MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 16 Marzo 2007 | Periti.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 16 Marzo 2007

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 16 Marzo 2007 - Cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione ex lege n. 183/1987 dei programmi inseriti nel QCS obiettivo 1, 2000-2006, per l'annualita' 2006 e rideterminazione della quota di cofinanziamento per i programmi "Ricerca scientifica, sviluppo tecnologico e alta formazione" e "Sviluppo imprenditoriale locale". (Decreto n. 8/2007). (GU n. 118 del 23-5-2007 - Suppl. Ordinario n.120)

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 16 Marzo 2007

Cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione ex lege n.
183/1987 dei programmi inseriti nel QCS obiettivo 1, 2000-2006, per
l’annualita’ 2006 e rideterminazione della quota di cofinanziamento
per i programmi “Ricerca scientifica, sviluppo tecnologico e alta
formazione” e “Sviluppo imprenditoriale locale”. (Decreto n. 8/2007).

L’ISPETTORE GENERALE CAPO
per i rapporti finanziari con l’Unione europea (I.G.R.U.E.)

Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il coordinamento
delle politiche riguardanti l’appartenenza dell’Italia alle Comunita’
europee e l’adeguamento dell’ordinamento interno agli atti normativi
comunitari;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1988,
n. 568 e successive integrazioni e modificazioni recante il
regolamento sulla organizzazione e sulle procedure amministrative del
Fondo di rotazione, di cui alla predetta legge n. 183/1987 ed in
particolare il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica 21 ottobre 2000, concernente la modifica
delle procedure di pagamento;
Vista la legge 6 febbraio 1996, n. 52, concernente disposizioni per
l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia
alle Comunita’ europee (legge comunitaria 1994);
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, che, all’art. 3, ha previsto
il trasferimento dei compiti di gestione tecnica e finanziaria, gia’
attribuiti al CIPE, alle Amministrazioni competenti per materia;
Vista la delibera CIPE n. 141 del 6 agosto 1999, concernente il
riordino delle competenze del CIPE, che trasferisce al Ministero del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica la
determinazione, d’intesa con le Amministrazioni competenti, della
quota nazionale pubblica dei programmi, progetti ed altre iniziative
cofinanziate dall’Unione europea;
Visto il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica 15 maggio 2000, relativo all’attribuzione
delle quote di cofinanziamento nazionale a carico della legge n.
183/1987 per gli interventi di politica comunitaria che, al fine di
assicurare l’intesa di cui alla predetta delibera CIPE n. 141/1999,
ha istituito un apposito Gruppo di lavoro presso il Dipartimento
della Ragioneria generale dello Stato – I.G.R.U.E.;
Visti i regolamenti CE n. 1260/99 del Consiglio, n. 1783/1999 e n.
1784/99 del Parlamento europeo e del Consiglio, n. 1263/1999 e n.
1257/99 del Consiglio, riguardanti rispettivamente le disposizioni
generali sui Fondi strutturali e le disposizioni specifiche relative
ai Fondi strutturali (FESR, FSE, SFOP, FEOGA);
Vista la decisione della Commissione delle Comunita’ europee C
(2000) 2050, del 1° agosto 2000, di approvazione del Quadro
Comunitario di Sostegno obiettivo 1, 2000-2006;
Vista la delibera CIPE n. 139 del 6 agosto 1999 che prevede,
relativamente ai programmi operativi nazionali, che la copertura
finanziaria e’ posta a carico del Fondo di rotazione ex lege n.
183/1987, ovvero di altre leggi di settore e, relativamente ai
programmi operativi regionali, che la copertura finanziaria e’ posta
a carico del predetto Fondo nella misura del 70 per cento della quota
nazionale pubblica, rimanendo a carico delle Regioni e/o degli Enti
locali la rimanente quota del 30 per cento;
Visti i piani finanziari dei programmi operativi regionali e dei
programmi operativi nazionali Ricerca, Sviluppo imprenditoriale,
Assistenza tecnica, Trasporti e Sicurezza, di cui al QCS obiettivo 1
2000-2006, come da ultimo modificati dalle decisioni indicate
nell’allegata tabella n. 1;
Considerato che, in base alla decisione della Commissione europea C
(2006) 7292 del 28 dicembre 2006, di applicazione della clausola di
disimpegno automatico al PON Sviluppo imprenditoriale locale, il
cofinanziamento statale a fronte FSE e’ pari a 27.031.757,00 euro,
mentre le assegnazioni gia’ effettuate risultano pari ad euro
27.456.030,00 e che, pertanto, occorre ridurre l’annualita’ 2005 per
un importo pari ad euro 424.273,00;
Considerata la nota n. 791 del 23 febbraio 2007 del Ministero
dell’universita’ e della ricerca, dalla quale risulta che, a seguito
della rimodulazione del piano finanziario del PON Ricerca, il
cofinanziamento nazionale a fronte FESR a carico del Fondo di
rotazione ex lege n. 183/1987 e’ pari a 288.201.619,00 euro, mentre
le assegnazioni gia’ effettuate risultano pari a 352.071.419,00 euro
e che, pertanto, occorre ridurre l’annualita’ 2005 per un importo
pari ad euro 63.869.800,00;
Visti i propri decreti con i quali si e’ provveduto ad assegnare
complessivamente ai programmi operativi sopra citati l’acconto del 7
per cento pari a euro 960.956.420,00, l’annualita’ 2000 pari a euro
2.000.174.529,00, l’annualita’ 2001 pari a euro 2.225.344.013,00,
l’annualita’ 2002 pari a euro 2.276.118.042,00, l’annualita’ 2003
pari a euro 2.113.685.172,00, l’annualita’ 2004 pari a euro
2.198.374.140,00, e l’annualita’ 2005 pari a euro 2.227.328.656,00,
per un ammontare complessivo di risorse a carico del predetto Fondo
di rotazione pari a euro 14.001.980.972,00;
Considerato che, a seguito della rimodulazione dei piani finanziari
del PON Ricerca e del PON Sviluppo imprenditoriale locale, occorre
ridurre le assegnazioni per l’annualita’ 2005, rispettivamente, di
euro 63.869.800,00 e di euro 424.273,00, per un importo complessivo
pari a euro 64.294.073,00 e che, pertanto, l’assegnazione complessiva
per il periodo 2000-2005 viene a stabilirsi in euro
13.937.686.899,00;
Considerato che occorre provvedere ad assicurare il cofinanziamento
della quota statale a carico del Fondo di rotazione ex lege n.
183/1987 per l’annualita’ 2006 che, al netto del recupero
dell’acconto del 7 per cento e delle maggiori o minori assegnazioni
di risorse derivanti da rideterminazioni o disimpegni del
cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione, viene a
stabilirsi in euro 1.330.604.805,00 come indicato nell’allegata
tabella n. 2 e che, pertanto, l’importo complessivo a favore dei
suddetti programmi risulta di euro 15.268.291.704,00;
Viste le risultanze del Gruppo di lavoro presso il Dipartimento
della Ragioneria generale dello Stato – I.G.R.U.E., di cui al citato
decreto del Ministro del tesoro 15 maggio 2000, nella riunione
svoltasi in data 16 marzo 2007 con la partecipazione delle
Amministrazioni interessate;

Decreta:

1. Il cofinanziamento statale dei programmi operativi citati in
premessa inseriti nel Q.C.S. obiettivo 1, a valere sulle
disponibilita’ del Fondo di rotazione ex lege n. 183/1987, per
l’annualita’ 2006 – come specificato nell’allegata tabella n. 2 che
costituisce parte integrante del presente decreto – e’ pari ad euro
1.330.604.805,00, al netto del recupero dell’acconto del 7 per cento
e tenuto conto delle minori o maggiori assegnazioni di risorse per le
annualita’ pregresse, come precisato nelle premesse.
2. Per il Programma “Sviluppo imprenditoriale locale” e’
disimpegnata una quota di risorse a fronte FSE, a carico del Fondo di
rotazione ex lege n. 183/1987, pari a 424.273,00 euro, rideterminando
in euro 3.072.727,00 l’assegnazione relativa all’annualita’ 2005,
gia’ fissata in euro 3.497.000,00 dal proprio decreto direttoriale
1° aprile 2005.
3. Per il Programma “Ricerca scientifica, sviluppo tecnologico e
alta formazione” e disimpegnata una quota di risorse a fronte FESR, a
carico del Fondo di rotazione ex lege n. 183/1987, pari a
63.869.800,00 euro, rideterminando in euro 10.764.083,00
l’assegnazione relativa all’annualita’ 2005, gia’ fissata in euro
74.633.883,00 dal proprio decreto direttoriale 1° aprile 2005.
4. Le quote a fronte di ciascun Fondo strutturale sono erogate
secondo le modalita’ previste dalla normativa vigente, in base alle
indicazioni fornite dalle Autorita’ di pagamento.
5. Le Regioni e le Amministrazioni centrali dello Stato titolari
dei programmi inviano al Sistema Informativo della Ragioneria
generale dello Stato i dati per le necessarie rilevazioni, ai sensi
della delibera CIPE n. 141/1999.
6. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e successivamente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 16 marzo 2007

L’Ispettore generale Capo Amadori

Visto, Il Ragioniere generale dello Stato: Canzio
Registrato alla Corte dei conti il 4 maggio 2007
Ufficio di controllo Ministeri economico-finanziari, registro n. 2
Economia e finanze, foglio n. 281

Allegato

—-> Vedere immagini da pag. 15 a pag. 16 in formato zip/pdf

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 16 Marzo 2007

Periti.info