MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - CIRCOLARE 8 febbraio 2008, n.3615 | Periti.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – CIRCOLARE 8 febbraio 2008, n.3615

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - CIRCOLARE 8 febbraio 2008, n.3615 - Istruzioni per la compilazione della modulistica per l'iscrizione e il deposito nel registro delle imprese e per la denuncia al repertorio economico ed amministrativo realizzata secondo le specifiche tecniche approvate con decreto del Ministero dello sviluppo economico del 6 febbraio 2008. (GU n. 42 del 19-2-2008- Suppl. Ordinario n.39)

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

CIRCOLARE 8 febbraio 2008, n.3615

Istruzioni per la compilazione della modulistica per l’iscrizione e
il deposito nel registro delle imprese e per la denuncia al
repertorio economico ed amministrativo realizzata secondo le
specifiche tecniche approvate con decreto del Ministero dello
sviluppo economico del 6 febbraio 2008.

Alle Camere di commercio, industria,
artigianato e agricoltura
e, per conoscenza
Alla Regione autonoma della Valle
D’Aosta – Assessorato dell’industria,
del commercio, dell’artigianato e dei
trasporti
Alla Regione Siciliana – Assessorato
della cooperazione, del commercio,
dell’artigianato e della pesca –
Dipartimento cooperazione, commercio ed
artigianato – Servizio 2S Vigilanza
enti
Alla Regione autonoma Friuli-Venezia
Giulia – Segretariato generale e
riforme istituzionali – Servizio affari
della presidenza
Alla Regione Trentino-Alto Adige –
Ufficio di vigilanza Camere di
commercio
Alla Regione autonoma della Sardegna –
Assessorato industria e commercio
Alla Provincia autonoma di Trento
Alla Provincia autonoma di Bolzano
All’Unioncamere
Alla Infocamere S.c.p.a.
All’Istituto Guglielmo Tagliacarne
L’utilizzo della modulistica elettronica per l’assolvimento degli
adempimenti pubblicitari nei confronti del registro delle imprese e
del repertorio delle notizie economiche ed amministrative si appresta
a divenire di utilizzo comune da parte di tutte le tipologie di
imprese (individuali, societarie, ecc.) a seguito della imminente
operativita’ delle disposizioni recate dall’art. 9 del decreto-legge
n. 7 del 2007 in tema di comunicazione unica per la nascita
dell’impresa.
L’esigenza di adeguare detta modulistica, altresi’, a quanto
previsto dall’art. 44, commi 8 e ss. del decreto-legge n. 269 del
2003, come introdotti dall’art. 1, comma 374, della legge n. 266 del
2005, in tema di iscrizione agli enti previdenziali, ha indotto
questa Amministrazione ad approvare nuove specifiche tecniche per la
creazione di programmi informatici finalizzati alla compilazione
delle domande e delle denunce da presentare all’ufficio del registro
delle imprese per via telematica o su supporto informatico.
Con l’occasione, sono state apportate sostanziali modifiche alle
specifiche precedentemente approvate con decreto 30 marzo 2005, volte
a semplificare e razionalizzare, ove possibile, la modulistica
elettronica realizzata sulla loro base, ma anche, ove necessario, a
rendere piu’ completa e dettagliata la base informativa acquisita per
il suo tramite.
Le principali modifiche riguardano l’eliminazione di campi, le cui
informazioni sono rilevabili da altri documenti allegati alla pratica
o gia’ presenti nel registro o nel repertorio, o desumibili dalla
firma digitale degli obbligati.
Secondo questa logica sono state eliminate molte delle informazioni
descrittive inserite a seguito della riforma del diritto societario,
informazioni comunque presenti nello statuto dell’impresa.
Generalmente, in sostituzione di tali informazioni, viene richiesta
espressamente la presenza delle stesse nello statuto allegato.
Alcune informazioni sono state eliminate in quanto non
espressamente richieste dalle norme vigenti.
I dati anagrafici del notaio stipulante sono stati eliminati e
verranno desunti dalle informazioni contenute nella firma digitale
dallo stesso apposta alla pratica.
I numeri REA non sono piu’ richiesti obbligatoriamente per le
pratiche di modifica delle imprese, in quanto la posizione delle
stesse e’ identificata univocamente tramite il codice fiscale, sia
per l’identificazione della localizzazione sede, che per le
plurilocalizzate.
Sono state inserite nuove informazioni, quali, ad esempio,
l’indicazione dell’indirizzo di posta elettronica certificata
dell’impresa, o informazioni precedentemente non individuabili
puntualmente, come ad esempio la sigla identificativa dell’impresa.
In un’ottica di semplificazione degli adempimenti, e’ stata
modificata la gestione del trasferimento di sede tra diverse
province. Tale adempimento sara’ effettuato mediante un modello di
modifica piuttosto che, come avveniva in precedenza, mediante un
modello di iscrizione che obbligava l’utente all’integrale
ripresentazione di tutte le informazioni. Automatismi del registro
permetteranno di recuperare presso la camera di destinazione le
informazioni gia’ iscritte nella camera di provenienza.
Al fine di migliorare e razionalizzare l’acquisizione delle
informazioni, si e’ ampliato l’utilizzo della gestione delle
occorrenze, per acquisire in maniera puntuale informazioni plurime,
ma con la medesima struttura.
Ove possibile, si sono eliminate ridondanze di informazioni,
valorizzando la presenza di informazioni omogenee, o accorpando
alcuni riquadri, come ad esempio quelli degli strumenti finanziari o
della cancellazione delle societa’ o delle cariche e qualifiche.
In particolare, e’ stato eliminato il modulo SE (sede secondaria),
che sara’ sostituito, nell’utilizzo, dal modulo UL (ora dedicato, in
generale, alle localizzazioni dell’impresa).
Allo scopo di aumentare il grado di sicurezza di alcuni automatismi
e al tempo stesso semplificare l’inserimento delle informazioni da
parte dell’utente, e’ stato richiesto di specificare se le
informazioni presentate siano ad integrazione o in sostituzione di
quelle gia’ presenti in archivio.
Per migliorare la qualita’ dei dati resi disponibili attraverso il
registro, e’ stato previsto l’aggiornamento di alcune informazioni
che l’utente dichiarava, in precedenza, solo in fase di prima
iscrizione, ma di particolare interesse per le imprese e per il
monitoraggio dei flussi economici, quale, ad esempio, il numero degli
addetti dell’impresa.
Una particolare attenzione e’ stata posta nell’acquisizione delle
informazioni concernenti l’attivita’ dell’impresa. Si e’ dato modo
all’utente di specificare le diverse tipologie primarie e secondarie
delle attivita’ esercitate e di puntualizzare le corrispondenti date
di inizio e variazione. Si e’ standardizzata la medesima modalita’ di
esposizione su tutti i moduli interessati, con conseguenti vantaggi
per la qualita’ e precisione delle informazioni e per la linearita’
della fase istruttoria e semplicita’ degli automatismi di
caricamento.
In quest’ambito merita un richiamo specifico l’attenzione rivolta
all’attivita’ prevalente dell’impresa, al fine di farle recuperare
quella valenza per tutto il territorio nazionale particolarmente
necessaria per l’attendibilita’ delle informazioni erogate dal
registro.
Analoga rilevanza va data all’aggiornamento e razionalizzazione dei
codici delle tabelle, finalizzato anch’esso al miglioramento della
qualita’ informativa, all’adeguamento normativo, allo snellimento
delle operazioni di codifica da parte dell’utente e di istruttoria da
parte della camera, grazie all’eliminazione di codici ambigui,
ridondanti, obsoleti o di uso interno dell’Ufficio.
Si e’ provveduto ad aggiornare il tracciato del modulo CF
(comunicazioni relative alle procedure concorsuali), per le
comunicazioni informatiche o telematiche dai tribunali al registro
delle imprese previste dalla riforma del diritto fallimentare.
La medesima riforma del diritto fallimentare prevede che
determinati soggetti possano effettuare alcuni adempimenti nei
confronti del registro: questi sono gestiti con nuovi riquadri per le
imprese individuali, e con l’aggiunta di specificazioni per le
societa’.
In ossequio, infine, alle disposizioni sopra richiamate in tema di
presentazione delle denunce previdenziali presso l’ufficio del
registro delle imprese, sono stati previsti appositi riquadri nonche’
un nuovo modulo (intercalare AA) per l’acquisizione delle
informazioni previdenziali commerciali e artigiane.
In relazione a quanto precede, si invitano codeste Camere di
commercio a dare la massima diffusione alle istruzioni in parola tra
gli utenti del registro delle imprese e del repertorio delle notizie
economiche ed amministrative, in modo che gli stessi possano disporne
all’atto della compilazione dei relativi moduli.
La presente circolare, con le istruzioni allegate, oltre ad essere
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale, e’ disponibile nel sito web
dello scrivente Ministero (www.sviluppoeconomico.gov.it).
Roma, 8 febbraio 2008
Il direttore generale: Mancurti

Allegato

—-> Vedere allegato da pag. 7 a pag. 87

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – CIRCOLARE 8 febbraio 2008, n.3615

Periti.info