MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 3 Ottobre 2007 | Periti.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 3 Ottobre 2007

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 3 Ottobre 2007 - Modalita' di adeguamento della procedura del mandato informatico agli standard del SIPA - Sistema informatizzato dei pagamenti della pubblica amministrazione. (GU n. 247 del 23-10-2007 )

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 3 Ottobre 2007

Modalita’ di adeguamento della procedura del mandato informatico agli
standard del SIPA – Sistema informatizzato dei pagamenti della
pubblica amministrazione.

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA
E DELLE FINANZE
Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, recante
disposizioni sull’amministrazione del patrimonio e sulla contabilita’
generale dello Stato;
Visto il regio decreto 23 maggio 1924, n. 827, riguardante il
regolamento per l’amministrazione del patrimonio e per la
contabilita’ generale dello Stato;
Vista la legge 5 agosto 1978, n. 468, recante la riforma di alcune
norme di contabilita’ generale dello Stato in materia di bilancio;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10 febbraio 1984,
n. 21, concernente le modalita’ agevolative per la riscossione dei
titoli di spesa dello Stato;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 20 aprile 1994, n.
367, riguardante il regolamento recante semplificazione e
accelerazione delle procedure di spesa e contabili;
Visto il protocollo d’intesa per la gestione del mandato
informatico sottoscritto in data 18 dicembre 1998 fra il Dipartimento
della Ragioneria generale dello Stato e la Banca d’Italia;
Visto il Protocollo d’intesa quadro per lo sviluppo del Sistema
informatizzato dei pagamenti della pubblica amministrazione (SIPA),
sottoscritto in data 9 gennaio 2001 tra l’Autorita’ per l’informatica
nella pubblica amministrazione, il Dipartimento della Ragioneria
generale dello Stato, la Corte dei conti e la Banca d’Italia;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 15 dicembre 2001,
n. 482 di semplificazione del procedimento per i pagamenti da e per
l’estero delle amministrazioni statali;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 aprile 2002, n.
123, in materia di pagamento delle pensioni e degli assegni congeneri
a carico del bilancio dello Stato;
Visto gli articoli 1, comma 2, lettera b) e 3, commi 3 e 4, del
decreto ministeriale 31 ottobre 2002, riguardante il pagamento degli
stipendi e degli altri assegni fissi emessi in forma
dematerializzata;
Visto l’art. 4, comma 3, del decreto ministeriale 6 giugno 2003,
riguardante le modalita’ per l’informatizzazione degli ordini di
prelevamento dai fondi dai conti correnti di tesoreria centrale;
Visto il Protocollo d’intesa per l’emissione degli Ordini di
prelevamento fondi sottoscritto in data 11 settembre 2003 fra il
Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato e la Banca
d’Italia;
Considerata la necessita’ di adeguare le procedure del mandato
informatico alle modalita’ operative e di colloquio previste
nell’ambito del SIPA;
Sentita la Banca d’Italia in qualita’ di Istituto che gestisce il
servizio di tesoreria statale;
Decreta:
Art. 1.
Estinzione dei mandati informatici
1. I mandati informatici da pagare in contanti presso gli uffici
postali e presso gli istituti di credito sono estinti, sotto la data
di esigibilita’ indicata nel relativo flusso informatico, mediante
commutazione in “bonifico domiciliato”.
2. L’estinzione dei mandati informatici da pagare in contanti
presso le Tesorerie dello Stato avviene, sotto la data di
esigibilita’ indicata nel relativo flusso informatico, con il
versamento del relativo importo sul conto corrente aperto a favore
del Ministero dell’economia e delle finanze, di cui all’art. 4,
comma 3, del decreto ministeriale 6 giugno 2003, in attesa che i
creditori si presentino per la riscossione.
3. I mandati informatici da pagare in contanti sia presso le
Tesorerie sia presso gli uffici postali e gli istituti di credito
possono essere riscossi dai beneficiari entro il secondo mese
successivo a quello di esigibilita’.
4. I mandati informatici recanti data di esigibilita’ 31 dicembre
sono estinti l’ultimo giorno lavorativo dell’esercizio qualora il 31
sia festivo o non lavorativo per il sistema bancario, accreditando il
relativo importo nel conto di cui al comma 2, in attesa che il
pagamento venga finalizzato il primo giorno lavorativo dell’anno
successivo.
5. La Societa’ Poste Italiane Spa riversa nella contabilita’
speciale “Poste Italiane Spa – Servizio di tesoreria” le somme
relative ai pagamenti di propria competenza affluite sul conto di
gestione che la stessa detiene presso la Banca d’Italia.

Art. 2.
Restituzione degli importi dei mandati informatici
da pagare in contanti e non riscossi dai creditori
1. Gli uffici pagatori di cui all’art. 1, comma 1, restituiscono
gli importi dei mandati informatici non riscossi alla scadenza del
termine di cui al comma 3 dello stesso articolo, alla Banca d’Italia
mediante storni di bonifico; tali importi sono versati
cumulativamente sul conto corrente n. 20353 aperto presso la
tesoreria centrale, intestato al Dipartimento della Ragioneria
generale dello Stato – Ispettorato generale per la finanza delle
pubbliche amministrazioni.
2. Sul conto corrente 20353 di cui al comma 1 sono versati anche
gli importi dei mandati informatici da pagare in contante presso le
Tesorerie non riscossi entro il termine di cui all’art. 1, comma 3.
3. Le informazioni relative ai singoli mandati non riscossi e i
dati dell’accreditamento del relativo importo nel conto corrente
20353, sono comunicati per via telematica dalla Banca d’Italia al
Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato.

Art. 3.
Pagamenti in contante
1. Il pagamento in contanti e’ documentato da quietanza del
beneficiario del mandato informatico, ovvero di colui che ne abbia la
rappresentanza ai sensi degli articoli 296 e seguenti del regio
decreto 23 maggio 1924, n. 827, apposta su apposito modulo
predisposto dagli uffici pagatori sulla base delle specifiche fornite
dal Ministero dell’economia e delle finanze.
2. I moduli quietanzati comprovanti i pagamenti eseguiti sono
conservati dagli uffici pagatori per un periodo di cinque anni dalla
data di esigibilita’ indicata nel relativo flusso informatico.

Art. 4.
Entrata in vigore
1. Ai fini dell’attuazione del presente decreto il Dipartimento
della Ragioneria generale dello Stato e la Banca d’Italia provvedono
ad adeguare le procedure di colloquio e di scambio dei dati e a
stipulare un nuovo protocollo d’intesa per la gestione del mandato
informatico, che sostituisce quello sottoscritto in data 18 dicembre
1998.
2. Il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato stabilisce
con proprio provvedimento, sentita la Banca d’Italia, la data di
avvio della procedura di cui al presente decreto.
Roma, 3 ottobre 2007
Il Ministro: Padoa Schioppa

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 3 Ottobre 2007

Periti.info