle
aree depresse del Paese;
Viste inoltre le leggi 23 dicembre 1998, n. 449 (finanziaria 1999),
23 dicembre 1999, n. 488 (finanziaria 2000), 23 dicembre 2000, n. 388
(finanziaria 2001), 28 dicembre 2001, n. 448 (finanziaria 2002),
27 dicembre 2002, n. 289 (finanziaria 2003), 24 dicembre 2003, n. 350
(finanziaria 2004), 30 dicembre 2004, n. 311 (finanziaria 2005),
23 dicembre 2005, n. 266 (finanziaria 2006), che recano fra l’altro
autorizzazioni di spesa volte ad assicurare il rifinanziamento della
predetta legge n. 208/1998 per la prosecuzione degli interventi nelle
aree depresse;
Visto, in particolare, l’art. 73 della citata legge finanziaria
2002 che stabilisce criteri e modalita’ di assegnazione delle risorse
aggiuntive disponibili per interventi nelle aree depresse, a titolo
di rifinanziamento della legge n. 208/1998, volti a promuovere lo
sviluppo economico e la coesione e a superare gli squilibri economici
e sociali presenti nel Paese, criteri che privilegiano gli obiettivi
dell’avanzamento progettuale, della coerenza programmatica – con
particolare riferimento ai principi unitari – e della premialita’;
Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007)
che ha recato autorizzazioni di spesa volte ad assicurare il
rifinanziamento della predetta legge n. 208/1998 per la prosecuzione
degli interventi nelle aree depresse;
Considerato che la citata legge finanziaria 2007 ha contestualmente
disposto una rimodulazione temporale delle risorse disponibili alla
data del 31 dicembre 2006 sul Fondo per le aree sottoutilizzate (FAS)
ex art. 61 legge finanziaria 2003 riducendo la disponibilita’ per il
triennio 2007-2009 di un importo di 7.826,5 milioni di euro ed
incrementando, per un pari importo la disponibilita’ dell’esercizio
2010;
Considerato che la citata legge finanziaria 2007 (art. 1, commi 507
e 716 e tabella E) ha inoltre disposto tagli ed accantonamenti a
valere sul FAS per complessivi 2.956,277 milioni di euro;
Considerato che la stessa legge finanziaria 2007 ha altresi’
previsto all’art. 1, comma 869, che la societa’ Sviluppo Italia
S.p.A. (ora Agenzia nazionale per l’attrazione di investimenti e
sviluppo di impresa S.p.A.) riversi all’entrata del bilancio dello
Stato a fronte di precedenti assegnazioni CIPE disposte per il
finanziamento dei contributi a fondo perduto, a favore
dell’autoimprenditorialita’ e dell’autoimpiego, il complessivo
importo di 300 milioni di euro;
Viste le proprie delibere 6 agosto 1999, n. 139 (Gazzetta Ufficiale
n. 254/1999), 15 febbraio 2000, n. 14 (Gazzetta Ufficiale n.
96/2000), 4 agosto 2000, n. 84 (Gazzetta Ufficiale n. 268/2000),
21 dicembre 2000, n. 138 (Gazzetta Ufficiale n. 34/2001), 4 aprile
2001, n. 48 (Gazzetta Ufficiale n. 142/2001), 3 maggio 2002, n. 36
(Gazzetta Ufficiale n. 167/2002), 6 giugno 2002, n. 39 (Gazzetta
Ufficiale n. 222/2002), 9 maggio 2003, n. 16 (Gazzetta Ufficiale n.
156/2003), 9 maggio 2003, n. 17 (Gazzetta Ufficiale n. 155/2003),
13 novembre 2003, n. 83 (Gazzetta Ufficiale n. 48/2004), 29 settembre
2004, n. 19 (Gazzetta Ufficiale n. 254/2004) e n. 20 (Gazzetta
Ufficiale n. 265/2004), 18 marzo 2005, n. 19 (Gazzetta Ufficiale n.
225/2005), 27 maggio 2005, n. 34 (Gazzetta Ufficiale n. 235/2005) e
n. 35 (Gazzetta Ufficiale n. 237/2005), 20 dicembre 2004, n. 81
(Gazzetta Ufficiale n. 93/2005), 18 marzo 2005, n. 14 (Gazzetta
Ufficiale n. 203/2005), 29 luglio 2005, n. 99 (Gazzetta Ufficiale n.
145/2005), 22 marzo 2006, n. 1 (Gazzetta Ufficiale n. 142/2006), n. 2
(Gazzetta Ufficiale n. 193/2006), n. 3 (Gazzetta Ufficiale n.
144/2006), n. 14/2006 (Gazzetta Ufficiale n. 256/2006), n. 165/2006
(Gazzetta Ufficiale n. 94/2007), 179/2006 (Gazzetta Ufficiale n.
118/2007) e 180/2006 (Gazzetta Ufficiale n. 129/2007) delibere tutte
relative ad assegnazioni di risorse a favore delle aree
sottoutilizzate;
Vista la propria delibera 22 dicembre 2006, n. 179, (Gazzetta
Ufficiale n. 118/2007), con la quale e’ stato applicato il meccanismo
sanzionatorio previsto al punto 6.4 della citata delibera n. 17/2003
e si e’ determinato l’ammontare complessivo delle risorse impegnate
dalle Amministrazioni centrali e regionali e delle quote da
decurtare;
Vista la proposta di cui alla nota n. 0010724 del 27 giugno 2007
del Ministero dello sviluppo economico che, all’esito
dell’istruttoria svolta unitamente alla Presidenza del Consiglio dei
Ministri, Segreteria del CIPE e al Ministero dell’economia e delle
finanze, Ragioneria generale dello Stato, individua le seguenti
modalita’ di assorbimento dell’impatto dei tagli e degli
accantonamenti apportati al FAS dalla legge finanziaria 2007:
utilizzo delle risorse assegnate in passato a strumenti a
titolarita’ centrale che hanno dimostrato un tiraggio inferiore alle
previsioni (credito di imposta per l’occupazione), nel rispetto del
meccanismo di flessibilita’ nell’utilizzo delle risorse FAS
introdotto dall’art. 60 della legge finanziaria 2003 ed ormai
ampiamente consolidato;
utilizzo di una quota, pari a 1.106 milioni di euro, delle
risorse stanziate dalla legge finanziaria 2007 a favore del FAS,
integrativa rispetto al fabbisogno stimato in sede di stesura del
Quadro strategico nazionale 2007-2013, relativamente alla
programmazione del Fas stesso, quota introdotta a parziale copertura
dei tagli e degli accantonamenti disposti dalla medesima legge
finanziaria a carico del FAS;
utilizzo delle risorse accantonante per finalita’ premiali con le
delibere di riparto del FAS adottate da questo Comitato a partire dal
2002, ferma restando l’attribuzione alle Amministrazioni performanti
delle quote premiali direttamente spettanti (c.d. premialita’ di
primo livello) gia’ maturate, non appena saranno state completate le
relative verifiche;
Considerato che la citata proposta del Ministero dello sviluppo
economico prevede inoltre – in linea con i criteri gia’ condivisi sin
dalla seduta del 22 marzo 2006 – alcune riassegnazioni a favore delle
Amministrazioni centrali e regionali beneficiarie di risorse a
carattere “non ricorrente” oggetto di revoca con la citata delibera
n. 179/2006, che hanno comunque nel frattempo assunto obbligazioni
giuridicamente vincolanti dopo il 31 dicembre 2005 (ovvero il
31 marzo 2006) e per le quali il definanziamento dei relativi
interventi comporterebbe un negativo impatto sullo sviluppo delle
iniziative gia’ avviate;
Considerato che, in accoglimento della richiesta avanzata dalle
regioni e province autonome, la detta proposta prevede altresi’ la
possibilita’ di procedere ad ulteriori verifiche in ordine alle
revoche gia’ disposte a carico delle stesse amministrazioni con la
citata delibera n. 179/2006 a fronte di assegnazioni di carattere
ricorrente, i cui risultati saranno successivamente sottoposti
all’attenzione di questo Comitato;
Vista la nota n. 8046 del 14 giugno 2007 del Ministro per le
riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione, concernente
la richiesta di riassegnazione di parte delle risorse sottoposte a
revoca con la citata delibera n. 179/2006;
Vista la nota n. GAB/8493 del 14 giugno 2007 del Ministro
dell’universita’ e della ricerca concernente la richiesta di
riassegnazione di parte delle risorse sottoposte a revoca sulla base
della citata delibera n. 179/2006;
Viste le note n. 10066 del 18 aprile 2007 e n. 07310 del 28 giugno
2007 del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio
concernenti le richieste di riassegnazione delle risorse sottoposte a
revoca sulla base della citata delibera n. 179/2006;
Vista la nota n. 20777 del 28 luglio 2006 del Ministero dello
sviluppo economico, Dipartimento per le politiche di sviluppo e
coesione, Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le
intese concernente la richiesta di riassegnazione delle risorse
relative alla quota assistenza tecnica del “Progetto monitoraggio” di
cui alla delibera CIPE n. 17/2003, sottoposte a revoca sulla base
della citata delibera n. 179/2006;
Vista la nota n. 2428/GAB del 13 giugno 2007 del Ministero per le
politiche giovanili e le attivita’ sportive, concernente la richiesta
di finanziamento di azioni di sistema ed attivita’ di assistenza alle
Regioni ed al sistema delle autonomie locali;
Vista la nota n. 39/U4 del 27 giugno 2007 del Dipartimento per il
coordinamento delle politiche comunitarie, concernente la richiesta
di finanziamento di un progetto pilota di assistenza tecnica alle
regioni del Mezzogiorno fuori obiettivo convergenza, finalizzata alla
tempestiva e corretta attuazione della normativa comunitaria;
Considerato che la citata proposta n. 0010724 del 27 giugno 2007
del Ministero dello sviluppo economico, al fine di garantire il
rispetto delle obbligazioni assunte dalla societa’ Sviluppo Italia
S.p.A. (ora Agenzia nazionale per l’attrazione di investimenti e lo
sviluppo di impresa S.p.A.) a fronte delle premesse assegnazioni CIPE
disposte con le precedenti delibere nn. 19/2004, 34/2005, e 2/2006,
prevede altresi’ rassegnazione dell’importo di 300 milioni di euro a
favore della stessa societa’ da destinare al finanziamento dei
contributi a fondo perduto previsti dagli incentivi in materia di
autoimprenditorialita’ e autoimpiego, tenuto anche conto che in base
a quanto disposto dall’art. 1, comma 869, della legge finanziaria
2007, la stessa societa’ e’ tenuta a riversare al bilancio dello
Stato l’importo suddetto e ritenuto di dover aderire a tale richiesta
per garantire continuita’ nell’applicazione dello strumento;
Ritenuto pertanto opportuno accogliere la detta proposta
complessiva presentata dal Ministero dello sviluppo economico tenuto
conto che la stessa consente di far fronte alla copertura dei
suddetti tagli ed accantonamenti senza pregiudicare la realizzazione
degli interventi gia’ finanziati dal CIPE con le delibere di riparto
del FAS adottate in precedenza;
Acquisito sulla citata proposta del Ministro dello sviluppo
economico, nella seduta del 27 giugno 2007, il parere favorevole
della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e
le Province autonome;

Delibera:

1. Ammontare dei tagli e degli accantonamenti disposti a carico del
FAS.
I tagli e gli accantonamenti disposti a carico del FAS dalla legge
finanziaria 2007 di cui alle premesse ammontano complessivamente a
2.956,278 milioni di euro ed impattano sulle dotazioni annuali del
FAS come segue:

milioni di euro
=====================================================================
| 2007 | 2008 | 2009 | totale
=====================================================================
Articolato L.F. 2007 | | | |
———————————————————————
comma 507 |- 430,687 |- 440,843|- 669,748|- 1.541,278
———————————————————————
comma 716 (Comuni < 5000 | | | | abitanti) |- 195,000 |- 130,000|- 65,000| -390,000 --------------------------------------------------------------------- Tabella E | | | | --------------------------------------------------------------------- Ministero sviluppo | | | | economico FAS |- 633,800 |- 291,200|- 100,000|- 1.025,000 --------------------------------------------------------------------- Totale tagli e | | | | accantonamenti |- 1.259,487|- 862,043|- 834,748|- 2.956,278 2. Assorbimento dell'impatto dei tagli e degli accantonamenti a carico del FAS. 2.1. A fronte dei tagli e degli accantonamenti disposti dalla legge finanziaria 2007 pari a 2.956,278 milioni di euro si rendono disponibili a carico del FAS le seguenti risorse, per complessivi 3.414,840 milioni di euro, che ne garantiscono la copertura integrale: l'importo di 550 milioni di euro, derivante da un minor utilizzo delle risorse assegnate con precedenti delibere CIPE allo strumento del credito di imposta per l'occupazione, che ha dimostrato un tiraggio inferiore alle previsioni; l'importo di 1.106 milioni di euro, relativo all'anno 2010, reperito nell'ambito dello stanziamento recato dalla legge finanziaria 2007 a favore del FAS, aggiuntivo rispetto a quanto previsto in sede di stesura del QSN; l'importo di 1.758,840 milioni di euro, reperito a carico degli accantonamenti disposti per finalita' premiali con le delibere di riparto del FAS adottate da questo Comitato a partire dal 2002. 2.2. Tale disponibilita' complessiva di 3.414,840 milioni di euro consente, oltre alla copertura integrale dei predetti tagli e accantonamenti, anche una nuova assegnazione a favore della societa' Sviluppo Italia S.p.a. (ora Agenzia nazionale per l'attrazione di investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.a.) per un importo di 300 milioni di euro e la costituzione di una prima quota di 158,562 milioni di euro per il reintegro dei citati accantonamenti a suo tempo disposti per finalita' premiali. Tale quota di 158,562 milioni di euro e' finalizzata a garantire alle Amministrazioni performanti, a seguito delle relative verifiche, l'entita' delle risorse premiali direttamente spettanti (c.d. "premialita' di primo livello"). 3. Riassegnazione delle risorse a carattere "non ricorrente" revocate con la delibera n. 179/2006. Una quota delle risorse revocate con la citata delibera n. 179/2006 - il cui valore massimo, al netto della riassegnazione di 18 milioni di euro gia' disposta a favore del Fondo dell'occupazione, ammonta a 719.817.631 euro - relativa a poste di carattere "non ricorrente", e' assegnata per l'anno 2007 come segue: a) l'importo di 7.944.274 euro, e' riassegnato alle regioni e le province autonome nell'ambito del "Progetto Monitoraggio" delle Intese istituzionali di programma, secondo la ripartizione di cui all'allegato 1 della presente delibera che ne forma parte integrante; b) l'importo di 25 milioni di euro e' riassegnato a favore della regione Campania per interventi nell'area del Sarno svolti in regime commissariale; c) l'importo di 268.669.466 euro e' riassegnato al Ministero dell'universita' e della ricerca per i distretti tecnologici; d) l'importo 119.016.181 euro e' riassegnato al Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione per l'attuazione di programmi nazionali in materia di societa' dell'informazione; e) l'importo di 36.056.266 euro e' riassegnato al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio per il finanziamento degli interventi di risanamento delle aree contaminate di Priolo (28.056.266 euro) e del progetto "Portale cartografico nazionale" (8 milioni di euro). Pertanto, a fronte della predetta disponibilita' di 719.817.631 euro, le risorse complessivamente riassegnate con la presente delibera ammontano a 456.686.187 euro. Le risorse che residuano ammontano quindi a 263.131.444 euro. 4. Nuove assegnazioni a favore di Programmi di assistenza tecnica. 4.1. Al Ministero per le politiche giovanili e le attivita' sportive e' assegnato per l'anno 2007 l'importo di un milione di euro per il finanziamento di azioni di sistema ed attivita' di assistenza alle regioni ed al sistema delle autonomie locali richiamate in premessa. 4.2. Al Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie e' assegnato per l'anno 2007 l'importo di un milione di euro per il finanziamento di un progetto pilota di assistenza tecnica alle regioni del Mezzogiorno fuori obiettivo convergenza, finalizzata alla tempestiva e corretta attuazione della normativa comunitaria, come richiamato in premessa. 4.3. Le risorse necessarie ai finanziamenti sopraccitati sono reperite a valere sulle residue disponibilita' di cui al precedente punto 3. Le risorse di cui alla citata delibera n. 179/2006 che residuano ammontano quindi a 261.131.444 euro. 5. Copertura delle c.d. "premialita' di primo livello". Al fine di garantire il reintegro dell'importo di 1.758,840 milioni di euro, di cui al punto 2.1 della presente delibera, a suo tempo destinato a finalita' premiali, oltre all'importo di 158,562 milioni di euro gia' destinato allo scopo al precedente punto 2.2, saranno utilizzate le risorse revocate con la delibera n. 179/2006 ancora disponibili di cui al precedente punto 4.3, pari a 261.131.444 euro. Tali revoche saranno oggetto di un percorso di verifica da avviare coerentemente con i criteri gia' condivisi sin dalla seduta CIPE del 22 marzo 2006, i cui risultati saranno successivamente sottoposti all'attenzione di questo Comitato. Il reintegro delle citate quote premiali potra' altresi' essere assicurato con l'integrale utilizzo dei minori accantonamenti che dovessero essere disposti in attuazione dell'art. 1, comma 507, della legge finanziaria 2007, per effetto di una diversa contabilizzazione del loro ammontare rispetto a quello attualmente comunicato dal Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato. Inoltre, il reintegro delle citate quote premiali sara' prioritariamente assicurato con le risorse eventualmente disponibili a fronte delle revoche che dovessero emergere nel corso delle future verifiche relative alle delibere gia' adottate da questo Comitato a partire dal 2004 e ancora in corso di attuazione. Al fine di garantire l'intera copertura delle premialita' di primo livello che risulteranno effettivamente maturate, qualora le risorse sopra individuate non fossero sufficienti allo scopo, la copertura delle stesse potra' avvenire attingendo alle risorse recate dalla legge finanziaria 2007 per la nuova programmazione 2007-2013. 6. Assegnazione a favore dei Programmi di autoimprenditorialita' e di autoimpiego. Al fine di garantire il rispetto delle obbligazioni giuridicamente vincolanti assunte dalla societa' Sviluppo Italia S.p.a. (ora Agenzia nazionale per l'attrazione di investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.a.) a fronte delle pregresse assegnazioni disposte con le precedenti delibere nn. 19/2004, 34/2005 e 2/2006 e tenuto conto di quanto previsto dall'art. 1, comma 869, della legge finanziaria 2007, e' disposta una nuova assegnazione di 300 milioni di euro a favore della stessa societa' da destinare al finanziamento dei contributi a fondo perduto previsti dagli incentivi in materia di autoimprenditorialita' e autoimpiego. 7. Quadro finanziario di sintesi. Alla luce dei tagli e degli accantonamenti disposti dalla legge finanziaria 2007 a carico del FAS, delle modalita' di assorbimento degli stessi di cui ai precedenti punti 1 e 2, delle riassegnazioni di cui al precedente punto 3, delle nuove assegnazioni di cui ai precedenti punti 4 e 6 e della copertura delle c.d. "premialita' di primo livello" di cui al precedente punto 5, il quadro finanziario di sintesi che ne deriva e' il seguente: ----> Vedere tabella a pag. 57 in formato zip/pdf

8. Disposizioni attuative di carattere contabile.
Il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato e’
autorizzato a disporre le conseguenti variazioni di bilancio in
attuazione delle assegnazioni disposte con la presente delibera.
Roma, 28 giugno 2007
Il Presidente: Prodi
Il segretario del CIPE: Gobbo

Registrata alla Corte dei conti il 25 ottobre 2007
Ufficio di controllo atti Ministeri economico-finanziari, registro n.
5 Economia e finanze, foglio n. 268

Allegato 1

Riassegnazione a favore del “Progetto Monitoraggio” delle Intese
istituzionali di programma Quota per assistenza tecnica

Euro
=====================================================================
| | Risorse | |
| |complessivamente| Totale risorse | Risorse
| | assegnate ex | revocate ex |riassegnate con
| |delibera CIPE n.|delibera CIPE n.| la presente
| Regione | 17/2003 | 179/2006 | delibera
=====================================================================
|Friuli-Venezia | | |
1 |Giulia | 615.410| 14.283| 14.283
———————————————————————
2 |Lombardia | 1.573.010| 705.775| 705.775
———————————————————————
|Provincia | | |
|autonoma di | | |
3 |Bolzano | 616.300| 520.722| 520.722
———————————————————————
|Provincia | | |
|autonoma di | | |
4 |Trento | 576.480| 0| 0
———————————————————————
5 |Piemonte | 1.065.520| 199.710| 199,710
———————————————————————
6 |Valle d’Aosta | 397.180| 309.200| 309.200
———————————————————————
7 |Veneto | 1.000.860| 459.960| 459.960
———————————————————————
8 |Emilia-Romagna | 997.940| 423.869| 423.869
———————————————————————
9 |Lazio | 1.316.760| 136.760| 136.760
———————————————————————
10|Liguria | 688.100| 52.970| 52.970
———————————————————————
11|Marche | 644.310| 591.182| 591.182
———————————————————————
12|Toscana | 954.260| 257.103| 257.103
———————————————————————
13|Umbria | 553.860| 549.060| 549.060
———————————————————————
14|Abruzzo | 738.180| 395.989| 395.989
———————————————————————
15|Basilicata | 710.400| 554.246| 554.246
———————————————————————
16|Molise | 496.920| 89.064| 89.064
———————————————————————
17|Puglia | 1.247.180| 177.180| 177.180
———————————————————————
18|Campania | 1.818.940| 534.481| 534.481
———————————————————————
19|Calabria | 1.121.450| 1.121.450| 1.121.450
———————————————————————
20|Sicilia | 1.734.230| 851.270| 851.270
———————————————————————
21|Sardegna | 1.132.700| 0| 0
———————————————————————
|Totale quota | 19.999.990| 7.944.274| 7.944.274

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 28 Giugno 2007

Periti.info