DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 Ottobre 2007 | Periti.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 Ottobre 2007

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 Ottobre 2007 - Proroga dello stato di emergenza in relazione ad eventi calamitosi dovuti alla diffusione di incendi e fenomeni di combustione nei territori delle regioni dell'Italia centro-meridionale. (GU n. 253 del 30-10-2007 )

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 Ottobre 2007

Proroga dello stato di emergenza in relazione ad eventi calamitosi
dovuti alla diffusione di incendi e fenomeni di combustione nei
territori delle regioni dell’Italia centro-meridionale.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Vista la legge 21 novembre 2000, n. 353;
Vista il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
27 luglio 2007 recante “Dichiarazione dello stato di emergenza in
relazione ad eventi calamitosi dovuti alla diffusione di incendi e
fenomeni di combustione nei territori delle regioni dell’Italia
centro-meridionale”;
Considerato che la dichiarazione dello stato di emergenza e’ stata
adottata per fronteggiare situazioni che per intensita’ ed estensione
richiedono l’utilizzo di mezzi e poteri straordinari;
Considerato che occorre favorire il completamento delle attivita’ e
degli adempimenti previsti dall’ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3606 del 28 agosto 2007, recante
“Disposizioni urgenti di protezione civile dirette a fronteggiare lo
stato di emergenza in atto nei territori delle regioni Lazio,
Campania, Puglia, Calabria e nella regione Siciliana in relazione ad
eventi calamitosi dovuti alla diffusione di incendi e fenomeni di
combustione”;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3624
del 22 ottobre 2007, recante “Disposizioni urgenti di protezione
civile dirette a fronteggiare lo stato di emergenza in atto nei
territori delle regioni Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Marche,
Molise, Sardegna ed Umbria in relazione ad eventi calamitosi dovuti
alla diffusione di incendi e fenomeni di combustione”;
Considerata, in particolare, la necessita’ di portare a termine la
procedura volta all’accatastamento dei soprassuoli gia’ percorsi dal
fuoco, nonche’ di consentire la predisposizione dei piani comunali di
emergenza;
Considerato che si dovra’ dare piena attuazione agli interventi di
carattere straordinario ed urgente anche con riferimento agli altri
territori delle regioni dell’Italia centro meridionale interessati
dalla situazione di criticita’ in rassegna ricomprese nell’ambito di
applicazione della suddetta ordinanza n. 3624 del 2007;
Ravvisata, pertanto, la necessita’ di portare a compimento il piano
degli interventi straordinari predisposti dal Commissario delegato
ovvero, per il suo tramite, dai soggetti attuatori, al fine di
giungere al completo superamento della situazione di criticita’;
Ritenuto, quindi, che ricorrono nel caso di specie i presupposti di
cui all’art. 5, comma 1, della legge 24 febbraio 1992, n. 225, per la
concessione di un’ulteriore proroga dello stato di emergenza;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 23 ottobre 2007;

Decreta:

Ai sensi e per gli effetti dell’art. 5, comma 1, della legge
24 febbraio 1992, n. 225, in considerazione di quanto in premessa, e’
prorogato, fino al 31 marzo 2008, lo stato di emergenza in relazione
ad eventi calamitosi dovuti alla diffusione di incendi e fenomeni di
combustione nei territori delle regioni dell’Italia
centro-meridionale.
Il presente decreto verra’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 23 ottobre 2007

Il Presidente: Prodi

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 Ottobre 2007

Periti.info