MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 7 luglio 2011, n. 146 - Regolamento recante modifiche al decreto ministeriale 18 giugno 1998, n. 238, concernente norme per la gestione speciale del Fondo nazionale di garanzia per la copertura degli impegni del Fondo derivanti dalle insolvenze pregresse. (11G0188) - (GU n. 198 del 26-8-2011 | Periti.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 7 luglio 2011, n. 146 – Regolamento recante modifiche al decreto ministeriale 18 giugno 1998, n. 238, concernente norme per la gestione speciale del Fondo nazionale di garanzia per la copertura degli impegni del Fondo derivanti dalle insolvenze pregresse. (11G0188) – (GU n. 198 del 26-8-2011

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 7 luglio 2011, n. 146 - Regolamento recante modifiche al decreto ministeriale 18 giugno 1998, n. 238, concernente norme per la gestione speciale del Fondo nazionale di garanzia per la copertura degli impegni del Fondo derivanti dalle insolvenze pregresse. (11G0188) - (GU n. 198 del 26-8-2011 ) note: Entrata in vigore del provvedimento: 10/09/2011

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 7 luglio 2011 , n. 146

Regolamento recante modifiche al decreto ministeriale 18 giugno 1998,
n. 238, concernente norme per la gestione speciale del Fondo
nazionale di garanzia per la copertura degli impegni del Fondo
derivanti dalle insolvenze pregresse. (11G0188)

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto l’articolo 214, comma 1, lett. JJ), del decreto legislativo
24 febbraio 1998, n. 58 che, nell’abrogare il decreto legislativo fa
salva, tra l’altro la disposizione di cui all’articolo 62 (Fondo
nazionale di garanzia);
Visto l’articolo 62, comma 4, del decreto legislativo 23 luglio
1996, n. 415 il quale dispone che il Ministro del tesoro, sentite la
Banca d’Italia e la Consob, con regolamento disciplina la gestione
speciale del patrimonio del Fondo nazionale di garanzia, la copertura
degli impegni del Fondo derivanti dalle insolvenze pregresse – anche
attraverso contribuzioni straordinarie a carico degli aderenti al
Fondo alla data dell’adeguamento – la destinazione dell’eventuale
residuo attivo;
Visto l’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visto il regolamento emanato con decreto ministeriale 18 giugno
1998, n. 238, entrato in vigore il 5 agosto 1998, e recante norme per
la gestione speciale del Fondo nazionale di garanzia per la copertura
degli impegni derivanti dalle insolvenze pregresse;
Visto il regolamento emanato con decreto ministeriale 27 gennaio
2003, n. 41 di modifica dell’articolo 4, commi 2 e 4 e dell’articolo
6, comma 1, del regolamento 18 giugno 1998, n. 238;
Visto in particolare il predetto articolo 6, comma 1, il quale
prevede che “la gestione speciale si chiude al 30 giugno 2005”;
Visto il decreto ministeriale 16 novembre 2005, n. 297 di modifica
dell’articolo 6, comma 2, del regolamento18 giugno 1998, n. 238;
Vista la lettera n. 944 del 12 aprile 2010 con la quale il Fondo
nazionale di garanzia ha rappresentato il problema derivante dalla
chiusura della gestione speciale alla data del 30 giugno 2011,
secondo le richiamate disposizioni del decreto ministeriale, ed ha
chiesto una proroga della stessa al 30 giugno 2014;
Sentite la Banca d’Italia e la Consob;
Udito il parere n. 1680/2011 del Consiglio di Stato espresso
nell’adunanza della Sezione consultiva per gli atti normativi in data
7 aprile 2011;
Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri, a
norma dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400,
effettuata con nota del 1° giugno 2011;
Ritenuto di aderire alle richieste del Fondo nazionale di garanzia;
Considerato che il Fondo nazionale di garanzia non ha esaurito il
suo compito a causa dei giudizi pendenti ex articoli 98 e 101 della
legge fallimentare e 57, comma 5, del decreto legislativo 24 febbraio
1998, n. 58, proposti dai creditori esclusi dall’indennizzo o che
hanno impugnato i criteri di calcolo dell’indennizzo applicato dal
Fondo;
Considerata la previsione dei tempi lunghi per la chiusura dei
giudizi in corso e la necessita’ della definizione dei medesimi per
la determinazione degli indennizzi dovuti e della copertura
finanziaria da richiedere agli intermediari;
Considerato che la prosecuzione della gestione speciale e’
necessaria sia per garantire la tutela e la parita’ di trattamento
agli investitori coinvolti nelle procedure concorsuali, sia per
consentire la definizione dei contenziosi in essere;

A D O T T A

il seguente regolamento:

Art. 1

1. Il comma 1 dell’articolo 6, del regolamento18 giugno 1998, n.
238, e successive modificazioni, e’ sostituito dal seguente:
“1. La gestione speciale e’ protratta per il tempo strettamente
necessario alla definizione di tutte le procedure concorsuali e
contenziose relative alla gestione speciale, nonche’ alla conclusione
dei relativi adempimenti del Fondo nazionale di garanzia e comunque
non oltre il 30 giugno 2017″.
Il presente regolamento, munito del sigillo dello Stato, sara’
inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della
Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo
e di farlo osservare.
Roma, 7 luglio 2011

Il Ministro: Tremonti

Visto, il Guardasigilli: Alfano

Registrato alla Corte dei conti il 10 agosto 2011
Ufficio controllo Ministeri economico-finanziari, registro n. 8
Economia e finanze, foglio n. 300

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, commi 2 e 3, del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
modificate o alle quali e’ operato il rinvio. Restano
invariati il valore e l’efficacia degli atti legislativi
qui trascritti.
Note alle premesse:
Si riporta il testo del comma 1 dell’articolo 214 del
decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 (Testo unico
delle disposizioni in materia di intermediazione
finanziaria, ai sensi degli articoli 8 e 21 della L. 6
febbraio 1996, n. 52):
” 214. Abrogazioni.
1. Sono o restano abrogati, salvo quanto previsto dai
commi 2 e 3:
a) … (ii) (omissis).
jj) il D.Lgs. 23 luglio 1996, n. 415, a eccezione degli
articoli 60, comma 4, 62, 63, 64 e 65.” .
Si riporta il testo del comma 4 dell’articolo 62 del
decreto legislativo 23 luglio 1996 n. 415 (Recepimento
della direttiva 93/22/CEE del 10 maggio 1993 relativa ai
servizi di investimento nel settore dei valori mobiliari e
della direttiva 93/6/CEE del 15 marzo 1993 relativa
all’adeguatezza patrimoniale delle imprese di investimento
e degli enti creditizi) :
“4. Alla data dell’adeguamento previsto dal comma 2, le
attivita’ e passivita’ del Fondo confluiscono in una
gestione speciale secondo le modalita’ stabilite con
regolamento del Ministro del tesoro, sentite la Banca
d’Italia e la CONSOB. Con il medesimo regolamento sono
disciplinati: la gestione speciale del patrimonio del
Fondo; la copertura degli impegni del Fondo derivanti dalle
insolvenze pregresse anche attraverso contribuzioni
straordinarie a carico degli aderenti al Fondo alla data
dell’adeguamento; la destinazione dell’eventuale attivo
residuo.”.
Si riporta il testo del comma 3 dell’articolo 17 della
legge 23 agosto 1988 n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di
Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei
Ministri):
“3. Con decreto ministeriale possono essere adottati
regolamenti nelle materie di competenza del ministro o di
autorita’ sottordinate al ministro, quando la legge
espressamente conferisca tale potere. Tali regolamenti, per
materie di competenza di piu’ ministri, possono essere
adottati con decreti interministeriali, ferma restando la
necessita’ di apposita autorizzazione da parte della legge.
I regolamenti ministeriali ed interministeriali non possono
dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati
dal Governo. Essi debbono essere comunicati al Presidente
del Consiglio dei ministri prima della loro emanazione.”.
Il decreto ministeriale 18 giugno 1998, n. 238
(Regolamento recante norme per la gestione speciale del
Fondo nazionale di garanzia per la copertura degli impegni
derivanti dalle insolvenze pregresse), e’ pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale 21 luglio 1998, n. 168.
Si riporta il testo dei commi 2 e 4 dell’articolo 4
del citato D.M. n. 238 del 1998, come modificati dal D.M.
27 gennaio 2003, n. 41 (Regolamento recante modifiche al
D.M. 18 giugno 1998, n. 238 del Ministro del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica, contenente norme
per la gestione speciale del Fondo nazionale di garanzia
per la copertura degli impegni derivanti dalle insolvenze
pregresse):
“Art. 4. Copertura finanziaria.
1. Il Fondo, sulla base dei crediti iscritti nello
stato passivo delle insolvenze pregresse alla data di
inizio della gestione speciale, predispone un piano
triennale per la copertura finanziaria della gestione
speciale medesima.
2. Il piano di cui al comma 1, e’ aggiornato con
cadenza annuale in relazione ai crediti successivamente
ammessi al passivo delle insolvenze pregresse a seguito di
dichiarazione o insinuazione tardiva ai sensi dell’articolo
101 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, ed ai sensi
dell’articolo 89 del decreto legislativo n. 385 del 1993, e
successive modificazioni o a seguito di giudizio di
opposizione o di impugnazione ai sensi degli articoli 98 e
100 del regio decreto n. 267 del 1942 nonche’ ai sensi
dell’art. 34, comma 5, del decreto legislativo, come
modificato dal decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58.
3. Alla copertura finanziaria della gestione speciale
concorrono gli intermediari aderenti al Fondo alla data
dell’adeguamento al regolamento, secondo i criteri di cui
al comma 5, e il Ministero del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica, entro il limite delle
disponibilita’ del Fondo istituito dall’articolo 54, comma
3, della legge 27 dicembre 1997, n. 449.
4. Sulla base delle istanze di intervento pervenute
entro la data di inizio della gestione speciale, il Fondo
predispone, correlato al piano di cui al comma 1, un piano
triennale per i versamenti delle risorse finanziarie
previste dal comma 3. Il piano e’ aggiornato annualmente in
funzione delle istanze di indennizzo che perverranno
successivamente, ai sensi dell’articolo 5, comma 3.
5. Gli intermediari aderenti al Fondo alla data
dell’adeguamento del Fondo medesimo al regolamento versano
alla gestione speciale l’importo previsto a loro carico ai
sensi dei commi 3 e 4, secondo un criterio di ripartizione
proporzionale tra gli intermediari medesimi, sulla base
della contribuzione complessivamente da ciascuno versata, o
dovuta, dalla data di adesione al Fondo alla data
dell’adeguamento del Fondo medesimo al regolamento.
6. I piani di cui ai commi 1 e 4 ed i loro
aggiornamenti nonche’ la ripartizione dell’importo a carico
degli intermediari di cui al comma 5, sono comunicati al
Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione
economica, che li approva entro sessanta giorni, sentite la
Banca d’Italia e la Consob.”.
Si riporta il testo dell’articolo 6 del citato D.M. n.
238 del 1998, come modificato dal D.M. 16 novembre 2005 n.
297 (Regolamento recante modifiche al D.M. 18 giugno 1998,
n. 238 del Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica, contenente norme per la gestione
speciale del Fondo nazionale di garanzia per la copertura
degli impegni derivanti dalle insolvenze pregresse), come
da ultimo modificato dal presente regolamento:
“6. Saldo della gestione.
1. La gestione speciale e’ protratta per il tempo
strettamente necessario alla definizione di tutte le
procedure concorsuali e contenziose relative alla gestione
speciale, nonche’ alla conclusione dei relativi adempimenti
del Fondo nazionale di garanzia e comunque non oltre il 30
giugno 2017.
2. L’eventuale attivo residuo e’ ripartito tra gli
intermediari di cui all’articolo 4, comma 5, e il Ministero
del tesoro, del bilancio e della programmazione economica e
in misura proporzionale alla rispettiva partecipazione alla
copertura finanziaria della gestione speciale.”.
Si riporta il testo degli articoli 98 e 101 del Regio
decreto 16 marzo 1942, n. 267 (Disciplina del fallimento,
del concordato preventivo, dell’amministrazione controllata
e della liquidazione coatta amministrativa):
” 98. Impugnazioni.
1. Contro il decreto che rende esecutivo lo stato
passivo puo’ essere proposta opposizione, impugnazione dei
crediti ammessi o revocazione.
2. Con l’opposizione il creditore o il titolare di
diritti su beni mobili o immobili contestano che la propria
domanda sia stata accolta in parte o sia stata respinta;
l’opposizione e’ proposta nei confronti del curatore.
3. Con l’impugnazione il curatore, il creditore o il
titolare di diritti su beni mobili o immobili contestano
che la domanda di un creditore o di altro concorrente sia
stata accolta; l’impugnazione e’ rivolta nei confronti del
creditore concorrente, la cui domanda e’ stata accolta. Al
procedimento partecipa anche il curatore.
4. Con la revocazione il curatore, il creditore o il
titolare di diritti su beni mobili o immobili, decorsi i
termini per la proposizione della opposizione o della
impugnazione, possono chiedere che il provvedimento di
accoglimento o di rigetto vengano revocati se si scopre che
essi sono stati determinati da falsita’, dolo, errore
essenziale di fatto o dalla mancata conoscenza di documenti
decisivi che non sono stati prodotti tempestivamente per
causa non imputabile. La revocazione e’ proposta nei
confronti del creditore concorrente, la cui domanda e’
stata accolta, ovvero nei confronti del curatore quando la
domanda e’ stata respinta. Nel primo caso, al procedimento
partecipa il curatore.
5. Gli errori materiali contenuti nello stato passivo
sono corretti con decreto del giudice delegato su istanza
del creditore o del curatore, sentito il curatore o la
parte interessata.”
“101. Domande tardive di crediti.
1. Le domande di ammissione al passivo di un credito,
di restituzione o rivendicazione di beni mobili e immobili,
depositate in cancelleria oltre il termine di trenta giorni
prima dell’udienza fissata per la verifica del passivo e
non oltre quello di dodici mesi dal deposito del decreto di
esecutivita’ dello stato passivo sono considerate tardive;
in caso di particolare complessita’ della procedura, il
tribunale, con la sentenza che dichiara il fallimento, puo’
prorogare quest’ultimo termine fino a diciotto mesi.
2. Il procedimento di accertamento delle domande
tardive si svolge nelle stesse forme di cui all’articolo
95. Il giudice delegato fissa per l’esame delle domande
tardive un’udienza ogni quattro mesi, salvo che sussistano
motivi d’urgenza. Il curatore da’ avviso a coloro che hanno
presentato la domanda, della data dell’udienza. Si
applicano le disposizioni di cui agli articoli da 93 a 99 .
3. Il creditore ha diritto di concorrere sulle somme
gia’ distribuite nei limiti di quanto stabilito
nell’articolo 112. Il titolare di diritti su beni mobili o
immobili, se prova che il ritardo e’ dipeso da causa non
imputabile, puo’ chiedere che siano sospese le attivita’ di
liquidazione del bene sino all’accertamento del diritto.
4. Decorso il termine di cui al primo comma, e comunque
fino a quando non siano esaurite tutte le ripartizioni
dell’attivo fallimentare, le domande tardive sono
ammissibili se l’istante prova che il ritardo e’ dipeso da
causa a lui non imputabile.” .
Si riporta il testo del comma 5 dell’articolo 57 del
decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 (Testo unico
delle disposizioni in materia di intermediazione
finanziaria, ai sensi degli articoli 8 e 21 della L. 6
febbraio 1996, n. 52):
“5. Possono proporre opposizione allo stato passivo,
relativamente alla propria posizione e contro il
riconoscimento dei diritti in favore dei soggetti inclusi
negli elenchi indicati nella disposizione del comma 4, i
soggetti le cui pretese non siano state accolte, in tutto o
in parte, entro 15 giorni dal ricevimento della
raccomandata prevista dall’articolo 86, comma 8, del T.U.
bancario e i soggetti ammessi entro lo stesso termine
decorrente dalla data di pubblicazione dell’avviso previsto
dal medesimo comma 8. Il presente comma si applica in luogo
dell’articolo 87, comma 1, del T.U. bancario.”.
Note all’art. 1:
Per il testo vigente dell’articolo 6 del citato
regolamento n. 238 del 1998, si veda nelle note alle
premesse.

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 7 luglio 2011, n. 146 – Regolamento recante modifiche al decreto ministeriale 18 giugno 1998, n. 238, concernente norme per la gestione speciale del Fondo nazionale di garanzia per la copertura degli impegni del Fondo derivanti dalle insolvenze pregresse. (11G0188) – (GU n. 198 del 26-8-2011

Periti.info