CONFERENZA UNIFICATA - PROVVEDIMENTO 30 Ottobre 2007 | Periti.info

CONFERENZA UNIFICATA – PROVVEDIMENTO 30 Ottobre 2007

CONFERENZA UNIFICATA - PROVVEDIMENTO 30 Ottobre 2007 - Intesa, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, in materia di accertamento di assenza di tossicodipendenza. (Repertorio atti n. 99/CU). (GU n. 266 del 15-11-2007 )

CONFERENZA UNIFICATA

PROVVEDIMENTO 30 Ottobre 2007

Intesa, ai sensi dell’articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003,
n. 131, in materia di accertamento di assenza di tossicodipendenza.
(Repertorio atti n. 99/CU).

LA CONFERENZA UNIFICATA
Nella odierna seduta del 30 ottobre 2007;
Visto il regio decreto-legge 14 dicembre 1933, n. 1773, recante
“Accertamento dell’idoneita’ fisica della gente di mare di prima
categoria”;
Visto l’art. 6 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, concernente i
servizi sanitari istituiti per le Forze armate e i Corpi di polizia,
per il Corpo degli agenti di custodia e per il Corpo nazionale dei
vigili del fuoco, nonche’ i servizi delle ferrovie dello Stato
relativi all’accertamento tecnico-sanitario delle condizioni del
personale dipendente;
Visto l’art. 9 del decreto del Presidente della Repubblica
11 luglio 1980, n. 753, in materia di idoneita’ del personale delle
ferrovie e di altri servizi di trasporto pubblico;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 31 luglio 1980, n.
620, recante “Disciplina dell’assistenza sanitaria al personale
navigante, marittimo e dell’aviazione civile (art. 37, ultimo
comma della legge n. 833 del 1978)”;
Visto l’art. 14 della legge 17 maggio 1985, n. 210, in materia di
idoneita’ fisica e psicoattitudinale e di controlli sul personale
delle ferrovie dello Stato da parte del relativo servizio sanitario;
Visto il decreto del Ministro della sanita’ 12 luglio 1990, n. 186,
recante “Regolamento concernente la determinazione delle procedure
diagnostiche e medico-legali per accertare l’uso abituale di sostanze
stupefacenti o psicotrope, delle metodiche per quantificare
l’assunzione abituale nelle 24 ore e dei limiti quantitativi massimi
di principio attivo per le dosi medie giornaliere”;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n.
309, recante “Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli
stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e
riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza”, e successive
modificazioni e integrazioni;
Visto in particolare l’art. 125 del citato decreto del Presidente
della Repubblica n. 309 del 1990, che prevede l’adozione di un
decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di
concerto con il Ministro della salute, volto ad individuare le
mansioni che comportano rischi per la sicurezza, l’incolumita’ e la
salute dei terzi, allo scopo di sottoporre gli appartenenti alle
categorie di lavoratori destinati a tali mansioni ad accertamento di
assenza di tossicodipendenza prima dell’assunzione in servizio, e
successivamente ad accertamenti periodici, nonche’ volto a
determinare la periodicita’ degli accertamenti e le relative
modalita’;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992,
n. 495, “Regolamento di esecuzione e attuazione del Codice della
strada” e le successive modificazioni;
Visto il decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, di
attuazione di direttive CEE riguardanti il miglioramento della
sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro;
Visto il decreto del Ministero dei trasporti e della navigazione
23 febbraio 1999, n. 88, recante “Norme concernenti l’accertamento ed
il controllo dell’idoneita’ fisica e psico-attitudinale del personale
addetto ai pubblici servizi di trasporto”;
Visto l’art. 131, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n. 388,
concernente fra l’altro l’assegnazione al gestore dell’infrastruttura
ferroviaria delle attivita’ gia’ attribuite o riservate per legge o
con atti amministrativi alle ferrovie dello Stato;
Vista la legge 3 agosto 2007, n. 123, recante “Misure in tema di
tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al governo
per il riassetto della riforma della normativa in materia”;
Vista la legge 5 giugno 2003, n. 131, recante “Disposizioni per
l’adeguamento dell’ordinamento della Repubblica alla legge
costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3”, che all’art. 8, comma 6,
prevede che il Governo possa promuovere la stipula di intese in sede
di Conferenza Stato-regioni o di Conferenza unificata, dirette a
favorire l’armonizzazione delle rispettive legislazioni o il
raggiungimento di posizioni unitarie o il conseguimento di obiettivi
comuni;
Ritenuto di dover procedere, anche con modalita’ sperimentali, ai
sensi del citato art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131,
per raggiungere posizioni unitarie e conseguire obiettivi comuni
nella materia di cui trattasi;
Considerato che l’assunzione di sostanze stupefacenti e psicotrope
sia saltuaria sia abitudinaria, determinando alterazioni
dell’equilibrio psicofisico, comporta il medesimo rischio per la
salute e la sicurezza dell’operatore stesso e dei terzi;
Considerato che il Ministero della salute ha fatto presente di aver
consultato l’Autorita’ garante per la protezione dei dati personali,
ai sensi dell’art. 154, comma 4, del decreto legislativo 30 giugno
2003, n. 196, recante “Codice in materia di protezione dei dati
personali”;
Visto lo schema di intesa di cui all’oggetto trasmesso dal
Ministero della salute con nota in data 18 luglio 2007;
Vista la definitiva stesura dello schema di intesa di cui trattasi,
trasmessa dal Ministero della salute con nota in data 8 ottobre 2007,
che tiene conto delle modifiche concordate in sede tecnica con le
regioni e l’ANCI, nonche’ delle osservazioni formulate dagli altri
Ministeri interessati;
Acquisito, nel corso dell’odierna seduta, l’assenso del Governo,
delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano,
dell’ANCI, dell’UPI e dell’UNCEM sullo schema di intesa in oggetto;
Sancisce intesa
tra il Governo, le regioni e le province autonome di Trento e di
Bolzano nei termini di seguito riportati:
Art. 1.
Mansioni a rischio
1. Le mansioni che comportano rischi per la sicurezza,
l’incolumita’ e la salute proprie e di terzi, anche in riferimento ad
un’assunzione solo sporadica di sostanze stupefacenti, sono, oltre a
quelle inerenti attivita’ di trasporto, anche quelle individuate
nell’allegato I, che forma parte integrante della presente intesa.
Per tali mansioni e’ obbligatoria la sorveglianza sanitaria ai sensi
del combinato disposto degli articoli 16 e 17 del decreto legislativo
19 settembre l994, n. 626.
2. In relazione alla peculiarita’ dei compiti istituzionali e delle
esigenze connesse all’espletamento delle correlate mansioni al
personale, delle ferrovie e di altri servizi di trasporto previsti
dal decreto del Presidente della Repubblica n. 753 del 1980, delle
Forze armate, di polizia, degli altri corpi armati e del Corpo
nazionale dei vigili del fuoco, si applicano le disposizioni previste
dai rispettivi ordinamenti in materia di idoneita’ fisica, psichica e
attitudinale al servizio, per gli aspetti disciplinati dalla presente
intesa.

Art. 2.
Struttura sanitaria competente
1. Ai fini della presente intesa per struttura sanitaria
competente, si intende il Servizio per le tossicodipendenze
dell’Azienda sanitaria locale nel cui territorio ha sede l’azienda
nella quale e’ occupato il lavoratore interessato.
2. Per il personale navigante delle acque interne e per il
personale in attesa di imbarco la struttura sanitaria competente e’
identificata nell’ufficio dei servizi assistenza sanitaria naviganti
territorialmente competente ad effettuare le visite preventive di
imbarco e le visite periodiche di idoneita’ previste dalla vigente
normativa sulla navigazione marittima ed aerea, ai sensi dell’art. 6
del decreto del Presidente della Repubblica 31 luglio 1980, n. 620.
3. Per il personale marittimo imbarcato la struttura sanitaria
competente e’ identificata in riferimento al compartimento di
iscrizione della nave ovvero a qualsiasi porto di arrivo nazionale,
scelto dal datore di lavoro nell’ambito di competenza territoriale
dell’ufficio di sanita’ marittima servizio assistenza sanitaria
naviganti. Qualora la nave nel corso dell’anno solare attracchi
esclusivamente in porti esteri, ferme restando le procedure di cui
all’art. 7, commi 2, 3 e 4, l’accertamento periodico e’ effettuato a
cura dei medici fiduciari nominati dal Ministero della salute ed
accreditati presso le autorita’ italiane.
4. Per il personale addetto alla circolazione dei treni e alla
sicurezza delle ferrovie in concessione e in gestione governativa,
metropolitane, tranvie ed impianti assimilati, filovie, autolinee e
impianti funicolari aerei e terrestri, per il personale addetto alla
circolazione dei treni ed alla sicurezza dell’esercizio ferroviario
sulla rete nazionale R.F.I. e per il personale navigante sulle navi
del gestore dell’infrastruttura ferroviaria con esclusione del
personale di camera e mensa, oltre al servizio per le
tossicodipendenze dell’Azienda sanitaria locale di cui al comma 1, la
struttura sanitaria competente e’ individuata nella direzione sanita’
di R.F.I. (gia’ Servizio sanitario dalle Ferrovie dello Stato).

Art. 3.
Accertamenti sanitari per accertare assenza
di assunzione di sostanze stupefacenti
1. Gli accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o di
assunzione sporadica di sostanze stupefa…

[Continua nel file zip allegato]

CONFERENZA UNIFICATA – PROVVEDIMENTO 30 Ottobre 2007

Periti.info