MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 2 Agosto 2007 | Periti.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 2 Agosto 2007

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 2 Agosto 2007 - Modifica all'articolo 9, comma 2 del decreto 1° febbraio 2006, relativo ai criteri, condizioni e modalita' per la concessione ed erogazione delle agevolazioni di cui alla legge 19 dicembre 1992, n. 488. (GU n. 227 del 29-9-2007 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 2 Agosto 2007

Modifica all’articolo 9, comma 2 del decreto 1° febbraio 2006,
relativo ai criteri, condizioni e modalita’ per la concessione ed
erogazione delle agevolazioni di cui alla legge 19 dicembre 1992, n.
488.

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO
di concerto con
IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto il decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con
modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992, n. 488, in materia di
disciplina organica dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno;
Visto l’art. 9, comma 1, della legge 27 dicembre 1997, n. 449,
concernente l’estensione delle agevolazioni della legge n. 488/1992
al settore turistico-alberghiero;
Visto l’art. 54, comma 2, della legge 23 dicembre 1998, n. 448,
concernente l’estensione delle agevolazioni della predetta legge n.
488/1992, al settore del commercio;
Visto l’art. 52, comma 77, della legge 28 dicembre 2001, n. 448,
concernente l’estensione delle agevolazioni della predetta legge n.
488/1992, ai programmi di ammodernamento degli esercizi di cui
all’art. 4, comma 1, lettera d) del decreto legislativo 31 marzo
1998, n. 114, ed alle imprese di somministrazione di alimenti e
bevande aperte al pubblico di cui all’art. 3 della legge 25 agosto
1991, n. 287;
Visto l’art. 14, comma 1, della legge 5 marzo 2001, n. 57, che
prevede la definizione di modalita’ semplificate per l’accesso delle
imprese artigiane agli interventi agevolativi previsti dalla citata
legge n. 488/1992, e stabilisce che una quota delle risorse
annualmente disposte per tali interventi sia utilizzata per integrare
le disponibilita’ del Fondo previsto dall’art. 37 della legge
25 luglio 1952, n. 949, e sia amministrata, con contabilita’
separata, dal soggetto gestore del Fondo medesimo sulla base di
apposito contratto da stipulare con il Ministero delle attivita’
produttive;
Visto l’art. 8 del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, convertito,
con modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80, in materia di
riforma degli incentivi che prevede, tra l’altro, al fine di
stabilire i criteri e le modalita’ di attuazione delle disposizioni
contenute nel medesimo articolo, l’emanazione di un decreto di natura
non regolamentare del Ministro delle attivita’ produttive, di
concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, sentita la
Conferenza permanente tra lo Stato, le regioni e le province autonome
di Trento e di Bolzano;
Visto l’art. 1, comma 354, della legge 30 dicembre 2004, n. 311,
che istituisce, presso la gestione separata della Cassa depositi e
prestiti S.p.a., un apposito fondo rotativo, denominato “Fondo
rotativo per il sostegno alle imprese”, finalizzato alla concessione
alle imprese di finanziamenti agevolati che assumono la forma
dell’anticipazione, rimborsabile con un piano di rientro pluriennale;
Visto l’art. 1, comma 357, della citata legge n. 311/2004, che
prevede l’adozione di un decreto di natura non regolamentare del
Ministro competente, di concerto con il Ministro dell’economia e
delle finanze, con il quale sono stabiliti, in relazione ai singoli
interventi previsti dal comma 355 e nel rispetto dei principi
contenuti nei commi dal 354 al 361 e nelle delibere del CIPE, i
requisiti e le condizioni per l’accesso ai finanziamenti agevolati;
Vista la delibera del CIPE n. 76 del 15 luglio 2005, emanata ai
sensi dell’art. 1, comma 356, della predetta legge 30 dicembre 2004,
n. 311, che fissa i criteri generali, le condizioni e le modalita’ di
erogazione e di rimborso del finanziamento pubblico agevolato di cui
al comma 354 della stessa legge e, in particolare, approva lo schema
di convenzione per la regolamentazione dei rapporti tra la Cassa
depositi e prestiti S.p.a. e i soggetti abilitati a svolgere
l’istruttoria del finanziamento stesso;
Visto il decreto del Ministro delle attivita’ produttive, di
concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, del
1° febbraio 2006, con il quale, in attuazione delle disposizioni
dell’art. 8 del citato decreto-legge n. 35/2005, sono stati stabiliti
i criteri e le modalita’ di concessione ed erogazione delle
agevolazioni previste dalla legge n. 488/1992;
Visto in particolare l’art. 9, comma 2, del citato decreto del
1° febbraio 2006, che fissa il termine per la stipula dei contratti
di finanziamento a novanta giorni dal ricevimento da parte delle
imprese beneficiarie del decreto di concessione delle agevolazioni,
nonche’ l’art. 11, comma 1, lettera l), del medesimo decreto che
considera il mancato rispetto di detto termine quale causa di revoca
delle agevolazioni;
Considerato che per i bandi del 2006 della citata legge n.
488/1992, che costituiscono il primo avvio operativo del procedimento
dettato dal citato decreto del 1° febbraio 2006, sono emerse
difficolta’ oggettive nel rispetto del predetto termine connesse alla
pluralita’ dei soggetti coinvolti ed alla complessita’ delle
attivita’ richieste per il rilascio delle garanzie e l’acquisizione
della ulteriore documentazione necessaria per la stipula, difficolta’
che inducono a modificare il termine medesimo;
Ritenuto che occorra far salva la possibilita’ per le stesse
imprese di procedere alla stipula dei contratti, assicurando in tal
modo il pieno, efficace e quanto piu’ possibile tempestivo utilizzo
delle risorse assegnate;
Sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le
regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano;

Decreta:

Articolo unico

1. Il termine per la stipula dei contratti di finanziamento
previsto all’art. 9, comma 2, del decreto del Ministro delle
attivita’ produttive, di concerto con il Ministro dell’economia e
delle finanze, del 1° febbraio 2006, e’ elevato da novanta a
centocinquanta giorni.
Il presente decreto sara’ trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 2 agosto 2007

Il Ministro dello sviluppo economico
Bersani

Il Ministro dell’economia
e delle finanze
Padoa Schioppa

Registrato alla Corte dei conti il 21 agosto 2007
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 3, foglio n. 335

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 2 Agosto 2007

Periti.info