MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 21 ottobre 2010 | Periti.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 21 ottobre 2010

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 21 ottobre 2010 - Estensione transitoria del periodo di esercizio del servizio di salvaguardia nel settore elettrico e recupero dei maggiori costi connessi. (10A13427) - (GU n. 262 del 9-11-2010 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 21 ottobre 2010

Estensione transitoria del periodo di esercizio del servizio di
salvaguardia nel settore elettrico e recupero dei maggiori costi
connessi. (10A13427)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto-legge 18 giugno 2007, n. 73, recante misure
urgenti per l’attuazione di disposizioni comunitarie in materia di
liberalizzazione dei mercati dell’energia, convertito con la legge 3
agosto 2007, n. 125, (di seguito la legge n. 125/07) ed in
particolare l’art. 1, comma 4, secondo cui il Ministro dello sviluppo
economico, su proposta dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il
gas (di seguito: Autorita’), stabilisce un regime di salvaguardia per
i clienti finali che abbiano autocertificato di non rientrare nel
regime di tutela di cui al comma 2 della medesima legge, ossia tra i
clienti domestici e tra le imprese connesse in bassa tensione aventi
meno di 50 dipendenti e un fatturato annuo non superiore a 10 milioni
di euro e che si trovano senza fornitore o che non abbiano scelto il
proprio fornitore;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 23 novembre
2007, n. 731, recante modalita’ e criteri per assicurare il servizio
di salvaguardia, che prevede lo svolgimento di gare per aree
territoriali e a condizioni che incentivino il passaggio al mercato
libero;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 febbraio
2008, recante proroga dei termini, in prima applicazione, per l’avvio
del servizio di salvaguardia di cui al decreto-legge 18 giugno 2007,
n.73;
Visto il decreto-legge 8 luglio 2010, n. 105, recante misure
urgenti in materia di energia, convertito con la legge 13 agosto
2010, n. 129 (di seguito legge n. 129/10), ed in particolare l’art.
1-bis relativo all’istituzione del sistema informatico integrato per
la gestione dei flussi informativi relativi ai mercati dell’energia
elettrica e del gas;
Vista la deliberazione dell’Autorita’ 4 agosto 2010, ARG/com 128/10
concernente disposizioni per lo sviluppo del Sistema informativo
integrato per la gestione dei rapporti fra i diversi operatori dei
mercati liberalizzati;
Ritenuto opportuno avviare un’istruttoria, con i soggetti
istituzionali coinvolti, sull’esperienza maturata relativamente alla
gestione delle gare per l’affidamento del servizio e sull’impatto del
nuovo Sistema informativo integrato;
Vista la delibera dell’Autorita’ del 12 ottobre 2010, PAS 24/10,
recante proposta al Ministro dello sviluppo economico circa la
modifica delle procedure concorsuali per l’aggiudicazione del
servizio di salvaguardia ai sensi dell’art. 1, comma 4, della legge 3
agosto 2007, n.125, con riferimento:
all’estensione, in via transitoria, del periodo di erogazione del
servizio di salvaguardia in assegnazione in esito alle procedure
concorsuali che si svolgeranno entro la fine dell’anno 2010;
alla previsione di un meccanismo di reintegrazione degli oneri
non recuperabili relativi alla morosita’ dei clienti finali non
disalimentabili nel periodo di erogazione del servizio di
salvaguardia;
Tenuto conto che il sistema di gara per l’assegnazione del servizio
di salvaguardia ha, in sede di prima applicazione, evidenziato alcune
inefficienze legate anche alla gestione del trasferimento tra gli
operatori di un numero elevato di punti di prelievo e alla gestione
di banche dati relative ai medesimi punti;
Considerato che le difficolta’ in ordine al trasferimento tra gli
esercenti delle informazioni rilevanti relative ai clienti finali in
salvaguardia, in corrispondenza di ogni nuovo periodo di
salvaguardia, possono essere piu’ efficacemente gestite con l’entrata
a regime del Sistema informatico integrato di cui alla legge n.
129/10;
Considerato che la morosita’ dei clienti non disalimentabili in
regime di salvaguardia e’ un fenomeno in crescita che presenta
elementi che eccedono il rischio proprio delle attivita’ di vendita,
in relazione alla natura non disalimentabile del carico;
Ritenuto opportuno, anche in esito all’istruttoria svolta e in
relazione alla citata delibera dell’Autorita’ PAS 24/10, disporre il
prolungamento di un anno, in via transitoria, della durata del
periodo di erogazione del servizio di salvaguardia da aggiudicare
entro la fine dell’anno 2010 al fine di poter disporre della piena
funzionalita’ del sistema informatico integrato al momento
dell’indizione delle successive gare e l’introduzione di un
meccanismo di reintegrazione agli esercenti il servizio di
salvaguardia degli oneri non recuperabili connessi alla morosita’ dei
clienti in salvaguardia non disalimentabili;

Decreta:

Art. 1

1. Il servizio di salvaguardia aggiudicato in esito alle procedure
concorsuali che saranno svolte entro il mese di novembre 2010 e’
erogato dal 1° gennaio 2011 al 31 dicembre 2013.
2. Al fine di contenere il rischio creditizio assunto da ciascun
esercente la salvaguardia, l’Autorita’ per l’energia elettrica e il
gas definisce un meccanismo di reintegrazione degli oneri non
recuperabili relativi ai clienti finali non disalimentabili, in modo
tale da garantire agli esercenti la salvaguardia, una forma di
riconoscimento di tali oneri, fermo restando quanto previsto al comma
3.
3. Per accedere al meccanismo di reintegrazione degli oneri non
recuperabili di cui al comma 2, gli esercenti la salvaguardia sono
tenuti previamente ad attuare, secondo modalita’ definite
dall’Autorita’, le procedure di recupero e gestione del credito, ivi
comprese, qualora ne sussistano le condizioni, quelle esperibili
attraverso la societa’ Equitalia S.p.a.
4. Gli oneri da riconoscere agli esercenti la salvaguardia ai sensi
del comma 2 sono posti a carico di una specifica componente di
dispacciamento applicata ai punti di prelievo nella titolarita’ di
clienti finali aventi diritto alla salvaguardia.
5. Il presente decreto e’ inviato per la pubblicazione nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana ed entra in vigore il
giorno della sua pubblicazione nel sito internet del Ministero dello
sviluppo economico.
Roma, 21 ottobre 2010

Il Ministro: Romani

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 21 ottobre 2010

Periti.info