MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 13 luglio 2012 | Periti.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 13 luglio 2012

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 13 luglio 2012 - Modifica dei modelli di certificati tipo inerenti il Registro delle imprese previsti dall'art. 24 del decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 1995, n. 581 e adozione di un nuovo modello di ricevuta di accettazione di comunicazione unica per la nascita dell'impresa, di cui all'art. 9, comma 3 del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7 convertito con legge 2 aprile 2007, n. 40. (12A08429) - (GU n. 181 del 4-8-2012 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 13 luglio 2012

Modifica dei modelli di certificati tipo inerenti il Registro delle
imprese previsti dall’art. 24 del decreto del Presidente della
Repubblica 7 dicembre 1995, n. 581 e adozione di un nuovo modello di
ricevuta di accettazione di comunicazione unica per la nascita
dell’impresa, di cui all’art. 9, comma 3 del decreto-legge 31 gennaio
2007, n. 7 convertito con legge 2 aprile 2007, n. 40. (12A08429)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto l’art. 8 della legge 29 dicembre 1993, n. 580, che
istituisce, presso le Camere di commercio, industria, artigianato e
agricoltura, l’ufficio del registro delle imprese di cui all’art.
2188 del codice civile;
Visti in particolare i commi 6, 7 e 8, lettera b), del predetto
art. 8;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 1995,
n. 581 recante il regolamento di attuazione previsto dal predetto
art. 8;
Visto l’art. 2, di detto regolamento ed in particolare il comma 1,
lettera d), che attribuisce all’ufficio del registro delle imprese il
compito di provvedere al rilascio, anche per corrispondenza e per via
telematica, di certificati di iscrizione o annotazione nel registro
delle imprese o di certificati attestanti il deposito di atti a tal
fine richiesti o la mancanza di iscrizione;
Visto l’art. 24 dello stesso regolamento di attuazione ed in
particolare i commi 1 e 3 che attribuiscono al Ministro
dell’industria, del commercio, dell’artigianato ( oggi Ministro dello
sviluppo economico) il compito di approvare con proprio decreto i
modelli per il rilascio, anche a distanza, dei predetti certificati,
nonche’ il comma 6 che dispone in merito alla certificazione
anagrafica dell’iscrizione nelle sezioni speciali;
Visto l’art. 3 del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39,
recante norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle
amministrazioni pubbliche;
Visto il decreto ministeriale 13 luglio 2004 come modificato e
integrato dal decreto ministeriale del 25 febbraio 2005, recante
l’approvazione dei modelli dei certificati tipo inerenti il registro
delle imprese , nonche’ recante”Modifica dei modelli di
certificati-tipo inerenti il Registro delle imprese previsti
dall’art. 24 del decreto del Presidente della Repubblica del 7
dicembre 1995, n. 581, e adozione di un modello di ricevuta di
comunicazione unica per la nascita dell’impresa;
Visto il decreto ministeriale 15 febbraio 2008 recante approvazione
del formato elettronico dei modelli di certificati-tipo inerenti il
registro delle imprese di cui al decreto 13 luglio 2004, come
modificato e integrato dal decreto ministeriale 25 febbraio 2005;
Visti i commi 2 bis e 2 ter dell’art. 42 del decreto legge 31
maggio 2010, n. 78 convertito in legge con modificazioni, dall’art.
1, comma 1, della Legge30 luglio 2010, n. 122, recante ” Misure
urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitivita’
economica”, che dettano norme in materia di contratti di rete;
Visto il comma 6 dell’art. 29 del citato decreto legge 31 maggio
2010 n. 78 che prevede a carico del curatore, in caso di fallimento,
specifica comunicazione al Registro delle imprese;
Visto il comma 4 dell’art. 1 del decreto legge 25 marzo 2010 n. 40
recante “Disposizioni urgenti tributarie e finanziarie in materia di
contrasto alle frodi fiscali internazionali e nazionali operate, tra
l’altro, nella forma dei cosiddetti «caroselli» e «cartiere», di
potenziamento e razionalizzazione della riscossione tributaria anche
in adeguamento alla normativa comunitaria, di destinazione dei
gettiti recuperati al finanziamento di un Fondo per incentivi e
sostegno della domanda in particolari settori”, che prevede la
comunicazione all’Ufficio del Registro delle imprese del
trasferimento della sede sociale all’estero;
Visti gli artt. 76, comma 2 e 107 del decreto del Presidente della
Repubblica D.P.R. 05-10-2010, n. 207 recante Regolamento di
esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n.
163, «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e
forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE»
concernenti la certificazione delle attestazioni SOA;
Visti gli articoli 7 del decreto del Ministro dello sviluppo
economico del 26 ottobre 2011, l’art. 8 del decreto in pari data del
Ministro dello sviluppo economico nonche’ l’art. 8 del decreto in
pari data del Ministro dello sviluppo economico che istituiscono
un’apposita sezione del Repertorio delle notizie economiche
amministrative istituito dall’art. 9 del decreto del Presidente della
Repubblica 7 dicembre 1995, n. 581;
Visto l’art. 19 della legge 8 agosto 1990 n. 241, come riformulato
dal comma 4 bis dell’art. 49 decreto legge 31 maggio 2010, n. 78 che
ha introdotto l’istituto della segnalazione certificata di inizio
attivita’;
Visto il comma 3, dell’art. 9 del decreto legge 31 gennaio 2007, n.
7, convertito in legge con modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007,
n. 40, che prevede il rilascio da parte dell’ufficio del registro
delle imprese della ricevuta di accettazione della comunicazione
unica per la nascita dell’impresa presentata ai sensi del comma 1 del
medesimo art. 9;
Visto il comma 2 dell’art. 5 del decreto del Presidente della
Repubblica 7 settembre 2010, n. 160 recante il Regolamento per la
semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico
per le attivita’ produttive, ai sensi dell’art. 38, comma 3, del
decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,
dalla legge 6 agosto 2008, n. 133;
Visti i commi 1 e 2 dell’art. 5 del D.M. 10 novembre 2011 recante
Misure per l’attuazione dello sportello unico per le attivita’
produttive di cui all’art. 38, comma 3-bis, del decreto-legge 25
giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni, dalla legge 6
agosto 2008, n. 133;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6
maggio 2009 avente ad oggetto “Individuazione delle regole tecniche
per le modalita’ di presentazione della comunicazione unica e per
l’immediato trasferimento dei dati tra le Amministrazioni
interessate, in attuazione dell’art. 9, comma 7, del decreto legge 31
gennaio 2007, n. 7,” ed in particolare l’art. 13;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 3 giugno 1998, n.
252, concernente il “Regolamento recante norme per la semplificazione
dei procedimenti relativi al rilascio delle comunicazioni e delle
informazioni antimafia”;
Visto l’art. 15 della legge 12 novembre 2011, n. 183 recante
“Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale
della Stato”, che detta norme in materia di certificazioni rilasciate
dalla pubblica amministrazione;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 14 dicembre 1999,
n. 558, concernente il “Regolamento recante norme per la
semplificazione della disciplina in materia di registro delle
imprese” ed in particolare l’art. 2, commi 2 e 3, sull’iscrizione
nella sezione speciale del registro delle imprese;
Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante il
“Codice in materia di protezione dei dati personali”, ed in
particolare le norme concernenti l’individuazione delle misure minime
di sicurezza per il trattamento dei dati personali;
Visto il decreto ministeriale 15 febbraio 2001 concernente
l’attivazione su richiesta, nel sito internet delle imprese, del
dispositivo “cert. impresa” per l’attestazione dei dati tratti dal
registro delle imprese tenuto dalle Camere di commercio industria
artigianato agricoltura;
Ritenuto necessario procedere alla modifica dei modelli di
certificato tipo al fine di adeguare gli stessi alle disposizioni
soprarichiamate;

Decreta:

Art. 1

1. Sono approvati i modelli di cui agli allegati A, B, C, D al
presente decreto, per il rilascio da parte degli uffici del registro
delle imprese dei certificati previsti dall’art. 8, comma 8, lettera
b), della legge 29 dicembre 1993, n. 580.
2. I modelli dei certificati tipo di cui al comma 1, sostituiscono
quelli approvati con decreto ministeriale 13 luglio 2004 come
modificato e integrato dal decreto ministeriale del 25 febbraio 2005,
nonche’ dal decreto ministeriale 28 marzo 2010 recante”Modifica dei
modelli di certificati-tipo inerenti il Registro delle imprese
previsti dall’art. 24 del decreto del Presidente della Repubblica del
7 dicembre 1995, n. 581, e adozione di un modello di ricevuta di
comunicazione unica per la nascita dell’impresa;.

Art. 2

1. Ai fini del rilascio da parte dell’ufficio del registro delle
imprese, della ricevuta di accettazione della comunicazione unica per
la nascita dell’impresa di cui all’art. 9, comma 7, del decreto-legge
31 gennaio 2007, n. 7, come modificato dalla legge di conversione del
2 aprile 2007, n. 40, e successivamente dall’art. 23, comma 13, del
decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito in legge, con
modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 3 agosto 2009, n.
102, e’ adottato il modello di cui all’allegato E al presente
decreto.
Il presente decreto e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 13 luglio 2012

Il Ministro: Passera

Allegato A

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato B

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato C

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato D

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 13 luglio 2012

Periti.info