MINISTERO DELLA SALUTE | Periti.info

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 27 dicembre 2002: Rettifica al decreto 3 aprile 2001, relativo alla iscrizione della sostanza attiva "bentazone" nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194. (GU n. 73 del 28-3-2003)

MINISTERO DELLA SALUTE

DECRETO 27 dicembre 2002

Rettifica al decreto 3 aprile 2001, relativo alla iscrizione della
sostanza attiva “bentazone” nell’allegato I del decreto legislativo
17 marzo 1995, n. 194.

IL MINISTRO DELLA SALUTE
Visto l’art. 6 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194,
relativo all’attuazione della direttiva 91/414/CEE in materia di
immissione in commercio di prodotti fitosanitari;
Vista la direttiva della Commissione 2000/68/CE del 23 ottobre
2000, concernente l’iscrizione della sostanza attiva “bentazone”
nell’allegato I della direttiva 91/414/CEE;
Visto il decreto ministeriale 3 aprile 2001, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 161 – serie generale – del 13 luglio 2001, di
recepimento della direttiva della Commissione 2000/68/CE del 23
ottobre 2000, con il quale la sostanza attiva “bentazone” e’ stata
iscritta fino al 31 luglio 2011, nell’allegato I del decreto
legislativo 17 marzo 1995, n. 194;
Considerato che l’art. 4 del citato decreto ministeriale 3 aprile
2001 concede erroneamente alle aziende titolari di autorizzazioni di
prodotti fitosanitari contenenti “Bentazone” in miscela con altre
sostanze attive in corso di inclusione nell’allegato I del decreto
legislativo 17 marzo 1995, n. 194, un periodo di quattro anni per la
presentazione al Ministero della salute di un fascicolo conforme ai
requisiti dell’allegato III del decreto legislativo 17 marzo 1995, n.
194, con decorrenza dalla data dell’ultimo inserimento in allegato I
delle sostanze attive che compongono il prodotto fitosanitario;
Considerato che il periodo di quattro anni concesso alle aziende
viene in tal modo a coincidere con i quattro anni di cui gli Stati
membri dispongono per la valutazione della documentazione presentata
dalle aziende e per i necessari provvedimenti aniministrativi;
Ritenuto pertanto che il periodo di quattro anni concesso alle
aziende deve essere ridotto a tre anni per consentire al Ministero
della salute di poter disporre almeno di un periodo di dodici mesi
per effettuare le necessarie valutazioni e adottare i provvedimenti
amministrativi conseguenti;
Considerato, inoltre, che la data del 31 gennaio 2002 costituisce
il termine concesso agli Stati membri per mettere in atto le
necessarie procedure amministrative per la revoca dei prodotti
fitosanitari non conformi al decreto ministeriale 3 aprile 2001;
Considerato che all’art. 6 del suddetto decreto la stessa data del
31 gennaio 2002 e’ stata erroneamente indicata come termine ultimo
per la commercializzazione dei prodotti fitosanitari non rispondenti
alle caratteristiche tecniche prescritte;
Considerato che deve essere concesso un adeguato periodo di tempo
per la commercializzazione delle scorte dei prodotti fitosanitari non
conformi;
Considerato che e’ concesso un periodo di dodici mesi per la
commercializzazione delle scorte medesime e che, pertanto, occorre
modificare la data del 31 gennaio 2002, riportata all’art. 6, con
quella del 31 gennaio 2003;
Decreta:
Al decreto ministeriale in data 3 aprile 2001, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 161 – Serie generale – del 13 luglio 2001, che
recepisce la direttiva della Commissione 2000/68/CE del 23 ottobre
2000 e con il quale la sostanza attiva “bentazone” e’ stata iscritta
nell’allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, sono
apportate le seguenti rettifiche:
1. l’art. 4 e’ sostituito dal seguente: Fatto salvo quanto
previsto dall’art. 2, comma 2, i titolari di autorizzazioni di
prodotti fitosanitari, contenenti “bentazone” in associazione con
altre sostanze attive in corso di inclusione nell’allegato I del
decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, presentano al Ministero
della salute, per ogni prodotto fitosanitario, un fascicolo conforme
ai requisiti di cui all’allegato III del citato decreto, entro tre
anni che decorrono dalla data dell’ultimo inserimento in allegato I
delle sostanze attive che compongono il prodotto fitosanitario. Tali
autorizzazioni saranno modificate o revocate entro i dodici mesi
successivi, a conclusione dell’esame effettuato in applicazione dei
principi uniformi di cui all’allegato VI del citato decreto
legislativo.
2. La data del “31 gennaio 2002”, riportata all’art. 6, e’
sostituita con quella del “31 gennaio 2003”.
Il presente decreto sara pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana, entrera’ in vigore il giorno stesso della sua
pubblicazione.
Roma, 27 dicembre 2002
Il Ministro: Sirchia
Registrato alla Corte dei conti il 22 febbraio 2003
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 1, foglio n. 134

MINISTERO DELLA SALUTE

Periti.info