DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 Luglio 2007, n. 156 - Regolamento concernente: "Emanazione dello statuto dell'Agenzia nazionale per i giovani". (GU n. 218 del 19-9-2007 | Periti.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 Luglio 2007, n. 156 – Regolamento concernente: “Emanazione dello statuto dell’Agenzia nazionale per i giovani”. (GU n. 218 del 19-9-2007

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 Luglio 2007, n. 156 - Regolamento concernente: "Emanazione dello statuto dell'Agenzia nazionale per i giovani". (GU n. 218 del 19-9-2007 )

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 Luglio 2007 , n. 156

Regolamento concernente: “Emanazione dello statuto dell’Agenzia
nazionale per i giovani”.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l’articolo 87 della Costituzione;
Visto l’articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e
successive modificazioni;
Visto l’articolo 1, commi 6 e 19, lettera d), del decreto-legge
18 maggio 2006, n. 181, convertito, con modificazioni, dalla legge
17 luglio 2006, n. 233;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
15 giugno 2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 149 del
29 giugno 2006, con il quale le funzioni di indirizzo e coordinamento
di tutte le iniziative, anche normative, nelle materie concernenti le
politiche giovanili e le attivita’ sportive sono state delegate al
Ministro per le politiche giovanili e le attivita’ sportive;
Vista la decisione n. 1719/2006/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 15 novembre 2006, che istituisce il programma
“Gioventu’ in azione” per il periodo 2007-2013;
Visto il decreto-legge 27 dicembre 2006, n. 297, convertito, con
modificazioni, dalla legge 23 febbraio 2007, n. 15, che
all’articolo 5 costituisce, ai sensi dell’articolo 8 del decreto
legislativo 30 luglio 1999, n. 300, l’Agenzia nazionale per i
giovani;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 16 marzo 2007;
Visto il parere del Consiglio di Stato n. 1441/2007, espresso dalla
sezione consultiva per gli atti normativi nelle adunanze del
16 aprile e del 18 giugno 2007;
Vista la deliberazione definitiva del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 28 giugno 2007;
Sulla proposta del Ministro per le politiche giovanili e le
attivita’ sportive e del Ministro della solidarieta’ sociale, di
concerto con i Ministri per le politiche europee, dell’economia e
delle finanze, della pubblica istruzione, dell’universita’ e della
ricerca e per le riforme e le innovazioni nella pubblica
amministrazione;

E m a n a
il seguente regolamento:

Art. 1.
Emanazione dello statuto dell’Agenzia nazionale per i giovani

1. E’ emanato lo statuto dell’Agenzia nazionale per i giovani,
allegato al presente regolamento, che ne costituisce parte
integrante.
2. Dall’attuazione del presente provvedimento non devono derivare
nuovi e maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Dato Roma, addi’ 27 luglio 2007

NAPOLITANO

Prodi, Presidente del Consiglio dei
Ministri
Melandri, Ministro per le politiche
giovanili e le attivita’ sportive
Ferrero, Ministro della solidarieta’
sociale
Bonino, Ministro per le politiche
europee
Padoa Schioppa, Ministro dell’economia
e delle finanze
Fioroni, Ministro della pubblica
istruzione
Mussi, Ministro dell’universita’ e
della ricerca
Nicolais, Ministro per le riforme e le
innovazioni nella pubblica
amministrazione

Visto, il Guardasigilli: Mastella

Registrato alla Corte dei conti l’11 settembre 2007
Ministeri istituzionali, registro n. 9, foglio n. 354

Avvertenza:

Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, comma 3, del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
alle quali e’ operato il rinvio. Restano invariati il
valore e l’efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Per le direttive CEE vengono forniti gli estremi di
pubblicazione nella Gazzetta ufficiale delle Comunita’
europee (GUCE).
Note alle premesse:

– L’art. 87 della Costituzione conferisce, tra l’altro
al Presidente della Repubblica il potere di promulgare le
leggi e di emanare i decreti aventi valore di legge e i
regolamenti.
– Il testo dell’art. 17, comma 2, della legge 23 agosto
1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di Governo ed
ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri),
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 12 settembre 1988, n.
214, supplemento ordinario, e’ il seguente:
� 2. Con decreto del Presidente della Repubblica,
previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, sentito il
Consiglio di Stato, sono emanati i regolamenti per la
disciplina delle materie, non coperte da riserva assoluta
di legge prevista dalla Costituzione, per le quali le leggi
della Repubblica, autorizzando l’esercizio della potesta’
regolamentare del Governo, determinano le norme generali
regolatrici della materia e dispongono l’abrogazione delle
norme vigenti, con effetto dall’entrata in vigore delle
norme regolamentari.�.
– Il testo dei commi 6 e 19, lettera d), dell’art. 1
del decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181 (Disposizioni
urgenti in materia di riordino delle attribuzioni della
Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri),
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 18 maggio 2006, n.
114, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233
(Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge
18 maggio 2006, n. 181, recante disposizioni urgenti in
materia di riordino delle attribuzioni della Presidenza del
Consiglio dei Ministri e dei Ministeri. Delega al Governo
per il coordinamento delle disposizioni in materia di
funzioni ed organizzazione della Presidenza del Consiglio
dei Ministri e dei Ministeri), pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale del 17 luglio 2006, n. 164, e’ il seguente:
�6. E’ istituito il Ministero della solidarieta’
sociale. A detto Ministero sono trasferiti, con le inerenti
risorse finanziarie, strumentali e di personale: le
funzioni attribuite al Ministero del lavoro e delle
politiche sociali dall’art. 46, comma 1, lettera c), del
decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, in materia di
politiche sociali e di assistenza, fatto salvo quanto
disposto dal comma 19 del presente articolo; i compiti di
vigilanza dei flussi di entrata dei lavoratori esteri non
comunitari, di cui alla lettera d) del comma 1 dell’art. 46
del citato decreto legislativo n. 300 del 1999, e neo
comunitari, nonche’ i compiti di coordinamento delle
politiche per l’integrazione degli stranieri immigrati.
Restano ferme le attribuzioni del Ministero del lavoro e
della previdenza sociale in materia di politiche
previdenziali. Con il decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri di cui al comma 10 del presente articolo, sono
individuate le forme di esercizio coordinato delle funzioni
aventi natura assistenziale o previdenziale, nonche’ delle
funzioni di indirizzo e vigilanza sugli enti di settore;
possono essere, altresi’, individuate forme di avvalimento
per l’esercizio delle rispettive funzioni. Sono altresi’
trasferiti al Ministero della solidarieta’ sociale, con le
inerenti risorse finanziarie e con l’Osservatorio per il
disagio giovanile legato alle tossicodipendenze di cui al
comma 556 dell’art. 1 della legge 23 dicembre 2005, n. 266,
i compiti in materia di politiche antidroga attribuiti alla
Presidenza del Consiglio dei Ministri. L’art. 6-bis del
decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, e’ abrogato. Il
personale in servizio presso il soppresso dipartimento
nazionale per le politiche antidroga e’ assegnato alle
altre strutture della Presidenza del Consiglio dei
Ministri, fatto comunque salvo quanto previsto dall’art.
12, comma 1, lettera c), della legge 15 marzo 1997, n. 59,
e successive modificazioni. Sono, infine, trasferite al
Ministero della solidarieta’ sociale le funzioni in materia
di Servizio civile nazionale di cui alla legge 8 l…

[Continua nel file zip allegato]

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 Luglio 2007, n. 156 – Regolamento concernente: “Emanazione dello statuto dell’Agenzia nazionale per i giovani”. (GU n. 218 del 19-9-2007

Periti.info