Emilia-Romagna Delib.G.R. 10 aprile 2017, n. 486 (prevenzione, corruzione, obblighi) | Periti.info

Emilia-Romagna Delib.G.R. 10 aprile 2017, n. 486 (prevenzione, corruzione, obblighi)

Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019 (B.U. 27 aprile 2017, n. 121)

(Omissis)
Delibera
1) di approvare, per le motivazioni espresse in premessa, la “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”, allegato A quale parte integrante e sostanziale del presente atto;
2) di dare atto che l’allegato A dà applicazione agli adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 33 del 2013, come modificato dal D.Lgs. n. 97 del 2016, in coerenza con le previsioni contenute nel Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017 – 2019;
3) di disporre che tutte le strutture regionali, della Giunta regionale e dell’Assemblea legislativa, provvedano secondo le linee interpretative dettate all’allegato A del presente atto;
4) di precisare che la direttiva allegata si applica agli stessi soggetti tenuti all’applicazione del Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2017 – 2019, di seguito riportati:
– Regione Emilia-Romagna (strutture della Giunta regionale);
– Agenzia Regionale per le erogazioni in agricoltura (AGREA), di cui alla L.R. 23 luglio 2001, n. 21;
– Agenzia di Sviluppo dei Mercati Telematici (INTERCENTER) di cui all’art. 19 L.R. 24 maggio 2004, n. 11;
– Agenzia Regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione Civile (l.r. 7 febbraio 2005, n. 1 e ss.mm.);
– Istituto dei Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna (l.r. 10 aprile 1995, n. 29);
5) di precisare inoltre che, per quanto compatibile con i rispettivi ordinamenti, la direttiva allegata:
– è rivolta agli enti regionali di cui all’art. 1, comma 3-bis, lett. d), L.R. n. 43 del 2001, e agli altri enti pubblici nei cui confronti la Regione svolge compiti di vigilanza e controllo anche in materia di trasparenza e prevenzione della corruzione;
– è rivolta anche, ai sensi di quanto previsto dall’art. 2-bis, comma 2, lettere a), b) e c), del D.Lgs. n. 33 del 2013:
– agli enti pubblici economici, vigilati o controllati dalla Regione Emilia-Romagna;
– alle società in controllo regionale;
– ad associazioni, fondazioni e enti di diritto privato comunque denominati, anche privi di personalità giuridica, controllate o vigilate dalla Regione Emilia-Romagna, e che abbiano un bilancio superiore a cinquecentomila euro, la cui attività sia finanziata in modo maggioritario, per almeno due esercizi finanziari consecutivi nell’ultimo triennio da pubbliche amministrazioni e in cui la totalità dei titolari o dei componenti dell’organo d’amministrazione o di indirizzo sia designata da pubbliche amministrazioni;
6) di stabilire che eventuali indicazioni e chiarimenti si rendessero necessari ai fini della corretta applicazione del Piano triennale per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza 2017 – 2019, nonché eventuali aggiornamenti degli indirizzi interpretativi contenuti nella direttiva allegata, potranno essere oggetto di appositi atti del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza;
7) di disporre che la presente deliberazione sostituisce la disciplina contenuta nell’allegato F della Delib.G.R. n. 66 del 2016;
8) di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito “Amministrazione trasparente”.
(Omissis)
(Scaricare l’allegato)

Documento allegato

A questa pagina é allegato un file.

Scarica l file allegato
Emilia-Romagna Delib.G.R. 10 aprile 2017, n. 486 (prevenzione, corruzione, obblighi)

Periti.info