MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 26 luglio 2012 | Periti.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 26 luglio 2012

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 26 luglio 2012 - Modalita' di applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicita' al marchio di fabbrica apposto sulle gru mobili, sulle gru a torre adoperate nei cantieri edili e sulle macchine da cantiere. (12A08729) - (GU n. 185 del 9-8-2012 )

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 26 luglio 2012

Modalita’ di applicazione dell’imposta comunale sulla pubblicita’ al
marchio di fabbrica apposto sulle gru mobili, sulle gru a torre
adoperate nei cantieri edili e sulle macchine da cantiere. (12A08729)

IL MINISTRO
DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto il capo I del decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507,
che disciplina l’imposta comunale sulla pubblicita’ e il diritto
sulle pubbliche affissioni;
Visto l’art. 3, comma 16-sexies, del decreto-legge 2 marzo 2012, n.
16, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 aprile 2012, n. 44,
il quale stabilisce che, con decreto del Ministro dell’economia e
delle finanze, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica,
e’ disciplinata l’applicazione dell’imposta comunale sulla
pubblicita’ al marchio, apposto con dimensioni proporzionali alla
dimensione dei beni, sulle gru mobili, sulle gru a torre adoperate
nei cantieri edili e sulle macchine da cantiere;
Visto l’art. 2563 del codice civile, secondo il quale
l’imprenditore ha diritto all’uso esclusivo della ditta;
Visto l’art. 2569 del codice civile in base al quale l’imprenditore
ha diritto di valersi in modo esclusivo del marchio idoneo a
distinguere prodotti o servizi per i quali e’ stato registrato;
Visto l’art. 4 del decreto legislativo del 30 marzo 2001, n. 165,
recante disposizioni relative all’individuazione della competenza ad
adottare gli atti delle pubbliche amministrazioni;

Decreta:

Art. 1

Oggetto del provvedimento

1. Con il presente decreto sono definite le modalita’ applicative
dell’imposta comunale sulla pubblicita’, di cui al capo I del decreto
legislativo 15 novembre 1993, n. 507, all’apposizione del marchio di
fabbrica sulle gru mobili, sulle gru a torre adoperate nei cantieri
edili e sulle macchine da cantiere.

Art. 2

Determinazione della superficie esente

1. L’imposta non e’ dovuta per l’indicazione del marchio apposto
con dimensioni proporzionali alla dimensione delle gru mobili, delle
gru a torre adoperate nei cantieri edili e delle macchine da
cantiere, la cui superficie complessiva non ecceda i seguenti limiti:
a) fino a 2 metri quadrati per le gru mobili, le gru a torre
adoperate nei cantieri edili e le macchine da cantiere con sviluppo
potenziale in altezza fino a 10 metri lineari;
b) fino a 4 metri quadrati per le gru mobili, le gru a torre
adoperate nei cantieri edili e le macchine da cantiere con sviluppo
potenziale in altezza oltre i 10 e fino a 40 metri lineari;
c) fino a 6 metri quadrati per le gru mobili, le gru a torre
adoperate nei cantieri edili e le macchine da cantiere con sviluppo
potenziale in altezza superiore a 40 metri lineari.
2. Per l’apposizione del marchio la cui superficie complessiva
supera il limite dimensionale di cui al comma 1 l’imposta e’ dovuta,
in base alla superficie complessiva dei marchi installati su ciascun
bene mobile individuato all’art. 1, per anno solare al comune ove ha
sede l’impresa produttrice dei beni o qualsiasi altra sua dipendenza,
nella misura e con le modalita’ previste dall’art. 12, comma 1, del
decreto legislativo n. 507 del 1993.
3. Le imprese produttrici delle gru mobili, delle gru a torre
adoperate nei cantieri edili e delle macchine da cantiere, ai fini
del riconoscimento dell’esenzione, adeguano le dimensioni dei marchi,
eventualmente apposti prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana del presente decreto, al limite
dimensionale di cui al comma 1, entro sei mesi dalla data della
predetta pubblicazione.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 26 luglio 2012

Il Ministro: Grilli

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 26 luglio 2012

Periti.info