DECRETO 28 gennaio 2013 | Periti.info

DECRETO 28 gennaio 2013

DECRETO 28 gennaio 2013 - Aggiornamento della rete nazionale dei gasdotti. (13A01385) (GU n.42 del 19-2-2013)

DECRETO 28 gennaio 2013
Aggiornamento della rete nazionale dei gasdotti. (13A01385)
(GU n.42 del 19-2-2013)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, ed in
particolare l’art. 9, che stabilisce che il Ministero dell’industria,
del commercio e dell’artigianato, ora Ministero dello sviluppo
economico, individua, sentita la conferenza Unificata e l’Autorita’
per l’energia elettrica e il gas, l’ambito della Rete nazionale dei
gasdotti;
Vista la legge 23 agosto 2004, n. 239, e in particolare l’art. 1,
comma 7, lettera h), che stabilisce che la funzione di programmazione
di grandi reti infrastrutturali energetiche dichiarate di interesse
nazionale ai sensi delle leggi vigenti e’ effettuata dallo Stato,
avvalendosi dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas;
Visto l’art. 52-quinques del decreto del Presidente della
Repubblica 8 giugno 2001, n. 327, come introdotto dal decreto
legislativo 27 dicembre 2004, n. 330;
Visto il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato 22 dicembre 2000, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n.18 del 23 gennaio 2001, con il
quale e’ stata individuata la Rete nazionale dei gasdotti su conforme
parere dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas, espresso con
deliberazione 12 ottobre 2000, n.186/00 e della Conferenza unificata,
espresso nella riunione del 21 dicembre 2000;
Visto l’art. 3 del decreto ministeriale 22 dicembre 2000 sopra
citato, che dispone che il Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato provvede, su richiesta di una impresa di trasporto
del gas, all’inclusione nella Rete nazionale dei gasdotti di nuovi
gasdotti rispondenti ai requisiti di legge, sentite l’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas, le regioni e le province autonome
interessate, e provvede, in funzione delle modifiche intervenute,
all’aggiornamento degli allegati al predetto decreto, dandone
comunicazione all’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas, alle
Regioni interessate ed ai soggetti che svolgono attivita’ di
trasporto e dispacciamento sulla rete nazionale di trasporto;
Visti i successivi decreti in data 30 giugno 2004, 4 agosto 2005,
13 marzo 2006, 1° agosto 2008, 21 ottobre 2010 , con i quali sono
stati inclusi nella Rete nazionale dei gasdotti nuovi metanodotti ed
aggiornati gli allegati al predetto decreto ministeriale;
Visto in particolare il decreto del Ministro dello sviluppo
economico 21 ottobre 2010 che all’art. 2 stabilisce che, a partire
dal 1° gennaio 2011, i soggetti gestori di tratti della Rete
nazionale dei gasdotti devono presentare al Ministero, entro il 31
luglio di ogni anno, istanza di aggiornamento delle infrastrutture
aventi stato di consistenza riferito alla data del 30 giugno dello
stesso anno e che lo stesso Ministero procede, entro il 30 novembre,
alla emanazione di un decreto relativo all’aggiornamento della Rete
nazionale dei gasdotti sentite l’Autorita’ per l’energia elettrica e
il gas e le Regioni interessate intendendo acquisito il parere per
comunicazione scritta o per intervenuto silenzio-assenso;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 19
dicembre 2011, relativo all’ultimo aggiornamento della Rete nazionale
dei gasdotti;
Vista l’istanza in data 19 aprile 2012 della societa’ «SNAM rete
gas S.p.a.» per l’inserimento nella Rete nazionale dei gasdotti dei
seguenti metanodotti :
1. Terranuova Bracciolini – Montelupo Fiorentino (Toscana);
2. Montelupo Fiorentino – Palaia (Toscana);
3. Palaia – Collesalvetti (Toscana);
4. Collesalvetti – Suese (ex nuova derivazione per Livorno)
(Toscana), al fine di permettere il collegamento del metanodotto
denominato «Allacciamento terminale GNL OLT al largo della costa
toscana – Suese»;
5. Allacciamento «Ital Gas Storage» di Cornegliano Laudense
(Lombardia), al fine di permettere il collegamento del nuovo punto di
entrata/uscita interconnesso con il campo di stoccaggio di
Cornegliano Laudense in concessione a «Ital Gas Storage»;
Vista l’istanza in data 24 luglio 2012 della societa’ «Gasdotti
Italia S.p.a.» per l’inserimento nella Rete nazionale dei gasdotti
del seguente metanodotto:
1. Nuova dorsale DN 24 Chieti – Larino (Abruzzo, Molise);
Vista l’istanza della societa’ «Burns S.r.l.» in data 26 giugno
2012, relativa all’inserimento nella rete nazionale dei gasdotti dei
tratti di gasdotto on shore e off shore in territorio italiano,
dell’interconnector Eagle LNG in progetto fra l’Albania e l’Italia;
Considerato inoltre il parere favorevole dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas richiesto il 25 settembre 2012 e delle
regioni interessate richiesto nella medesima data e acquisito per
comunicazione scritta o intervenuto per silenzio-assenso, essendo
trascorsi i termini previsti per la formulazione del parere richiesto
senza che sia pervenuta alcuna manifestazione di dissenso,
relativamente ai metanodotti succitati;
Ritenuto che per le loro caratteristiche tecnico-funzionali i
suddetti gasdotti sono riconducibili a quelli previsti dall’art. 2,
comma 1, del decreto ministeriale 22 dicembre 2000;
Ritenuto che tra i gasdotti previsti dall’art. 2, comma 1, lettera
f) del decreto ministeriale 22 dicembre 2000 sono altresi’ da
comprendersi quelli in progetto;

Decreta:

Art. 1

Aggiornamento della Rete nazionale dei gasdotti

1. All’elenco dei gasdotti facenti parte della Rete nazionale dei
gasdotti di cui all’allegato 1 al decreto del Ministro dello sviluppo
economico 19 dicembre 2011, sono aggiunti i seguenti tratti di
gasdotti:
Terranuova Bracciolini – Montelupo Fiorentino;
Montelupo Fiorentino – Palaia;
Palaia – Collesalvetti;
Collesalvetti – Suese;
Allacciamento «Ital Gas Storage» di Cornegliano Laudense;
Nuova dorsale DN 24 Chieti – Larino.
2. All’elenco degli interconnectors di cui all’allegato 3 e’
aggiunto l’interconnector Eagle LNG.
3. Negli allegati 1, 2, 3 e 4 del presente decreto sono riportati,
con la specifica definizione di cui al successivo comma 4, gli
elenchi aggiornati al 1° gennaio 2013, ed in particolare:
allegato 1: metanodotti facenti parte della Rete nazionale dei
gasdotti, inclusi i nuovi tratti di cui al precedente comma 1;
allegato 2: gasdotti di importazione da Stati non appartenenti
all’Unione europea ubicati nel mare territoriale e gasdotti di
coltivazione utilizzati per l’importazione di gas naturale;
allegato 3: interconnector, incluso l’interconnector Eagle LNG di
cui al comma 2;
allegato 4: metanodotti di collegamento a terminali di
rigassificazione GNL.
4. La definizione di Rete nazionale di gasdotti di cui all’art. 2
del decreto ministeriale 22 dicembre 2000, e’ cosi’ intesa:
a) gasdotti ricadenti in mare; tali reti o parti di reti sono
individuati con la lettera «a» nell’allegato 1;
b) gasdotti idi importazione ed esportazione non compresi
nell’elenco dei gasdotti di cui al punto a), e relative linee
collegate necessarie al loro funzionamento; tali reti o parti di reti
sono individuate con la lettera «b» nell’allegato 1;
c) gasdotti collegati agli stoccaggi; tali reti o parti di reti
sono individuati con la lettera «c» nell’allegato 1;
d) gasdotti interregionali funzionali al sistema nazionale del gas
non compresi nell’elenco di cui ai precedenti punti; tali reti o
parti di reti sono individuate con la lettera «d» nell’allegato 1;
e) gasdotti funzionali direttamente o indirettamente al sistema
nazionale del gas; tali reti o parti di reti sono individuate con la
lettera «e» nell’allegato 1;
f) reti o parti di reti di cui ai punti a), b), c), d) ed e) che
risultano attualmente in progetto, o per le quali sono state ottenute
le necessarie autorizzazioni o in costruzione; tali reti o parti di
reti sono individuate con la lettera «f» nell’allegato 1.
5. I gasdotti relativi all’allacciamento del terminale di
rigassificazione di Brindisi, sono trasferiti dall’allegato 1
all’allegato 4, in coerenza con gli altri metanodotti di
allacciamento a terminali di rigassificazione.
Art. 2

Trasmissione istanze aggiornamento Rete nazionale dei gasdotti

1. Ad integrazione di quanto stabilito all’art. 2 del decreto del
Ministero dello sviluppo economico del 21 ottobre 2010, i soggetti
gestori di tratti della Rete nazionale dei gasdotti devono presentare
al Ministero, entro il 31 luglio di ogni anno, a partire dal 2013,
oltre alla istanza di aggiornamento delle infrastrutture aventi stato
di consistenza riferito alla data del 30 giugno dello stesso anno,
anche quella relativa ai progetti di nuovi gasdotti in corso a tale
data. In particolare all’istanza va allegato un elenco dei nuovi
gasdotti in esercizio al 30 giugno dell’anno in corso, un elenco dei
gasdotti in progetto a tale data, un elenco di tutti i gasdotti in
esercizio alla stessa data. Inoltre, a partire dal 2013, le istanze
ed i relativi documenti allegati devono essere inviati solo per via
informatica in formato Word, e le tabelle in formato Excel,
all’indirizzo: area.gas@mise.gov.it.
2. Per i futuri aggiornamenti, fermo restando il procedimento di
acquisizione dei pareri dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il
gas e delle regioni interessate con la procedura di cui al richiamato
art. 2 del decreto ministeriale 21 ottobre 2010, la Direzione
generale per la sicurezza dell’approvvigionamento e le infrastrutture
energetiche provvede, con cadenza almeno annuale, alla pubblicazione
dell’elenco aggiornato sul sito internet del Ministero dello sviluppo
economico.
Art. 3

Pubblicazione

1. Il presente decreto, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana, nel Bollettino ufficiale degli idrocarburi e
della geotermia e nel sito Internet del Ministero dello sviluppo
economico, entra in vigore dal giorno successivo alla data della
pubblicazione.
Roma, 28 gennaio 2013

Il Ministro: Passera
Allegato 1

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 2

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 3

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 4

Parte di provvedimento in formato grafico

DECRETO 28 gennaio 2013

Periti.info