MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 5 agosto 2010 | Periti.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 5 agosto 2010

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 5 agosto 2010 - Adeguamento della misura dei compensi spettanti ai centri di assistenza fiscale, ai sostituti d'imposta ed ai professionisti abilitati per l'attivita' svolta nell'anno 2009, ai sensi dell'articolo 38, comma 3, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 e successive modificazioni. (10A11117) - (GU n. 214 del 13-9-2010 )

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 5 agosto 2010

Adeguamento della misura dei compensi spettanti ai centri di
assistenza fiscale, ai sostituti d’imposta ed ai professionisti
abilitati per l’attivita’ svolta nell’anno 2009, ai sensi
dell’articolo 38, comma 3, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n.
241 e successive modificazioni. (10A11117)

IL DIRETTORE GENERALE DELLE FINANZE

di concerto con

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

Visto l’art. 16 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e
successive modificazioni, recante norme generali sull’ordinamento del
lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche;
Visto il decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, cosi’ come
integrato dall’art. 1 del decreto legislativo 28 dicembre 1998, n.
490, concernente la riforma della disciplina dei Centri di assistenza
fiscale, di seguito denominati C.A.F.;
Visti gli articoli 3-bis, comma 10 e 7-quinquies del decreto-legge
30 settembre 2005, n. 203, convertito, dalla legge 2 dicembre 2005,
n. 248, che hanno esteso la facolta’ di prestare l’assistenza fiscale
prevista dall’art. 34, comma 4, del citato decreto legislativo n. 241
del 1997 agli iscritti nell’albo dei consulenti del lavoro di cui
alla legge 11 gennaio 1979, n. 12 e nell’albo dei dottori
commercialisti e degli esperti contabili di cui al decreto
legislativo 28 giugno 2005, n. 139, di seguito denominati
«professionisti abilitati»;
Visto l’art. 38, comma 1, del citato decreto legislativo n. 241 del
1997, cosi’ come modificato dall’art. 1, comma 333, della legge 27
dicembre 2006, n. 296, in base al quale per le attivita’ di cui al
comma 4 dell’art. 34 dello stesso decreto, ai C.A.F. e, a decorrere
dall’anno 2006, ai professionisti abilitati spetta un compenso a
carico del bilancio dello Stato nella misura di € 12,91 per ciascuna
dichiarazione elaborata e trasmessa;
Visto l’art. 38, comma 2, del citato decreto legislativo n. 241 del
1997, in base al quale per le attivita’ di cui al comma 2 dell’art.
37 dello stesso decreto, ai sostituti d’imposta spetta un compenso a
carico del bilancio dello Stato nella misura di € 10,33 per ciascuna
dichiarazione elaborata e trasmessa;
Visto l’art. 18, comma 1, del decreto del Ministro delle finanze 31
maggio 1999, n. 164, che prevede che il compenso di cui all’art. 38
del citato decreto legislativo n. 241 del 1997 venga corrisposto in
misura doppia per la predisposizione e l’elaborazione delle
dichiarazioni in forma congiunta;
Visto l’art. 38, comma 3, del citato decreto legislativo n. 241 del
1997, in base al quale la misura dei compensi previsti nel medesimo
articolo va adeguata ogni anno, con l’applicazione di una percentuale
pari alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le
famiglie di operai ed impiegati accertata dall’ISTAT rilevata
nell’anno precedente;
Visto il decreto interministeriale del 1° agosto 2001 con il quale
si e’ proceduto ad adeguare i suddetti compensi spettanti ai C.A.F.
ed ai sostituti d’imposta, applicando la variazione percentuale
verificatasi negli indici dei prezzi al consumo per le famiglie di
operai ed impiegati tra l’anno 1999 e l’anno 2000 pari +2,6%,
elevandone la misura da L. 25.000 (€ 12,91) a L. 25.650 (€ 13,25) per
ciascuna dichiarazione modello 730/2000 elaborata e trasmessa ai
sensi del comma 1 del citato art. 38 e da L. 20.000 (€ 10,33) a L.
20.520 (€ 10,60) per ciascuna dichiarazione modello 730/2000
elaborata e trasmessa ai sensi del comma 2 dell’art. 38;
Visti i decreti interdirigenziali del capo del Dipartimento per le
politiche fiscali di concerto con il Ragioniere generale dello Stato
con i quali, dall’anno 2002 si e’ proceduto ad adeguare i compensi
spettanti ai citati C.A.F. ed ai sostituti d’imposta, applicando la
variazione percentuale verificatasi negli indici dei prezzi al
consumo per le famiglie di operai ed impiegati, per ciascuna
dichiarazione modello 730 elaborata e trasmessa ai sensi dei commi 1
e 2 dell’art. 38;
Visto il decreto interdirigenziale del capo del Dipartimento per le
politiche fiscali di concerto con il Ragioniere generale dello Stato
di concerto con il Ragioniere generale dello Stato del 29 marzo 2007,
con il quale sono state stabilite le modalita’ di erogazione del
compenso spettante ai C.A.F. e ai professionisti abilitati per
l’attivita’ di assistenza fiscale svolta nell’anno 2006 e successivi;
Visto il decreto interdirigenziale del direttore generale delle
finanze di concerto con il Ragioniere generale dello Stato del 13
maggio 2009 con il quale si e’ proceduto ad adeguare i compensi
spettanti ai C.A.F., ai sostituti d’imposta ed ai professionisti
abilitati per l’attivita’ svolta nell’anno 2008;
Vista la nota del 2 febbraio 2010, n. 586, con la quale l’Istituto
nazionale di statistica ha comunicato che la variazione percentuale
verificatasi negli indici dei prezzi al consumo per le famiglie di
operai ed impiegati nell’anno 2009 risulta pari al +0,7%;
Considerato che a norma dell’art. 38, comma 3, del citato decreto
legislativo n. 241 del 1997, occorre adeguare alla predetta
variazione percentuale la misura unitaria del compenso spettante ai
C.A.F., ai sostituti d’imposta e ai professionisti abilitati per
l’attivita’ prestata nell’anno 2009;
Vista la nota 10 luglio 2001, n. 3-7557, con la quale l’ufficio del
coordinamento legislativo-finanze ha osservato, tra l’altro, che il
presente atto consiste in un mero adeguamento statistico operato
sulla base di un parametro oggettivamente predeterminato dalla legge
e che, pertanto, tale atto puo’ essere ricondotto nell’area dei
provvedimenti di carattere gestionale;
Sentita l’Agenzia delle entrate;

Decreta:

Art. 1

1. Il compenso di cui all’art. 38, comma 1, del decreto legislativo
9 luglio 1997, n. 241 adeguato per l’anno 2008 a € 15,92 con decreto
ministeriale del 13 maggio 2009, spettante ai C.A.F. e ai
professionisti abilitati, per ciascuna dichiarazione modello 730/2009
elaborata e trasmessa, e’ elevato, ai sensi del comma 3 del citato
art. 38, a € 16,03.
2. Il compenso di cui all’art. 38, comma 2, del decreto legislativo
9 luglio 1997, n. 241 adeguato per l’anno 2008 a € 12,73 con decreto
ministeriale del 13 maggio 2009, spettante ai sostituti d’imposta per
ciascuna dichiarazione modello 730/2009 elaborata e trasmessa, e’
elevato, ai sensi del comma 3 del citato art. 38, a € 12,82.
3. Per la predisposizione e l’elaborazione delle dichiarazioni di
cui ai commi 1 e 2 in forma congiunta il compenso e’ determinato in
misura doppia.

Art. 2

1. L’aumento risultante dall’applicazione dell’art. 1 e’
corrisposto ai C.A.F. e ai professionisti abilitati, sui compensi
loro spettanti, con le modalita’ indicate nel decreto 29 marzo 2007
del capo del Dipartimento per le politiche fiscali di concerto con il
Ragioniere generale dello Stato.
2. I sostituti d’imposta applicano l’aumento, stabilito
dall’articolo precedente, sui compensi loro spettanti, con le
modalita’ di cui al comma 2 dell’art. 38 del citato decreto
legislativo n. 241 del 1997.
3. I sostituti d’imposta che hanno gia’ percepito il compenso per
l’attivita’ prestata nell’anno 2009 effettuano una riduzione dei
versamenti delle ritenute fiscali, relative al mese di pubblicazione
del presente decreto, pari all’aumento stabilito dall’art. 1.
Il presente decreto sara’ trasmesso agli organi di controllo e
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 5 agosto 2010

Il direttore generale delle finanze
Lapecorella

Il Ragioniere generale dello Stato
Canzio

Registrato alla Corte dei conti il 23 agosto 2010
Ufficio di controllo Ministeri economico-finanziari, registro n. 4
Economia e finanze, foglio n. 309

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 5 agosto 2010

Periti.info