PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L'INNOVAZIONE - DECRETO 24 settembre 2010 | Periti.info

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L’INNOVAZIONE – DECRETO 24 settembre 2010

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L'INNOVAZIONE - DECRETO 24 settembre 2010 - Modalita' attuative dell'articolo 2, comma 589, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria 2008), recante disposizioni in materia di posta elettronica. (10A13934) - (GU n. 278 del 27-11-2010 )

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA PUBBLICA
AMMINISTRAZIONE E L’INNOVAZIONE

DECRETO 24 settembre 2010

Modalita’ attuative dell’articolo 2, comma 589, della legge 24
dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria 2008), recante disposizioni
in materia di posta elettronica. (10A13934)

IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
E L’INNOVAZIONE

di concerto con

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA
E DELLE FINANZE

e

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto l’art. 2, commi 589 e 590, della legge 24 dicembre 2007, n.
244, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato» (legge finanziaria 2008);
Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive
modificazioni, recante «Codice dell’amministrazione digitale» e, in
particolare, l’art. 47;
Visto l’art. 16, comma 8, del decreto-legge 29 novembre 2008, n.
185, convertito, con modificazioni, nella legge 28 gennaio 2009, 2,
recante «Misure urgenti per il sostegno a famiglie, lavoro,
occupazione e impresa e per ridisegnare in funzione anti-crisi il
quadro strategico nazionale»;
Visto l’art. 33 della legge 18 giugno 2009, n. 69, recante
«Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la
competitivita’ nonche’ in materia di processo civile» con cui si
delega il Governo a modificare il codice dell’amministrazione
digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82;
Visto il decreto legislativo 1° dicembre 2009, n. 177 recante
«Riorganizzazione del Centro nazionale per l’informatica nella
pubblica amministrazione, a norma dell’art. 24 della legge 18 giugno
2009, n. 69»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000,
n. 445, recante «Testo unico delle disposizioni legislative e
regolamentari in materia di documentazione amministrativa»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005,
n. 68, recante «Disposizioni per l’utilizzo della posta elettronica
certificata, a norma dell’art. 27 della legge 16 gennaio 2003, n. 3»;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 31
ottobre 2000, recante «Regole tecniche per il protocollo informatico
di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 ottobre 1998, n.
428»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 7 maggio
2008, con il quale l’on. Prof. Renato Brunetta e’ stato nominato
Ministro senza portafoglio;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8
maggio 2008, con il quale al predetto Ministro senza portafoglio e’
stato conferito l’incarico per la pubblica amministrazione e
l’innovazione;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13
giugno 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 149 del 27 giugno
2008, recante delega di funzioni in materia di pubblica
amministrazione ed innovazione al Ministro senza portafoglio, on.
Prof. Renato Brunetta;
Visto il decreto del Ministro per l’innovazione e le tecnologie del
2 novembre 2005, recante «Regole tecniche per la formazione, la
trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta
elettronica certificata»;
Vista la circolare del Centro nazionale per l’informatica nella
pubblica amministrazione del 24 novembre 2005, concernente «Modalita’
per la presentazione delle domande di iscrizione nell’elenco pubblico
dei gestori di posta elettronica certificata (PEC) di cui all’art. 14
del decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68»;
Vista la circolare del Centro nazionale per l’informatica nella
pubblica amministrazione del 7 dicembre 2006 che disciplina
l’attivita’ di vigilanza e di controllo svolta dal CNIPA nei
confronti dei gestori di Posta Elettronica Certificata (PEC);

Decreta:

Art. 1

Oggetto

1. Il presente decreto definisce le modalita’ attuative dell’art.
2, comma 589, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, che assegna a
DigitPA (gia’ Centro nazionale per l’informatica nella pubblica
amministrazione – Cnipa) il compito di effettuare, anche a campione,
azioni di monitoraggio e verifica del rispetto delle disposizioni in
materia di trasmissione dei documenti mediante la posta elettronica
istituzionale sia ordinaria che certificata tra le pubbliche
amministrazioni, secondo quanto previsto dall’art. 47 del decreto
legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni (di
seguito Codice), nonche’ dal decreto del Presidente della Repubblica
dell’11 febbraio 2005, n. 68, recante «Disposizioni per l’utilizzo
della posta elettronica certificata, a norma dell’art. 27 della legge
16 gennaio 2003, n. 3» e dalle altre disposizioni in materia di posta
elettronica certificata.
2. Per casella di posta elettronica istituzionale si intende la
casella di posta elettronica riferita ad una struttura organizzativa
o ad una particolare funzione dell’amministrazione.

Art. 2

Ambito di applicazione

1. Sono oggetto di monitoraggio e verifica le trasmissioni di
documenti delle pubbliche amministrazioni statali, comprese le
aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo e gli
enti pubblici non economici nazionali.
2. Le pubbliche amministrazioni di cui al comma 1 sono tenute a
predisporre le procedure necessarie a garantire la disponibilita’ dei
dati previsti secondo le modalita’ e nel rispetto dei tempi previsti
dall’art. 3.

Art. 3

Modalita’ di rilevazione dei dati
relativi alle trasmissioni

1. Ciascuna amministrazione individua almeno un referente che
costituisce l’unico soggetto autorizzato a trasmettere a DigitPA i
dati previsti dall’art. 4. Il referente dovra’ disporre di una
casella di posta elettronica certificata da utilizzare per tutte le
comunicazioni formali con DigitPA. Ai fini dell’accreditamento del
referente, ciascuna amministrazione comunica a DigitPA, entro un mese
dalla data di pubblicazione del presente decreto, il nominativo del
referente e il relativo indirizzo di posta elettronica certificata.
2. Entro il termine di trenta giorni dalla fine di ciascun
semestre, decorrente dall’inizio dell’anno solare, i referenti
trasmettono a DigitPA tramite la casella di posta elettronica
certificata di cui al comma 1, i dati oggetto delle rilevazioni.
3. Per le trasmissioni previste dal comma 2 i referenti utilizzano
il formato elettronico reso disponibile da DigitPA, entro un mese
dalla data di pubblicazione del presente decreto, nella sezione PEC
del sito istituzionale www.cnipa.gov.it.

Art. 4

Oggetto delle rilevazioni

1. DigitPA, in base ai dati raccolti nelle modalita’ descritte
all’art. 3, verifica il grado di attuazione delle disposizioni di cui
all’art. 47 del Codice e delle altre disposizioni in materia di posta
elettronica certificata.
2. I dati forniti dalle amministrazioni, oggetto delle rilevazioni,
sono i seguenti:
a) numero di caselle di posta elettronica istituzionale ordinaria
o certificata;
b) numero complessivo di caselle di posta elettronica
istituzionale certificata o di analoghi indirizzi di posta
elettronica basati su tecnologie che certifichino data e ora
dell’invio e della ricezione delle comunicazioni e l’integrita’ del
contenuto delle stesse, garantendo l’interoperabilita’ con analoghi
sistemi internazionali, corrispondenti al registro di protocollo di
cui all’art. 50 del decreto del Presidente della Repubblica 28
dicembre 2000, n. 445;
c) numero complessivo dei messaggi inviati dalle caselle di posta
elettronica istituzionali;
d) numero complessivo dei messaggi di posta elettronica
istituzionale inviata con gli allegati;
e) numero complessivo di documenti inviati, secondo quanto
rilevato dai sistemi di protocollo informatico, nonche’, ove tuttora
presenti, dai registri cartacei di protocollo;
f) rapporto tra il volume complessivo della corrispondenza
inviata, cartacea ed elettronica, secondo i dati previsti dalla
lettera c) alla lettera e), nonche’ le modalita’ con cui sono stati
ottenuti i dati;
g) i dati sulla spesa sostenuta nell’esercizio finanziario
precedente per l’invio della posta cartacea, da cui si rileva il
numero di documenti inviati sulla base del costo medio di una
spedizione.
3. DigitPA, sulla base dei dati raccolti, certifica per ogni
amministrazione il totale della corrispondenza cartacea ed
elettronica inviata.

Art. 5

Trasmissione al Ministero
dell’economia e delle finanze

1. DigitPA, ai fini dell’applicazione della riduzione delle risorse
stanziate nell’anno in corso al momento della rilevazione, secondo
quanto previsto dall’art. 2, comma 589, della legge 24 dicembre 2007,
n. 244, elabora i dati di cui all’art. 4 e comunica al Ministero
dell’economia e delle finanze i risultati, distinti per
amministrazione, delle rilevazioni e delle certificazioni effettuate
in base al presente decreto.
2. I risultati delle rilevazioni e le certificazioni effettuate in
base al presente decreto sono comunicate al Ministro per la pubblica
amministrazione e l’innovazione ai fini dell’adozione delle
conseguenti iniziative volte all’incremento dell’utilizzo della posta
elettronica istituzionale anche ai fini della trasmissione
documentale.
Il presente decreto e’ inviato ai competenti organi di controllo e
sara’ pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 24 settembre 2010

Il Ministro per la pubblica amministrazione
e l’innovazione
Brunetta

Il Ministro dell’economia
e delle finanze
Tremonti

Il Ministro dello sviluppo economico, ad interim
Berlusconi

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L’INNOVAZIONE – DECRETO 24 settembre 2010

Periti.info