MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI | Periti.info

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 20 febbraio 2003: Normativa tecnica ed amministrativa relativa agli autoveicoli per uso speciale destinati ad uso esclusivo dei corpi o servizi di polizia locale. (GU n. 65 del 19-3-2003)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 20 febbraio 2003

Normativa tecnica ed amministrativa relativa agli autoveicoli per uso
speciale destinati ad uso esclusivo dei corpi o servizi di polizia
locale.

IL CAPO
del Dipartimento per i trasporti terrestri
e per i sistemi informativi e statistici

Visto il nuovo codice della strada approvato con decreto
legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modifiche;
Visto il regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice
della strada, approvato con decreto del Presidente della Repubblica
16 dicembre 1992 e successive modifiche;
Visto l’art. 54, comma 1, lettera g) del nuovo codice della strada
che definisce la categoria degli autoveicoli ad uso speciale;
Visto l’art. 203, comma 2, lettera ii) del regolamento di
esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada che
attribuisce al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti la
facolta’ di riconoscere nuove tipologie di autoveicoli dotati di
attrezzature idonee per l’uso speciale;
Considerata l’esigenza di disciplinare l’ammissione alla
circolazione degli autoveicoli per uso speciale, destinati ad uso
esclusivo dei corpi o servizi di polizia locale;
Decreta:
Art. 1.
Classificazione degli autoveicoli per uso speciale, destinati ad uso
esclusivo dei corpi o servizi di polizia locale
Gli autoveicoli per uso speciale, destinati ad uso esclusivo dei
corpi o servizi di polizia locale, rientrano nella categoria degli
autoveicoli definita all’art. 54, comma 1, lettera g) del nuovo
codice della strada, quali “autoveicoli per uso speciale della
polizia locale” e sono caratterizzati dalla presenza di attrezzature
e apparecchiature permanentemente installate all’interno del veicolo
e finalizzate allo svolgimento dei compiti d’istituto dei corpi o
servizi di polizia locale.

Art. 2.
Rispondenza a norme generali
Gli autoveicoli per uso speciale della polizia locale, in relazione
alla loro morfologia e massa, debbono risultare conformi alle norme
applicabili, alla data di presentazione delle richieste di
omologazione del tipo o di accertamento dei requisiti di idoneita’
alla circolazione, ai veicoli delle categorie internazionali M od N,
di cui all’art. 47 del nuovo codice della strada.

Art. 3.
Caratteristiche costruttive o di allestimento specifiche
Gli autoveicoli ad uso speciale della polizia locale, all’atto
della richiesta di omologazione del tipo o dell’accertamento dei
requisiti di idoneita’ alla circolazione, debbono essere dotati di:
attrezzature e/o apparecchiature e/o allestimenti di vario
genere, permanentemente installati all’interno del veicolo e
finalizzati allo svolgimento dei compiti di istituto dei corpi o
servizi di polizia locale;
impianto elettrico, asservito alle apparecchiature, realizzato
con adeguate protezioni, certificato dall’allestitore ai sensi del
decreto legislativo n. 626/1994;
materiali di rivestimento ignifughi o autoestinguenti,
certificati da apposita dichiarazione rilasciata dall’allestitore;
idoneo estintore.
Gli stessi autoveicoli, a richiesta del corpo o servizio di polizia
locale, possono essere equipaggiati con:
dispositivo acustico supplementare di allarme e dispositivo
supplementare di segnalazione a luce lampeggiante blu, previsti
dall’art. 177 del nuovo codice della strada;
scritte, simboli, indicazioni o segni distintivi sulla
carrozzeria per l’individuazione del corpo o servizio di polizia
locale, in conformita’ a quanto previsto da specifiche
regolamentazioni regionali;
grigliature amovibili esterne di protezione dei finestrini
laterali e posteriore, che garantiscano, comunque, il rispetto del
campo di visibilita’ posteriore del conducente.

Art. 4.
Prescrizioni per l’immatricolazione
Gli autoveicoli per uso speciale della polizia locale sono
immatricolati esclusivamente a nome dell’ente di appartenenza del
corpo o servizio di polizia locale al quale sono in dotazione.
Gli stessi autoveicoli, qualora dismessi dal servizio, possono
essere reimmatricolati subordinatamente:
al ripristino della loro conformita’ al tipo di veicolo dal quale
derivano, se sono stati realizzati per allestimento di veicoli
omologati;
ovvero, alla rispondenza alle pertinenti norme di omologazione
applicabili ai veicoli delle categorie M od N, in vigore alla data di
prima immatricolazione degli stessi veicoli.
Roma, 20 febbraio 2003
Il capo del Dipartimento: Fumero

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Periti.info