MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 10 agosto 2011 | Periti.info

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 10 agosto 2011

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 10 agosto 2011 - Disposizioni per l'integrazione del sostegno al settore dei foraggi essiccati nel regime di pagamento unico. (11A13676) - (GU n. 245 del 20-10-2011 )

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 10 agosto 2011

Disposizioni per l’integrazione del sostegno al settore dei foraggi
essiccati nel regime di pagamento unico. (11A13676)

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI

Visto il regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio, del 19 gennaio
2009, che stabilisce norme comuni relative ai regimi di sostegno
diretto agli agricoltori nell’ambito della politica agricola comune
ed istituisce taluni regimi di sostegno a favore degli agricoltori,
che modifica i regolamenti (CE) n. 1290/2005, (CE) n. 247/2006, (CE)
n. 378/2007 e abroga il regolamento (CE) n. 1782/2003;
Visto il regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del 22
ottobre 2007, recante organizzazione comune dei mercati agricoli e
disposizioni specifiche per taluni prodotti agricoli (regolamento
unico OCM) e successive modifiche e integrazioni;
Visto il regolamento (CE) n. 382/2005 della Commissione, del 7
marzo 2005, recante modalita’ di applicazione del regolamento (CE) n.
1786/2003 del Consiglio relativo all’organizzazione comune dei
mercati nel settore dei foraggi essiccati, abrogato e sostituito dal
regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio e successive modifiche e
integrazioni;
Visto il regolamento (CE) n. 1120/2009 della Commissione, del 29
ottobre 2009, recante modalita’ di applicazione del regime di
pagamento unico di cui al regolamento (CE) n. 73/2009;
Visto il regolamento (CE) n. 1122/2009 della Commissione, del 30
novembre 2009, recante modalita’ di applicazione della
condizionalita’, della modulazione e del sistema integrato di
gestione e controllo di cui al regolamento (CE) n. 73/2009;
Visto il decreto ministeriale 5 agosto 2004, concernente
disposizioni per l’attuazione della riforma della politica agricola
comune, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
n. 191 del 16 agosto 2004 e successive modifiche e integrazioni;
Visto il decreto ministeriale 15 marzo 2005, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 95 del 2005,
concernente disposizioni nazionali di attuazione dei regolamenti (CE)
n. 1786/2003 del Consiglio, del 23 settembre 2003 e n. 382/2005 della
Commissione, del 7 marzo 2005, concernenti il regime di sostegno
nell’ambito dell’organizzazione comune dei mercati nel settore dei
foraggi essiccati;
Considerato che con il regolamento (CE) n. 73/2009 sono state
riviste le disposizioni riguardanti i regimi di sostegno diretto agli
agricoltori nell’ambito della politica agricola comune, in
particolare, le norme di concessione dell’aiuto specifico alla
disidratazione dei foraggi a partire dal 2012;
Considerato che occorre stabilire le modalita’ per l’integrazione
nel regime di pagamento unico degli importi erogati a titolo del
suddetto regime di aiuto specifico, in particolare per quanto
concerne il calcolo del valore dei titoli all’aiuto per ciascun
agricoltore;
Considerato che, ai fini dell’attribuzione dei titoli all’aiuto
spettanti agli agricoltori, per evitare disparita’ di trattamento tra
gli stessi, e’ opportuno scegliere un periodo rappresentativo che
comprenda l’intero arco temporale previsto dall’art. 64 del
regolamento (CE) n.73/2009;
Considerato che, ai sensi dell’art. 64 del regolamento (CE) n.
73/2009, occorre fissare criteri oggettivi e non discriminatori per
l’assegnazione degli importi di riferimento;
Considerato che ad oggi il sostegno e’ stato erogato ai
trasformatori e che tali importi saranno dal 2012 erogati
direttamente agli agricoltori;
Ritenuto opportuno fissare i predetti criteri, nell’ambito del
massimale disponibile, sulla base degli importi percepiti
indirettamente dagli agricoltori;
Ritenuto opportuno affidare all’AGEA l’attuazione delle
disposizioni del presente decreto;
Visto l’art. 4, comma 3, della legge 29 dicembre 1990, n. 428,
concernente disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti
dall’appartenenza dell’Italia alle Comunita’ europee (legge
comunitaria per il 1990) cosi’ come modificato dall’art. 2, comma 1,
del decreto-legge 24 giugno 2004, n. 157, convertito con
modificazioni dalla legge 3 agosto 2004, n. 204, con il quale si
dispone che il Ministro delle politiche agricole e forestali,
nell’ambito di sua competenza, provvede con decreto all’applicazione
nel territorio nazionale dei regolamenti emanati dalla Comunita’
europea;
Acquisita l’intesa della Conferenza permanente per i rapporti tra
lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano
nella seduta del 27 luglio 2011;

Decreta:

Art. 1

Campo di applicazione

1. Il presente decreto fissa disposizioni per l’integrazione
dell’aiuto alla disidratazione dei foraggi, di cui al capo IV,
sezione I, sottosezione I del regolamento (CE) n. 1234/2007, nel
regime di pagamento unico.

Art. 2

Ammissibilita’ e periodo rappresentativo

1. Gli importi relativi all’aiuto di cui all’art. 1 sono
attribuiti, a valere dal 1° gennaio 2012, agli agricoltori che
rispondevano alle condizioni di ammissibilita’ per tale aiuto per uno
o piu’ anni del periodo 2005, 2006, 2007 e 2008.

Art. 3

Calcolo dei titoli all’aiuto

1. Il calcolo degli importi di riferimento per gli agricoltori e’
effettuato sulla base della media della produzione di foraggi
consegnata nell’ambito di un contratto o di una dichiarazione di
consegna di cui all’art. 5 del decreto ministeriale 15 marzo 2005.
Per gli agricoltori, cosi’ come definiti all’art. 2, lettera 1), del
regolamento (CE) n. 1120/2009, che hanno iniziato l’attivita’
agricola nel periodo dal 2005 al 2008, la media si basa sugli anni in
cui hanno svolto l’attivita’ agricola.
2. Il calcolo e’ effettuato sulla base dei dati relativi al
prodotto essiccato, se disponibili, ovvero al prodotto consegnato
fresco applicando il coefficiente mensile di trasformazione in
prodotto essiccato.
3. Gli importi di riferimento sono calcolati entro il massimale di
22,605 milioni di euro.
4. Il calcolo del valore e del numero dei titoli all’aiuto e’
effettuato secondo quanto previsto dall’art. 64 del regolamento (CE)
n. 73/2009.

Art. 4

Assegnazione dei titoli all’aiuto

1. Gli agricoltori aventi diritto presentano all’organismo pagatore
competente la domanda di fissazione dei titoli all’aiuto
congiuntamente alla domanda unica entro il 15 maggio 2012.
Per la fissazione dei titoli all’aiuto si tiene conto, in
particolare, di quanto disposto ai commi 5 e 9 dell’art. 6 del
decreto ministeriale 5 agosto 2004.
2. Il calcolo o l’adeguamento dei titoli e’ effettuato entro i
termini previsti dall’art. 25 del regolamento (CE) n. 1120/2009.

Art. 5

Modalita’ attuative

1. AGEA dispone, con propri provvedimenti, l’applicazione del
presente decreto.
Il presente decreto sara’ trasmesso all’Organo di controllo per la
registrazione e sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 10 agosto 2011

Il Ministro: Romano

Registrato alla Corte dei conti il 3 ottobre 2011
Ufficio di controllo Atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 8, foglio n. 133

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 10 agosto 2011

Periti.info